Obbligo pagamenti con Pos – Le commissioni bancarie così alte obbligano i commercianti ad aumentare i prezzi?

Sono un commerciante, e voglio dire che (partendo dal presupposto che sono completamente favorevole alla lotta contro l’evasione fiscale) non si può pretendere che accettiamo pagamenti POS obbligatoriamente con delle commissioni da onorare alle banche così alte.

Così facendo noi del settore siamo inevitabilmente costretti ad aumentare i prezzi e dunque anche il consumatore ne risponde.

Possibile che ancora non si è capito questo?

In effetti, secondo diverse associazioni dei consumatori, l’obbligo dei pagamenti elettronici e il limite sui contati rischiano di generare rincari a danno dei consumatori: altrimenti si rischia che i maggiori costi a carico di esercenti e imprese siano scaricati sui consumatori finali.

Le commissioni interbancarie per i micropagamenti con carta di credito e bancomat inferiori ai 30 euro dovrebbero essere azzerate del tutto.

Ciò, poiché, i limiti all’utilizzo dei contanti e l’obbligo di Pos con relative sanzioni per chi rifiuta i pagamenti con carta e bancomat introdurranno costi evidenti a carico di artigiani, imprese ed esercenti, che rischiano di essere interamente scaricati sui consumatori, attraverso un incremento di prezzi e tariffe.

La lotta all’evasione è importante, ma non è possibile istituire nuovi obblighi senza prevedere agevolazioni per chi, da tali misure, subirà ripercussioni economiche negative.

Per questo diverse associazioni dei consumatori, tra cui il Codacons, hanno chiesto al Governo di azzerare le commissioni interbancarie sui pagamenti con carta e che gravano sugli esercenti, commissioni attualmente pari allo 0,1% per le transazioni al di sotto dei 5 euro e allo 0,2% per quelle tra i 5 e i 25 euro, senza contare i costi di installazione e gestione dei Pos.

In tal senso è positiva l’apertura del primo istituto di credito, Intesa Sanpaolo, che si è detto pronto a tagliare le commissioni sui pagamenti.

21 Ottobre 2019 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pagamenti in contante demonizzati - Pos: ma quanto ci costi? La parola ai commercianti
Sono un commerciante e condivido l'idea proposta da governo e istituzioni, di limitare l'uso del contante per aumentare i pagamenti tracciabili: sarebbe anche ora, però, di diminuire i canoni impostaci dalle banche per utilizzare i POS. Altrimenti, per continuare a guadagnare qualcosa, saremmo sempre costretti ad aumentare i prezzi o a rifiutare i pagamenti tracciabili. Dobbiamo campare anche noi, insomma! ...

Bonus baby sitting per fruire dei centri estivi - Si verifica un aumento ingiustificato dei prezzi d'iscrizione?
Volevo utilizzare il bonus baby sitting per iscrivere mio figlio ad un centro estivo, ma ho notato che i titolari stanno facendo i furbetti, approfittando di questa situazione, con un aumento ingiustificato dei prezzi. E' lecita questa prassi? ...

Coronavirus: aumento prezzi polizze rc auto in arrivo - Ecco i consigli per risparmiare
Durante il lockdown imposto a causa dell'emergenza Coronavirus i prezzi delle polizze rc auto per assicurare i veicoli erano scesi vertiginosamente, ed al momento sono ancora convenienti. Io ho un veicolo, non utilizzato su strada, che vorrei assicurare. Mi conviene farlo ora o i prezzi potrebbero ancora scendere? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Obbligo pagamenti con Pos – Le commissioni bancarie così alte obbligano i commercianti ad aumentare i prezzi?