Mi è stato notificato un ricorso per decreto ingiuntivo su richiesta di un mio creditore - Come addivenire ad una transazione prima della scadenza dei termini di opposizione senza il supporto di un avvocato?

Mi è stato notificato dal tribunale un ricorso per decreto ingiuntivo su richiesta di una società che ha acquistato il mio debito contratto con un'istituto bancario.

Vorrei delucidazione sul come agire per poter arrivare ad una transazione prima della scadenza dei quaranta giorni dalla notifica, in proprio senza l'ausilio di un legale.

Sarà un tantinello difficile addivenire ad un accordo transattivo una volta che è stato notificato il decreto ingiuntivo, a meno che lei non sia nullatenente e non disponga nemmeno di un reddito da pensione o da lavoro dipendente.

Infatti, al punto a cui è giunta la procedura, la strada è praticamente tutta in discesa per il creditore: al quale non resta che attendere il decorso dei 40 giorni a disposizione del debitore per opporsi all'ingiunzione (sempre qualora quest'ultimo disponga di fondate motivazioni) nonchè i 10 giorni canonici concessi, dopo la notifica del precetto, per il pagamento dell'importo ivi indicato.

Qualora il debitore si rendesse inadempiente, il passo successivo sarebbe la notifica di un atto di pignoramento (conto corrente, immobile, pensione o stipendio). In questa fase il debitore avrebbe la possibilità ancora di pagare (conversione del pignoramento) ma dovrebbe versare un importo pari a quello precettato, gravato da ulteriori spese di procedura.

Tornando alla richiesta formulata nel quesito, e considerato che tentar non nuoce, il debitore potrebbe contattare l'avvocato del creditore (l'informazione è deducibile dal decreto ingiuntivo notificato) rilevando le ragioni per cui egli ritiene di poter presentare opposizione con ottime chances di accoglimento, evidenziando l'eventuale situazione economico patrimoniale che renderebbe infruttuoso qualsiasi tipo di escussione forzata, e proponendo un importo (pochi maledetti e, preferibilmente, subito) per poter regolare il contenzioso.

24 aprile 2018 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

conversione del pignoramento
decreto ingiuntivo
opposizione a decreto ingiuntivo

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Opposizione tardiva a decreto ingiuntivo - In caso di notifica viziata del provvedimento, Il debitore ha 40 giorni di tempo decorrenti dalla data in cui dimostra di aver avuto conoscenza effettiva del decreto ingiuntivo
Ai fini della legittimità dell'opposizione tardiva a decreto ingiuntivo, non è sufficiente l'accertamento dell'irregolarità della notifica del provvedimento, ma occorre anche la prova (il cui onere incombe sul debitore) che a causa del vizio di notifica egli, nella qualità di ingiunto, non abbia avuto tempestiva conoscenza del decreto ingiuntivo e ...
Decreto ingiuntivo non notificato correttamente? I rimedi: opposizione all'esecuzione ed opposizione tardiva
In caso di esecuzione forzata, iniziata con un decreto ingiuntivo non notificato correttamente, gli unici rimedi per il debitore sono presentare l'opposizione all'esecuzione o l'opposizione tardiva. In tema di esecuzione forzata avviata sulla base di un decreto ingiuntivo, infatti, occorre distinguere tra l'ipotesi di deduzione della inesistenza della relativa notificata ...
Decreto ingiuntivo - termini per opposizione
L'opposizione al decreto ingiuntivo può essere fatta nello stesso ufficio da cui proviene il decreto, presentando atto di citazione da notificare al domicilio della controparte tramite ufficiale giudiziario che, a sua volta, deve notificare l'avviso dell'opposizione al cancelliere, perché lo annoti sull'originale del decreto. Ciò entro il termine fissato nel ...
L'efficacia novativa nella transazione intervenuta fra creditore e debitore
L'efficacia novativa, nella transazione intervenuta fra creditore e debitore, presuppone una situazione di oggettiva incompatibilità tra il rapporto preesistente e quello originato dall'accordo transattivo, in virtù della quale le obbligazioni reciprocamente assunte dalle parti debbano ritenersi sostanzialmente diverse da quelle preesistenti; con la conseguenza che, al di fuori dell'ipotesi in ...
La proposizione del ricorso sana l'eventuale nullità della notifica dell'avviso di accertamento tributario solo se non sono decorsi i termini di decadenza
La disciplina delle notifiche di atti tributari si fonda sul criterio del domicilio fiscale e sull'onere del contribuente di indicare all'Ufficio tributario il proprio domicilio e le sue variazioni. In mancanza di comunicazioni da parte del contribuente, l'Amministrazione è legittimata ad effettuare la notifica nell'ultimo domicilio noto, anche in forma ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca