Omessa dichiarazione dei redditi - Che sanzioni rischio?

Ho una ditta individuale e devo ancora fare l'unico 2017 per degli insoluti con il commercialista: che sanzione rischio?

Nei casi di omessa presentazione della dichiarazione ai fini delle imposte sui redditi, si applica la sanzione amministrativa dal centoventi al duecentoquaranta per cento dell'ammontare delle imposte dovute, con un minimo di euro 250. Se non sono dovute imposte, si applica la sanzione da euro 250 a euro 1.000.

Se la dichiarazione omessa è presentata dal contribuente entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa al periodo d'imposta successivo e, comunque, prima dell'inizio di qualunque attività amministrativa di accertamento di cui il contribuente abbia avuto formale conoscenza, si applica la sanzione amministrativa dal sessanta al centoventi per cento dell'ammontare delle imposte dovute, con un minimo di euro 200. Se non sono dovute imposte, si applica la sanzione da euro 150 a euro 500.

Così dispone l'articolo 1 della legge 471/1997.

27 dicembre 2017 · Giorgio Valli

In merito alla mia domanda precedente: la sanzione si paga solo in caso di accertamento? Come posso calcolarla? La scadenza di presentazione dell'unico esattamente quando é?

Naturalmente si è sanzionati solo se si viene beccati. Per conoscere l'importo della sanzione deve necessariamente conoscere l'importo dell'imposta dovuta (quindi dovrebbe simulare una dichiarazione per il 2016).

La dichiarazione per i redditi 2016 andava presentata entro il 31 ottobre 2017.

27 dicembre 2017 · Giorgio Valli

Vorrei capire cosa significa: "Se la dichiarazione omessa è presentata dal contribuente entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa al periodo d'imposta successivo e, comunque, prima dell'inizio di qualunque attività amministrativa di accertamento di cui abbia avuto formale conoscenza, si applica la sanzione amministrativa dal sessanta al centoventi per cento dell'ammontare delle imposte dovute, con un minimo di euro 200. Se non sono dovute imposte, si applica la sanzione da euro 150 a euro 500."

Si tratta del cosiddetto ravvedimento operoso: la dichiarazione dei redditi percepiti nel 2016 può essere presentata entro la scadenza del termine per la presentazione del modello persone fisiche 2018 redditi 2017, sanando l'omissione. Naturalmente, vanno contestualmente pagate le imposte dovute, le sanzioni seppur ridotte e gli interessi legali sull'imposta dovuta. Serve il necessario supporto del commercialista.

27 dicembre 2017 · Giorgio Valli

Quindi se io di imposte devo pagare € 2.000 per esempio se faccio la dichiarazione dei redditi entro il 2018 dovrò pagare una sanzione di euro 1.200 giusto?

In linea di massima è giusto: ma va considerato che la sanzione amministrativa tributaria varia, per una imposta evasa di duemila euro, da un minimo di 1.200 euro ad un massimo di 2.400 euro. Nell'effettiva quantificazione della sanzione entrano in gioco fattori quali l'importo dell'imposta dovuta, le condizioni economiche e sociali del contribuente, l'eventuale recidività.

27 dicembre 2017 · Giorgio Valli

Entro quanti anni posso essere effettuati i controlli? Quando cade il tutto in prescrizione? Entro 4 anni dal 2016?

Più correttamente si parla di decadenza della Pubblica Amministrazione del potere di effettuare un accertamento fiscale.

Nei casi di omessa presentazione della dichiarazione, l'avviso di accertamento può essere notificato entro il 31 dicembre del settimo anno successivo a quello in cui la dichiarazione avrebbe dovuto essere presentata. Per l'anno di imposta 2016, laddove la presentazione del modello Persone Fisiche andava effettuata nel 2017, il fisco può compiere accertamenti fino al 31 dicembre 2024.

Così dispone l'articolo 43 del DPR 600/1973.

27 dicembre 2017 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

dichiarazione redditi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Dichiarazione redditi » Se il tuo commercialista dimentica di presentarla non devi pagare le relative more e sanzioni
Se il commercialista dimentica di presentare la dichiarazione redditi del proprio cliente, il contribuente deve pagare comunque le tasse ma non le more e le sanzioni per il ritardo. La dichiarazione redditi consegnata all'intermediario entro i termini e poi dallo stesso non trasmessa al fisco, non va considerata omessa. Rimane ...
Quanto costa la sanzione per omessa o infedele dichiarazione dei redditi
Per omessi, insufficienti o ritardati versamenti diretti (saldo, acconto, periodici) la sanzione amministrativa è pari al 30% dell'imposta dovuta e non pagata. La sanzione è ridotta a 1/15 per ciascun giorno di ritardo, se il versamento è effettuato entro 15 giorni. In caso di omessa dichiarazione dei redditi la sanzione ...
Omessa presentazione della dichiarazione dei redditi - il contribuente non è esente da colpa per il solo fatto di aver incaricato un professionista per i relativi adempimenti
La violazione delle norme tributarie suscettibile di sanzione da parte della legge richiede che il comportamento addebitato sia posto in essere con dolo o anche colpa: il contribuente a cui venga contestata la mancata presentazione della dichiarazione dei redditi e l'omessa tenuta delle scritture contabili obbligatorie non può considerarsi esente ...
Dichiarazione dei redditi - le sanzioni
Si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 258 a euro 2.065, se nella dichiarazione sono omessi o non sono indicati in maniera esatta e completa dati rilevanti per l'individuazione del contribuente o, se diverso da persona fisica, del suo rappresentante, dati rilevanti per la determinazione del tributo, oppure non ...
Assegno sottoscritto con una sigla e non con la firma di traenza - La banca che paga lo fa a proprio rischio e pericolo
Se sugli assegni portatì in pagamento alla banca risulta apposta non già una firma di traenza, bensì una semplice sigla, la banca trattaria non può procedere al pagamento che, se effettuato, avviene a suo rischio. Infatti, nell'adempiere l'obbligazione il debitore (nella fattispecie la banca) deve adottare la diligenza richiesta con ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande