Nuova assunzione lavoro a tempo determinato - Chiedono scheda anagrafica lavoratore: cos'è?

Ho trovato, tramite un amico, un impiego presso un supermercato di una nota catena: mi sono presentato lì ieri per portare il solito curriculum vitae.

Gli addetti alle risorse umane, però, mi hanno chiesto, in vista del secondo colloquio, di rimediare anche la mia scheda anagrafica del lavoratore.

Non so bene di cosa si tratti e dove farmela fare: potete aiutarmi?

E' necessario essere iscritti al centro per l'impiego per ottenere la scheda anagrafica, e se non lo siete basterà recarvi nel centro per l'impiego di competenza territoriale per farsi registrare per essere iscritti nelle liste di collocamento.

La scheda anagrafica è un documento che contiene una serie di informazioni che riguardano le nostre esperienze sia lavorative che formative, oltre che le disponibilità del lavoratore.

Quando si deve essere assunti presso un'azienda come lavoratore dipendente la scheda anagrafica assume un'importanza fondamentale: infatti non si potrà procedere all'assunzione in assenza di detto documento.

Questa scheda contiene, oltre che tutti i dati del lavoratore, anche il numero degli eventuali mesi di disoccupazione.

L'indicazione dei mesi di disoccupazione è fondamentale per essere assunti con agevolazioni, perchè infatti esistono una serie di normative che permettono ai datori di lavori di avere importanti sgravi se si assume un lavoratore con un certo numero di mesi di disoccupazione.

Per ottenere questo documento vi recherete all'ufficio per l'impiego, dove un addetto, procederà alla ricerca telematica della vostra posizione e procederà alla stampa di un documento vidimato e firmato.

Possono richiedere la Scheda Anagrafica del Lavoratore i disoccupati, gli inoccupati e i lavoratori, italiani o stranieri in possesso di permesso di soggiorno.

Il richiedente deve presentarsi all'ufficio locale del centro per l'impiego del Comune in cui ha il proprio domicilio.

Sono necessari un documento d'identità valido e il codice fiscale.

L'interessato, se disoccupato o inoccupato, deve presentare presso lo sportello una dichiarazione di disoccupazione, in autocertificazione con l'apposito modulo, dove attesta di: non essere impegnato in alcuna attività lavorativa; essere immediatamente disponibile ad una proposta di lavoro; svolgere una qualche azione di ricerca attiva di lavoro.

Il cittadino extracomunitario che voglia recarsi presso i centri dell'impiego per autocertificare il proprio stato di disoccupazione deve portare con sé il permesso di soggiorno in originale valido o scaduto da non più di due mesi e che non rientri in una delle seguenti categorie: turismo, cure mediche, motivi religiosi, lavoro stagionale, gravidanza, per dimora, per gara sportiva.

Il servizio è gratuito e il rilascio è immediato.

La validità è illimitata, ma il lavoratore può inoltrare una richiesta di cancellazione.

4 gennaio 2018 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

scheda anagrafica lavoratore

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Scheda anagrafica del lavoratore » La procedura per ottenerla
A partire dal 2003 sono cambiate le normative che regolano il settore lavoro. Infatti il vecchio ufficio di collegamento è stato rinnovato, ed è diventato obsoleto il vecchio libretto di lavoro, che aveva bisogno della vidimazione annuale. In questo articolo vedremo come ottenere un documento molto importante, e cioè la ...
Rifiuto del lavoratore di passare da tempo pieno a tempo parziale - Non può costituire motivo di licenziamento
La norma nazionale, interpretata alla luce di quella comunitaria, impone di ritenere che il datore di lavoro che licenzi il lavoratore che rifiuta la riduzione di orario ha l'onere di dimostrare che sussistono effettive esigenze economico ­organizzative in base alle quali la prestazione non può essere mantenuta a tempo pieno, ...
Invalidità del patto di prova fra lavoratore e datore di lavoro
La causa del patto di prova va individuata nella tutela dell'interesse comune alle due parti del rapporto di lavoro, in quanto diretto ad attuare un esperimento mediante il quale sia il datore di lavoro che il lavoratore possono verificare la reciproca convenienza del contratto, accertando il primo le capacità del ...
Lavoratore assegnato a mansioni inferiori rispetto a quelle poi riconosciute in sede giudiziale - Il datore di lavoro è tenuto al pagamento anche della quota di adeguamento contributivo a carico del dipendente
Il datore di lavoro è responsabile del pagamento dei contributi anche per la parte a carico del lavoratore; qualunque patto in contrario è nullo. Il contributo a carico del lavoratore è trattenuto dal datore di lavoro sulla retribuzione corrisposta al lavoratore stesso alla scadenza del periodo di paga a cui ...
Nullo il secondo patto di prova dopo la scadenza del contratto a termine se il datore di lavoro non documenta l'esigenza di dover rivalutare il lavoratore
Nel lavoro subordinato, il patto di prova tutela l'interesse di entrambe le parti del rapporto a sperimentarne la convenienza, dovendosi ritenere l'illegittimità dei fatto ove la suddetta verifica sia già intervenuta, con esito positivo, per le specifiche mansioni in virtù di prestazione resa dallo stesso lavoratore, per un congruo lasso ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca