Nullità delle cartelle esattoriali prive dei criteri di calcolo degli interessi moratori

Ho ricevuto nel tempo diverse cartelle esattoriali, che non ho pagato, prive del criterio di calcolo degli interessi ma non ho mai fatto ricorso perchè non lo sapevo.

Circa un mese fa mi è stato notificato un preavviso di iscrizione di ipoteca dove è contenuto il riepilogo, una per una, delle cartelle esattoriali non pagate. Anche in queste cartelle riproposte manca il criterio di calcolo degli interessi.

Posso ancora fare ricorso per nullità delle stesse?

L’articolo 77 del DPR 602/1973, al comma 2 bis, dispone che l’agente della riscossione e’ tenuto a notificare al proprietario dell’immobile una comunicazione preventiva contenente l’avviso che, in mancanza del pagamento delle somme dovute entro il termine di trenta giorni, sara’ iscritta l’ipoteca: in questi 30 giorni il debitore destinatario del preavviso può rappresentare all’agente della riscossione eventuali fatti o documenti che, nel merito, a parere del debitore, non giustificano l’iscrizione del vincolo ipotecario.

In caso di mancata accettazione delle eccezioni, una volta iscritta ipoteca, il debitore ha 60 giorni per impugnare il provvedimento.

Secondo la sentenza della Corte di cassazione 4516/2012, sono nulli gli atti dell’Agente della riscossione se non indicano il criterio di calcolo degli interessi moratori: secondo i giudici di legittimità, gli atti dell’Agente della riscossione devono contenere l’indicazione della base di calcolo degli interessi, a pena di nullità.

In particolare devono essere indicate in cartella, in modo dettagliato, le aliquote applicate per ciascuna annualità di mora.

Tuttavia, attenzione: il principio di diritto per accogliere l’eccezione di nullità è abbastanza soggettivo: infatti, l’omessa indicazione del criterio di calcolo degli interessi rende nulla la cartella esattoriale esclusivamente quando l’operato dell’ufficio diviene ricostruibile solo attraverso difficili indagini, rese ancora più complicate dalla datazione, nel tempo, della questione.

E, comunque, dal momento che lei non ha impugnato le cartelle di pagamento correttamente notificate, non può più eccepire la nullità delle stesse per l’omessa indicazione del criterio di calcolo degli interessi moratori al fine di chiedere l’annullamento dell’iscrizione ipotecaria per nullità degli atti presupposti.

24 Ottobre 2019 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Percentuale di calcolo degli interessi sulle cartelle esattoriali
Giorni fa mi sono recata presso gli Uffici dell'Equitalia al fine di chiedere la rateizzazione per il pagamento di cartelle esattoriali relative a multe per violazioni al codice della strada. Vi interpello perchè da un servizio andato in onda giorni fa sembra che Equitalia applichi una percentuale di calcolo di interessi sulle cartelle relative alle multe che, secondo la Cassazione, non dovrebbe applicare. Posso sapere quali interessi deve applicare l'Equitalia su cartelle non pagate, da quando essi decorrono e, se possibile, le modalità di calcolo? ...

calcolo degli interessi cartelle esattoriali
La giurisprudenza di legittimità (sentenza 22100/2007 della Suprema Corte di cassazione) ha ritenuto illegittimi gli interessi del 10 per cento semestrali applicati da Equitalia per cartelle esattoriali originate da multe e comunque da sanzioni amministrative. Nella sentenza i giudici di Piazza Cavour spiegano non è un diritto dello Stato incassare interessi su sanzioni amministrative che si configurano come vera e propria tassa aggiuntiva. In caso di ritardi o omissione del pagamento della sanzione, spiegano i giudici di Cassazione, va applicata l'iscrizione a ruolo della sola metà del massimo edittale e non anche gli aumenti semestrali del 10 per cento. A ...

Interessi moratori su cartella esattoriale - necessità di indicare il criterio di calcolo
Sono nulli gli atti dell'Agente della riscossione se non indicano il criterio di calcolo degli interessi moratori. Secondo una recentissima sentenza della Cassazione, gli atti dell'Agente della riscossione devono contenere l'indicazione della base di calcolo degli interessi, a pena di nullità (Cassazione, sezione tributaria, sentenza del 21 marzo 2012, numero 4516). In particolare devono essere indicate in cartella, in modo dettagliato, le aliquote applicate per ciascuna annualità di mora. La Cassazione precisa che l'omessa indicazione delle modalità di calcolo degli interessi rende nulla la cartella esattoriale quando l'operato dell'ufficio diviene ricostruibile solo attraverso difficili indagini, anche dovute alla vetustà della ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Nullità delle cartelle esattoriali prive dei criteri di calcolo degli interessi moratori