Nuova richiesta di pagamento TIA sulla quale pende già un ricorso alla CTP

L'anno scorso ho fatto ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale di Catania, regolarmente notificato a Simeto Ambiente per una richiesta di pagamento TIA anno 2008. L'importo era palesemente sbagliato perchè riferito a calcoli errati della superficie (100 invece di 30 Mq) e non dovuto perchè il locale era senza allacci e senza mobili. Probabilmente la pretesa era anche prescritta.

Oggi mi è arrivata una ingiunzione di pagamento per la stessa cosa, unica differenza è che la sanzione da 1/3, adesso è piena.

Ma è legale che vadano avanti con la richiesta di pagamenti malgrado una causa ancora non definita? Devo fare un'altra ricorso alla CPT per la stessa cosa?

Ci sono gli estremi per denunciarli?

Probabilmente lei non ha chiesto al giudice tributario la sospensione dell'atto impugnato fino alla pubblicazione della sentenza.

In tale ipotesi, la procedura avviata dall'esattore procede comunque. Inoltre, con la proposizione del ricorso si perde il diritto al beneficio dell'acquiescenza (accordato con riduzione ad un terzo delle sanzioni tributarie per versamenti effettuati entro 60 giorni).

E' questo il motivo per cui ha ricevuto un'ulteriore ingiunzione senza sconti sulle sanzioni.

8 aprile 2015 · Paolo Rastelli

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegni a vuoto - ricorso al Giudice di Pace contro l'ingiunzione di pagamento del Prefetto
L'emissione di assegni senza autorizzazione e senza provvista (a vuoto) è un illecito amministrativo che viene punito con sanzioni pecuniarie e accessorie. Il Prefetto del luogo di pagamento dell'assegno, alla ricezione del rapporto o dell'informativa da parte del notaio, del segretario comunale o della banca che ha sollevato protesto, provvede ...
Multa per parcheggio in zona blu senza esposizione del ticket - Si può contestare l'illegittimità dell'ordinanza istitutiva del parcheggio a pagamento ma non quella eventuale della delibera di concessione del servizio
Nel giudizio d'opposizione ad ordinanza ingiunzione avente ad oggetto l'irrogazione di sanzioni amministrative per violazione del codice della strada, il giudice ordinario ha il potere di sindacare incidentalmente, ai fini della disapplicazione, soltanto gli atti amministrativi posti direttamente a fondamento della pretesa sanzionatoria. Pertanto, ove sia stata irrogata una sanzione ...
Verbale di multa e ricorso al Prefetto - L'ingiunzione può non essere motivata ed il trasgressore non deve necessariamente essere audito
Ci si chiede se, nel giudizio relativo ad opposizione a sanzione amministrativa comminata per violazione al Codice della Strada, sia o meno illegittima, e quindi passibile di conseguente annullamento da parte del giudice di pace, l'ordinanza ingiunzione prefettizia che non indichi le ragioni per cui l'Autorità amministrativa ha disatteso le ...
Quando si perde il ricorso presso il giudice di pace - la procedura per il pagamento della multa
Come è noto, il decreto legislativo 1° settembre 2011, numero 150, in vigore dal 6 ottobre 2011, ha, tra l'altro, introdotto significative modifiche in materia di opposizione al verbale di accertamento di violazione del codice della strada, adesso regolata dall'articolo 7 del predetto decreto. L'articolo 7, comma 11 del decreto ...
Ricorso al prefetto » Non può essere iscritta sanzione a ruolo
In caso di ricorso al Prefetto, opposto ad un verbale di accertamento, relativo a violazioni del codice della strada di vecchia data, non può essere iscritta a ruolo alcuna somma a titolo di sanzione. Lo ha sancito la Corte di Cassazione, la quale, con la sentenza numero 16027/13, ha stabilito ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca