Nuova ecotassa basata sulle emissioni delle autovetture – Come funziona?

Argomenti correlati:

Si sta sentendo molto parlare in tv e sui social di una nuova, l’ennesima, tassa sugli autoveicoli, stavolta basata sulle emissioni nocive e chiamata appunto ecotassa.

Io posseggo un’autovettura diesel euro 3.

Vorrei sapere quanto pagherò e più in generale, come funziona.

Se ne sta ancora discutendo parecchio, dato che non tutti, all’interno del governo, sono d’accordo: ma sembra che, a meno di grossi ribaltoni, si farà: stiamo parlando dell’ecotassa sulle autovetture, basata sul numero delle emissioni, che colpirà una grande parte dei veicoli acquistati degli italiani.

Dal 1° gennaio 2019, arriva, infatti, l’ecotassa a pesare sulle tasche di quanti vorranno comprare automobili alimentate con carburante più inquinante: incentivi, invece per le auto più ecologiche.

La misura propone di applicare, già dal primo gennaio 2019 e per tutto il 2021, un’ imposta crescente, da 150 ai 3 mila euro, sull’ immatricolazione di auto nuove con emissioni di Co2 superiori ai 110 grammi/km.

Parallelamente, questa misura prevede un incentivo, da 6mila a 1.500 euro all’ acquisto di veicoli con emissioni tra 0 e 90 grammi/km di Co2.

Il paradosso è che la nuova tassa sulle emissioni inquinanti delle auto riguarderà, così come delineata dall’emendamento alla manovra, non solo auto di grossa cilindrata ma anche molte utilitarie, a partire da uno dei modelli più diffusi in Italia, la Fiat Panda.

Secondo la tabella riportata nell’emendamento, la tassa parte da 150 euro per i modelli che emettono tra 110 e 120 g/km di anidride carbonica, per salire a 300 euro in caso di emissioni tra 120 e 130 grammi, a 400 euro tra 130 e 140 grammi e così via, fino ad arrivare a 3.000 euro per le auto o i van che producono oltre 250 grammi di CO2 ogni a chilometro.

Guardando ai livelli di emissioni dei modelli Fiat riportati sul sito dell’azienda, la tassa non risparmierebbe quasi nessuno, né la Panda, né la 500X, tra i modelli praticamente più venduti in Italia.

Della gamma Volkswagen non si salverebbe alcun veicolo.

Così come non sarebbe esente la piccola di casa Nissan, la Micra.

Tra le city car sarebbero invece sotto gli standard quantificati dall’emendamento, quindi prive di aggravio, ad esempio l’Aygo della Toyota o la Peugeot 108.

7 Dicembre 2018 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ecotassa o Ecobonus? - Ecco come scegliere correttamente l'auto nuova
Sono in procinto, grazie alla tredicesima e bonus produzione, di acquistare un'auto nuova per il 2019: vorrei però, evitare di pagare l'ecotassa ed, al contrario, usufruire degli ecobonus. Dunque, quale auto scegliere per un'acquisto intelligente? ...

Ecotassa per acquisto veicoli inquinanti - Come pagarla?
Con mia grande fortuna (sarcasticamente parlando), sto quasi per concludere l'acquisto di un'autovettura: visto che la stessa, come ho controllato, genera consumi CO2 per 165g/km, dovrò pagara l'odiata ecotassa. D'accordo, quindi, com'è che si paga? ...

Ecotassa ed Ecobonus: ancora dubbi? - Ecco i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate
Vorrei acquistare un'auto fruendo degli incentivi avviati dal governo, ma non ho ben capito, tra tanta confusione che circola, quale veicolo, nel dettaglio, posso acquistare per risparmiare. Inoltre, mio figlio, che possiede una panda vecchio modello, non ha nemmeno lui compreso se dovrà pagare l'ecotassa o meno. Ci sono informazioni più chiare? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Nuova ecotassa basata sulle emissioni delle autovetture – Come funziona?