Novità trattenute sulla pensione - Cassazione sentenza 206/16

Fino a ieri vi chiedevo se l'INPS (creditore nei miei confronti) potesse trattenere/pignorare sulla mia pensione di 579 euro al mese oltre 97€ al mese e mi rispondevate che non erano previsti limiti se non quello di 1/5 (tra l'altro non si capiva se sull'ammontare dei 579, ossia l'intera pensione, o un quinto sulla somma superiore al trattamento minimo).

Adesso leggo della sentenza 206/16 della Cassazione in cui si proibisce all'INPS di trattenere somme sotto una certa cifra che non ho capito se si riferisce al trattamento minimo (502€) oppure all'assegno sociale aumentato della metà come per i classici pignoramenti ex art. 545 c. 6 c.p.c.)?

Che cosa devo fare per inibire l'INPS dal permettergli di continuare a rubarmi 97€ al mese, se come dite e mi sembra di capire da questa nuova sentenza, non possono farlo?

Proprio stamani siamo venuti a conoscenza della sentenza pronunciata il giorno 11 gennaio ultimo scorso, così come da noi stessi comunicatole via e-mail.

Il contenuto della sentenza può leggerlo qui, mentre la rettifica al post di risposta al suo quesito di ieri è stato pubblicato qui.

L'INPS, nel suo caso (la trattenuta è antecedente all'entrata in vigore dell'articolo 545 del cpc che fissa il limite di impignorabilità della pensione al minimo vitale aumentato della metà), in base alla nuova sentenza in commento, non può trattenere più del 20% di quanto eccede il minimo vitale (ratione temporis equiparato alla misura massima dell'assegno sociale senza aumento della metà).

In pratica, la ratio della sentenza osserva che, con la trattenuta, l'INPS elude la normativa (articolo 545 del cpc) e le sentenze della Suprema Corte che hanno sempre confermato l'impignorabilità del minimo vitale (inteso come misura massima dell'assegno sociale prima dell'entrata in vigore della legge 83/15 e, dopo il 21 agosto 2015, come misura massima dell'assegno sociale aumentato della metà).

Per ottenere il rispetto di quanto stabilito dalla giurisprudenza di legittimità può presentare un ricorso amministrativo (in autotutela) all'INPS ed attendere la risposta. In caso di silenzio o di esplicito diniego non le resta, purtroppo, che consultare un avvocato per valutare l'opportunità di un'azione giudiziale.

13 gennaio 2016 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

minimo vitale
recupero indebiti pensionistici

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Trattenute sulla pensione per il recupero di pagamenti non dovuti - L'INPS può prelevare il 20% solo sull'importo che eccede il minimo vitale
In tema di indebito previdenziale, l'Inps, salvo il diritto di chiedere la restituzione del pagamento non dovuto, può recuperare gli indebiti e le omissioni contributive anche mediante trattenute sulla pensione, in via di compensazione, col duplice limite che la somma oggetto di cessione, sequestro, pignoramento o trattenuta non superi la ...
La nuova quota impignorabile della pensione (minimo vitale) è pari all'assegno sociale aumentato della metà
Com'è noto, per la determinazione della componente assoggettabile a pignoramento le cose sono differenti a seconda che si tratti di pensioni o stipendi. Per le pensioni entra in gioco il cosiddetto “minimo vitale impignorabile”: al pensionato, infatti, è stata riconosciuta fino ad oggi, in sede giudiziale di merito e di ...
Blocco pensioni - modalità di rimborso
Com'è noto, La Corte costituzionale ha dichiarato illegittima la legge che, per gli anni 2012 e 2013, ha limitato la rivalutazione dei trattamenti pensionistici nella misura del 100%, esclusivamente alle pensioni di importo complessivo fino a tre volte il trattamento minimo INPS. L'INPS, nella circolare 125/15, chiarisce che per gli ...
Pensione di reversibilità » Tutto ciò che devi conoscere
La pensione di reversibilità è un importo della pensione che un componente della famiglia, il beneficiario, riceve alla morte del lavoratore assicurato o che percepiva una pensione di vecchiaia, di anzianità o di inabilità. Vediamo, all'interno dell'articolo, tutti gli aspetti di questa particolare procedura. Tutto sulla pensione di reversibilità Esistono ...
Niente pensione di invalidità se il beneficiario, pur possedendone i requisiti, percepisce redditi da lavoro
La situazione di assoluta e permanente impossibilità lavorativa in cui il soggetto versi per infermità e il requisito contributivo costituiscono gli unici requisiti necessari per il riconoscimento del diritto alla pensione di inabilità, ma che il godimento di redditi di lavoro si pone come condizione ostativa per l'erogabilità della prestazione. ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca