Nucleo familiare con Naspi e Reddito di cittadinanza – Mi conviene accettare l’offerta di un posto di lavoro?

Mio marito percepisce 700 euro di reddito di cittadinanza e io sono contemporaneamente in Naspi con 480€ al mese che andrà a diminuire ogni mese del 3%. Facendo nucleo familiare esclusivo con lui (non abbiamo figli) ed avendo ricevuto una proposta di lavoro con contratto nazionale con un importo minore di 5000 euro, vorrei sapere se oltre a mantenere la Naspi, mio marito continuerà a percepire Rdc e se gli verrà abbassato l’importo di quanto. Altrimenti non accetto al momento questo lavoro, visto che da poco percepiamo i sussidi. Grazie

Solo nel 2022, in occasione del rinnovo della DSU ISEE, l’importo mensile del Reddito di cittadinanza del nucleo familiare percepito nel 2019, verrà decurtato di una somma pari al reddito netto da lavoro dipendente percepito nel 2020 da uno dei componenti il nucleo familiare e diviso per 12.

Così nel 2023, il reddito di cittadinanza potrà presuntivamente calcolarsi come la differenza di quanto percepito nel 2019, detratto l’importo netto percepito nel 2021 da lavoro dipendente e diviso per dodici mensilità.

C’è tuttavia un aspetto importantissimo da tenere in considerazione: nulla ci dice che a fine 2021 il reddito di cittadinanza riuscirà ancora ad essere coperto da finanziamento statale e continuerà ad essere erogato agli aventi diritto, almeno nella forma e nell’entità attuali. Tutto dipenderà se ci saranno fondi sufficienti e personalmente dubito, che con questi chiari di luna, si reperiranno i soldi necessari per finanziare misure quali il reddito di cittadinanza e quota 100.

Quindi la scelta da operare è, come spesso accade, fra l’uovo oggi o la gallina domani.

Per quanto concerne la NASpI non è possibile effettuare proiezioni precise con gli elementi disponibili: tuttavia, La NASpI è corrisposta mensilmente per un numero di settimane pari alla metà delle settimane contributive presenti negli ultimi quattro anni.

Quindi anche se l’indennità dovesse essere sospesa o ridotta in seguito a ritrovata occupazione, con l’attività da lavoro dipendente intrapresa aumentano le settimane contributive che costituiranno la base per una eventuale futura indennità erogata nuovamente in seguito ad una accidentale perdita del posto di lavoro.

Insomma, il periodo di lavoro rappresenta, metaforicamente, l’occasione per una sorta di accumulo dell’indennità in via di esaurimento e la NASpI non fruita oggi potrà essere utilizzata domani in caso di bisogno.

Per concludere, il consiglio spassionato è quello di non fare calcoli astrusi sulla convenienza di cogliere, o meno, l’occasione di occupazione ed accettare, senza indugi, il posto di lavoro che le viene offerto.

12 Novembre 2020 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Istituzione del reddito di cittadinanza - Chi sta percependo la Naspi continuerà a beneficiarne?
Dopo un breve periodo in cui ho lavorato, percepisco l'assegno di disoccupazione Naspi da circa un anno: in più voglio precisare che sono proprietario di un appartamento. Non possiedendo i requisiti per poter ottenere il reddito di cittadinanza, continuerò a percepire la NASPI? Praticamente, ciò che voglio sapere è: il reddito di cittadinanza assorbirà anche la NASPI? ...

Naspi e reddito di cittadinanza - Il reddito di cittadinanza dovrebbe aumentare al diminuire dell'indennità di disoccupazione percepita
Percepisco la Naspi e anche il RDC: come ben sappiamo la Naspi si riduce del 3% dal 4° mese in poi, per cui, in teoria il RDC dovrebbe aumentare. Qual è secondo voi la procedura da adottare? Secondo fonte Inps, in questo caso c'è una lacuna del Decreto e secondo una loro empirica teoria non dimostrata mi hanno risposto che molto probabilmente la mensilità del RDC si aggiorna in automatico, man mano che la Naspi diminuisce. Io ci credo poco. Voi cosa ne pensate? ...

Reddito di cittadinanza - Lo svolgimento di lavoro subordinato da parte di un componente del nucleo familiare è compatibile con l'accesso al beneficio?
Vivo, con i miei due figli maggiorenni a carico, in un'abitazione dove convivevo con il mio ex marito prima della separazione: percepisco come reddito esclusivamente l'assegno mensile sancito in fase di divorzio. Al fine di poter presentare la domanda per il reddito di cittadinanza, ho fatto redigere l'ISEE presso un CAF. Nella dichiarazione ISEE, però, vengono richieste le dichiarazioni dei redditi netti di ciascun componente del nucleo riferiti al secondo anno solare precedente (dunque il 2017). In quell'anno mia figlia non lavorava, ma ha cominciato a lavorare sei mesi fa. Mio figlio, invece, è ancora disoccupato. Vorrei sapere, se la ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Nucleo familiare con Naspi e Reddito di cittadinanza – Mi conviene accettare l’offerta di un posto di lavoro?