Nucleo familiare e detrazione casa di abitazione fini ISEE

Sono uno studente di 23 anni, sono alla magistrale al Politecnico di Torino, ma residente in Basilicata. Devo presentare l'ISEE per la riduzione delle tasse e vorrei compilare da solo la DSU sul sito dell'INPS.

Ho dei dubbi circa la compilazione del modello, dunque vorrei esporvi la mia situazione.

Ho un solo genitore, ma ho residenza diversa da quella di mia madre.

Non lavoro e quindi non ho entrate, ma oltre a possedere l'immobile dove risiedo, ho delle liquidità economiche che mi permettono, anche se, con molte limitazioni, di vivere e pagarmi gli studi.

A Torino ho una stanza in affitto dove abito nei mesi di permanenza nel capoluogo piemontese.

Dunque per mia scelta, dopo essermi laureato a Potenza, ho deciso di non gravare sulle spalle di nessuno e studiare per la magistrale al Politecnico, nonostante le spese da affrontare. Sono al 100% autonomo, ma non sono considerato tale, perchè non ho alcun reddito.

L'anno scorso, il mio consulente ha praticamente indicato come nucleo familiare me e mia madre insieme, mi spiegava che sulla gazzetta ufficiale veniva indicato che chi fosse, come me, senza reddito ma indipendente, venisse comunque considerato nel nucleo dei genitori se nella dichiarazione dei redditi risultasse a carico di un genitore. Io, non avendo reddito, sono obbligato ad essere a carico di mia madre e quindi mi tocca indicare nuovamente come nucleo familiare me e mia madre insieme.

La problematica di ciò sta nel fatto che in questo caso, sale, e di tanto l'ISP. Questo perchè anche mia madre ha una casa di proprietà, dove risiede, oltre a immobili e liquidità cointestate con i nonni, per una forma di sicurezza, di cui non è realmente detentrice.

Il problema grosso deriva comunque dal fatto che avendo sia io che lei un immobile, il patrimonio sale, mentre la detrazione sulla casa di abitazione viene fatta solo su uno dei due immobili, ma, in realtà, nella mia casa ci abito io, e nella sua casa ci abita lei.

Quindi mi chiedo, non è possibile avere detrazione su entrambe le case?

Avevo pensato, l'anno scorso, parlando con il consulente, che, indicando di essere indipendente, ma non rispettando i requisiti (2 anni fuori dal nucleo, e adeguata capacità di reddito), è possibile indicare il numero di protocollo della DSU del genitore a cui fare riferimento.

Facendo in questo modo, io nella mia DSU indicherei casa mia come casa di abitazione, ricevendo la detrazione, e mia madre, nella sua DSU, indicherebbe casa sua come casa di abitazione, ricevendo la detrazione.

In questo caso l'ISP scenderebbe notevolmente. Il consulente però diceva che non era possibile proprio perchè il nucleo familiare è composto da me e mia madre insieme e non è possibile scindere le DSU.

Tralasciando il fatto che trovo tutto ingiusto, a partire dal fatto che in questo modo vengo considerato "ricco" quando mi faccio un mazzo per gestire tutte le spese che questa avventura universitaria mi sta portando e senza avere alcuna agevolazione, e dal fatto che se invece lavorassi (accrescendo il mio reddito, diventando così anche ai fini fiscali indipendete), diventeri d'un tratto "povero" e avrei borse di studio e agevolazioni, c'è un modo di avere la detrazione su entrambi gli immobili, in modo da tenere basso l'ISP?

Inoltre, pagando anche l'affitto a Torino, come faccio ad indicarlo?

Mi sembra di capire che si può indicare come casa di abitazione una casa in affitto, ma a quel punto non prenderei la detrazione sull'immobile di mia proprietà dove risiedo. Quindi come faccio ad indicare che ho anche la spesa dell'affitto?

Purtroppo la sua situazione non ammette deroghe, per quel che riguarda la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) ai fini ISEE per l'Università.

Il nucleo familiare di riferimento è quello costituito da lei, studente, e da sua madre. E il patrimonio immobiliare è quello risultante dall'unione dei patrimoni di entrambi i componenti il nucleo familiare

Qualora lei registrasse un contratto di locazione per una casa da abitare in quel di Torino, potrà fruire (ma solo per l'ISEEU che verrà presentato l'anno prossimo) di una detrazione massima di 7 mila euro.

Potrà effettuare una simulazione: ma, in tutta sincerità, non credo che questa soluzione sposterà significativamente i termini della questione (dovendo rinunciare contestualmente alla detrazione sul reddito prodotto dalla casa di proprietà) consentendole di conseguire un ISP tale da garantire l'accesso ai benefici fiscali previsti dalla legge.

17 agosto 2016 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

ISEEU - ISEE per Università
nucleo familiare ISEE/ISEEU e famiglia anagrafica
redditi e patrimonio del nucleo familiare ISEE

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Irpef » detrarre le spese per l'affitto della casa - Detrazione per affitti a canone non convenzionato
È prevista una detrazione per chi sostiene le spese dell'affitto per la casa adibita a propria abitazione principale. Per abitazione principale si intende quella nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente. In particolare, ai soggetti titolari di contratti di locazione di unità immobiliari adibite ad abitazione principale ...
Assegno di mantenimento mutui e prestiti nel calcolo di reddito e patrimonio del nucleo familiare ai fini ISEE
Buon giorno chiedo cortesemente il vostro aiuto per la compilazione della DSU richiesta per il nuovo ISEE 2015: per il rilascio del nuovo ISEE devono essere essere dichiarati tutti i contributi e gli alimenti per coniuge o figli ricevuti nell'anno 2013 o nell'anno 2014? Quando i contributi e / o ...
Nucleo familiare fiscale, nucleo familiare ISEE, nucleo familiare ISEEU e nucleo per gli assegni familiari
In principio era la “famiglia anagrafica”, quella che si rileva dallo storico "stato di famiglia" che, almeno una volta, chiunque di noi ha chiesto agli uffici dell'anagrafe comunale. Poi fu introdotto il nucleo familiare ISEE, come strumento di valutazione - nelle speranze del legislatore, oggettivo ed equo - finalizzato a ...
Pensione di invalidità - Nel requisito reddituale non va computato il reddito della casa di abitazione
In tema di pensione di inabilità, ai fini del requisito reddituale non va calcolato il reddito della casa di abitazione. Le norme specifiche di riferimento sono costituite dalla legge 118/1971, articolo 12 e dalla legge 153/1969, articolo 26: la prima rinvia per le condizioni economiche, richieste per la concessione della ...
Diritto di abitazione » Alla morte del padre la madre comproprietaria può far cacciare di casa il figlio che non contribuisce alle spese
Diritto di abitazione: morto il padre, la madre comproprietaria può far cacciare di casa la figlia che non contribuisce alle spese. In questi casi scatta, infatti, l'ordine di rilascio dell'immobile: se è intollerabile la convivenza, il diritto del coniuge superstite prevale sul compossesso della figlia che ha già redditi propri. ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca