Nuovo condominio e spese da affrontare – Tabelle millesimali o quote uguali?

Sono andato a vivere da due anni in un nuovo condominio, di recente costruzione: visti i pochi, ancora, proprietari non è stato adottato, per adesso, un regolamento e soprattutto delle tabelle millesimali.

Per il momento abbiamo ripartito le spese da sostenere per quote uguali.

Adesso, però, si presentano degli impegni economici più consistenti.

Siccome io dispongo di un appartamento molto più piccolo degli altri, non mi sembra giusto pagare la stessa somma di chi ha una casa il doppio più grande della mia.

Dunque, come posso agire? Come faccio se mancano le tabelle millesimali?

Come noto, la costituzione di un condomino è una situazione che avviene di fatto, senza bisogno di atti formali, di delibere o di permessi: dal momento in cui i proprietari di un immobile diventano almeno due si forma automaticamente un condomino sulle parti comuni dell’edificio.

Comunque, la costituzione di un condomino non richiede necessariamente l’adozione di un regolamento e la nomina di un amministratore.

Se non c’è il regolamento di condominio, vengono applicate le norme del codice civile che regolano la materia e che disciplinano gli aspetti essenziali della vita di un edificio, la gestione delle parti comuni, gli usi che ne possono fare i vari condomini ecc.

Il problema però, avviene col fatto che, quando manca regolamento, non vengono approvate le tabelle millesimali per calcolare la ripartizione delle spese.

E dunque, come lei lamenta, che succede nel caso di una spesa onerosa, se uno o più condomini, giustamente, si rifiutano di pagare la stessa quota di un inquilino con appartamento di maggiore misura?

Ebbene, per le spese valgono sempre i millesimi, anche se manca la tabella.

La mancanza di tabelle millesimali non giustifica la pari ripartizione di un credito condominiale: salvo diversa convenzione, infatti, la somma andrà divisa in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascun condomino.

Lo afferma la Corte di Cassazione, con ordinanza 4259/18.

Dunque, in questi casi, se non si trova accordo, andrà conferito al giudice il compito di dividere l’entità del contributo dovuto da ciascuno conformemente ai criteri di ripartizione derivanti dai valori delle singole quote di proprietà.

28 Febbraio 2018 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Frazionamento di un appartamento in due unità abitative e modifica delle tabelle millesimali
Ho acquistato una delle due unità abitative ricavate da frazionamento di un precedente appartamento, regolarmente accatastata: tuttavia mi sono accorta successivamente che il condominio ripartisce ancora le spese condominiali in relazione a tabelle millesimali antecedenti l'intervenuta ripartizione, sicchè mensilmente sono costretta a recuperare i soldi anche dal proprietario dell'altra unità abitativa frazionata. Posso chiedere all'amministratore la modifica delle tabelle millesimali, in modo da dover rispondere sollo alle spese a cui sono obbligata per il mio appartamento? ...

Revisione delle tabelle millesimali condominiali - Ci vuole la maggioranza qualificata o è necessaria l'unanimità?
L'approvazione della revisione delle tabelle millesimali di un condominio richiede il consenso unanime o è sufficiente la maggioranza qualificata? ...

Revisione delle tabelle millesimali condominiali - Maggioranza qualificata o unanimità?
L'approvazione della revisione delle tabelle millesimali di un condominio richiede il consenso unanime o è sufficiente la maggioranza qualificata? In tema di condominio, l'atto di approvazione delle tabelle millesimali, al pari di quello di revisione delle stesse, non ha natura negoziale; ne consegue che il medesimo non deve essere approvato con il consenso unanime dei condomini, essendo a tal fine sufficiente la maggioranza qualificata di cui al comma 2 dell'articolo 1136 del codice civile (Corte di cassazione, sentenza 18477/2010 a sezioni unite). Per qualificata si intende la maggioranza costituite con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Nuovo condominio e spese da affrontare – Tabelle millesimali o quote uguali?