Obbligo catene invernali e/o catene a bordo dal 15 novembre - Cosa si rischia se si trasgredisce la norma?

Ho letto su un cartello stradale della mia zona che a partire dal 15 novembre c'è l'obbligo di montare gli pneumatici invernali o tenere le catene a bordo: non posseggo nessuno dei due e vorrei evitare la spesa.

E' fondamentale non averne o è tollerato dalla polizia stradale?

Cosa si rischia se si trasgredisce?

Dal 15 novembre di ogni anno scatta l'obbligo, per gli automobilisti, di montare le gomme invernali o, in alternativa, tenere le catene a bordo: può sembrare un cavillo ma, in realtà, le sanzioni possono essere molto severe qualora si trasgredisse la normativa del codice della strada.

Dunque, in conformità con quanto disposto dall'articolo 6, comma quarto, del Codice della Strada, gli automobilisti dovranno sostituire il treno gomme per passare a quelle adatte alle temperature più rigide e alla pioggia, oppure mettere nel bagagliaio le catene.

Il periodo di tempo per la circolazione con pneumatici invernali nelle strade dove vige l'obbligo, è dal 15 novembre al 15 aprile, con tolleranza di un mese per il montaggio/smontaggio dei dispositivi.

Le Regioni interessate dal pit-stop di legge sono Valle d'Aosta, Piemonte, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Lazio, Abruzzo, Umbria, Molise, Puglia. Ma ognuna al suo interno ha delle Province maggiormente interessate all'ordinanza.

Le sanzioni per chi non osserva l'obbligo né con gli pneumatici invernali né con le catene a bordo possono essere piuttosto pesanti: all'interno dei centri abitati si va da un minimo di 41 a un massimo di 168 euro, 84 euro al di fuori dei centri, mentre in autostrada la sanzione può arrivare fino a 318 euro.

Inoltre, se un volta accertata la violazione l'automobilista non osserva lo stato di fermo imposto dalle autorità – e utilizza l'auto senza l'adeguamento con pneumatici e/o catene a bordo – la sanzione pecuniaria (di 84 euro) porterà via anche 3 punti dalla patente.

Il conducente dell'auto colto in flagranza viene obbligato a fermarsi, secondo quanto prescritto dall'art. 192 e può proseguire la sua marcia solamente nel momento in cui ha dotato il mezzo dei dispositivi antisdrucciolevoli.

L'agente, inoltre, può imporre il fermo del veicolo finché non lo si mette in regola mentre in città potrebbe scattare anche l'accusa di guida pericolosa che comporta ulteriori 39 euro di sanzione e la decurtazione di 5 punti dalla patente.

9 novembre 2018 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

multa

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Multa stradale » Dopo il sinistro non sempre c'è obbligo di contestazione immediata
Non sempre i vigili e/o la polizia stradale, dopo un sinistro, devono procedere alla contestazione immediata della multa. Secondo quanto disposto dal codice della strada, in alcuni casi particolari, in caso di infrazione da parte del conducente di un'autovettura, gli agenti non hanno l'obbligo di contestare immediatamente la multa al ...
Lo Scout speed - L'Autovelox senza obbligo di segnalazione della postazione di rilevamento della velocità
Il decreto ministeriale 139/07, che tratta delle modalità di segnalazione delle postazioni di rilevamento della velocità, chiarisce che la segnalazione non è prevista nel caso di rilevazione della velocità con modalità dinamiche, ovvero che le disposizioni in tema di segnalazione degli autovelox non si applicano per un dispositivo installato a ...
Sinistro stradale » Scontro tra veicoli? Non è colpa esclusivamente di chi non ha rispettato l'obbligo di precedenza
Nella fattispecie di un sinistro stradale con scontro tra due veicoli, per la valutazione della colpa, non importa che uno dei due automobilisti non abbia rispettato l'obbligo di precedenza: va verificata anche la condotta dell'altro conducente. Nel caso di scontro tra veicoli, l'accertamento della intervenuta violazione, da parte di uno ...
Revisione mancata e sinistro stradale? » Ecco le conseguenze
Come noto, la normativa vigente in materia stradale prevede, per tutti i mezzi in circolazione, controlli periodici per assicurarne nel tempo l'efficienza, la sicurezza e la riduzione delle emissioni nocive: parliamo della revisione. Ma ogni quanto tempo va effettuata la revisione? Cosa si rischia guidando senza averla in regola, soprattutto ...
Sinistro stradale all'incrocio » Se non si rispetta l'obbligo di prudenza la multa è valida anche se si ha la precedenza
Nell'ambito di un sinistro stradale avvenuto presso un incrocio, anche se si dispone del diritto di precedenza, non bisogna eccedere i limiti di velocità, ma va tenuta una guida prudente: al contrario, la multa è valida. L'automobilista non può utilizzare come appiglio difensivo la propria provenienza da destra, perché l'eventuale ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca