Il creditore del donante debitore potrebbe agire chiedendo al giudice la declaratoria di nullità di un bonifico endofamiliare?


Ho effettuato un bonifico sul conto di mio fratello, di duemila euro: un creditore potrebbe chiedere la nullità dell’atto?

E nel caso mio fratello li avesse spesi, come rientrerebbero nella sfera del mio patrimonio?

Il bonifico potrebbe essere considerato di modica entità e dunque la donazione non soggetta ad atto notarile per essere considerata valida e non nulla: inoltre, agire per la declaratoria di nullità della donazione (azione che potrebbe essere non accolta) e pignorare successivamente i beni del donatario, comporta dei costi di procedura e legali che devono essere giustificati dal credito azionato.

Duemila euro possono più facilmente e con minori spese, essere escussi al donante. Tuttavia, nel caso il bonifico potesse essere considerato non di modica entità, la riscossione coattiva dell’importo bonificato verrebbe condotta a carico del beneficiario e così l’importo del bonifico effettuato verrebbe ricondotto nel patrimonio del donante e a quest’ultimo escusso coattivamente.

11 Luglio 2022 · Patrizio Oliva



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Il creditore del donante debitore potrebbe agire chiedendo al giudice la declaratoria di nullità di un bonifico endofamiliare?