Quando uno dei coeredi è debitore

Argomenti correlati:

Il caso e’ questo: 6 soggetti verranno chiamati all’eredità di un patrimonio composto da beni mobili e immobili e uno dei coeredi risulta fallito nel 1997 con il debito ceduto nel 2016 a una società di recupero crediti.

Pur rinunciando all’eredita, il fallito verrà certamente aggredito dai creditori. Avendo comunque un debito più alto della quota spettante dovranno gli altri coeredi contribuire a soddisfare il debitore con i beni indivisibili (immobili)?

Che possibilità hanno i coeredi di tutelare la loro parte?

Se taluno rinunzia a un’eredità con danno dei suoi creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare l’eredità in nome e luogo del rinunziante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari fino alla concorrenza dei loro crediti.

Questo è quanto dispone l’articolo 524 del codice civile. Pertanto, ciascuno dei cinque coeredi avrà diritto alla propria quota di eredità determinata come se il coerede debitore avesse accettato: cioè avrà diritto alla massa ereditaria, attiva e passiva del de cuius, divisa per 6.

Escussa la sesta parte dell’eredità, nulla il creditore procedente potrà pretendere dai coeredi non debitori.

17 Novembre 2018 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

DSU/ISEE quando il patrimonio immobiliare è in comunione con i coeredi
Mio padre è morto il 29/03/2018 lasciando dei beni immobili: devo fare isee, ma non abbiamo fatto divisioni o intestazioni dei beni caduti in successione perché siamo in disaccordo tra i futuri eredi. Devo inserire gli immobili per mia quota nell'isee al 31/12/2018, oppure per isee 2019 non devo inserire niente? Diversi sono i pareri ed io non trovo normativa che mi chiarisca il dubbio. ...

Azione giudiziale per recupero debiti del defunto - l'erede ha l'onere di indicare i coeredi
Gli eredi sono tenuti verso i creditori al pagamento dei debiti del defunto personalmente in proporzione della loro quota ereditaria. Il coerede che ha pagato oltre la parte a lui incombente può chiedere agli altri coeredi soltanto la parte per cui essi devono contribuire (articolo 754 codice civile). La norma deve essere interpretata nel senso che il coerede convenuto per il pagamento di un debito ereditario ha l'onere di indicare al creditore questa sua condizione di coobbligato passivo, entro i limiti della propria quota, indicando i coeredi non raggiunti dall'azione giudiziaria intrapresa dal creditore. In mancanza il creditore può chiedere ...

Eredità di un immobile - Se il defunto lascia al debitore il diritto di abitazione il creditore non può esperire azione revocatoria della rinuncia del debitore a promuovere nei confronti dei coeredi ogni azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima
Supponiamo che il debitore accetti il diritto di abitazione, a lui destinato nel testamento, e rinunci a promuovere nei confronti dei coeredi testamentari dello stesso immobile caduto in successione, ogni azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima. In questo modo, il debitore preclude al creditore la possibilità di soddisfarsi sui beni che, in caso di esito positivo di una eventuale azione di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive della quota di legittima, entrerebbero a far parte del suo patrimonio. La domanda che ci si pone è se possa essere oggetto di revocatoria, da parte del creditore, la ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Quando uno dei coeredi è debitore