La data dì notifica riportata sulla cartella di pagamento può intendersi come data di notifica sia per il creditore che per il debitore?

Volevo sapere se la data dì notifica riportata sulla cartella di pagamento può intendersi come data di notifica sia per il creditore che per il debitore.

La data di notifica della cartella esattoriale è per il debitore, ai fini di un eventuale ricorso, quella di consegna dell'atto.

Per le cartelle esattoriali notificate via posta, in caso di temporanea irreperibilità, la data notifica per il debitore è quella di compiuta giacenza che corrisponde al 10.mo giorno successivo all'inizio della giacenza presso l'ufficio postale (qualora l'atto non venga ritirato oppure venga ritirato in epoca successiva).

Se l'atto viene ritirato prima che sia decorso il termine per la compiuta giacenza, la data di notifica corrisponde a quella del ritiro.

Se la cartella esattoriale viene notificata secondo le modalità previste dall'articolo 60 del dpr 600/1973, la notifica, per il debitore, si intende eseguita nel giorno successivo a quello in cui l'avviso del deposito viene affisso nell'albo pretorio comunale.

Per Equitalia, che agisce in nome e per conto del creditore, la data di notifica della cartella di pagamento (utile per verificare l'eventuale decorso dei termini di decadenza e prescrizione) si individua nel momento in cui l'atto da consegnare al debitore viene affidato all'agente notificatore (presso l'ufficio atti giudiziari, l'ufficio postale, l'ufficio messi comunali eccetera) e si tratta di un dato che emerge con certezza dall'esame della relazione di notifica (per intenderci, la ricevuta della raccomandata AR nel caso di cartella esattoriale notificata direttamente via posta) e che si ottiene, esclusivamente, chiedendone l'esibizione all'agente per la riscossione tramite accesso agli atti.

12 ottobre 2016 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

notifica cartella esattoriale
notifica per compiuta giacenza

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Notifica cartella esattoriale - nullità insanabile se manca la data di consegna nella copia per il destinatario
La vicenda trae origine da un ricorso proposto da una società contro una cartella esattoriale, relativa a contributi previdenziali. Nella copia consegnata al destinatario, infatti, mancava l'indicazione della data di effettuazione della notifica. La società, già nel ricorso proposto in primo grado, aveva rilevato la violazione degli articoli 148 e ...
Pagamento con assegno » Il creditore può rifiutarlo esclusivamente per giustificato motivo
Il creditore può rifiutare il pagamento di una pendenza, da parte del debitore, tramite assegno? Si, ma solo se sussiste un giustificato motivo. Il creditore può rifiutare il pagamento del prezzo mediante assegni bancari, solo per giustificato motivo. Tale giustificazione può risiedere nell'incertezza circa la provenienza dei titoli e nella ...
Riscossione coattiva della cartella esattoriale a seguito mancato pagamento entro 60 giorni dalla notifica
Se non si paga la cartella entro 60 giorni dalla sua notifica l'agente della riscossione può mettere in atto le procedure esecutive che ritiene più opportune al fine di riscuotere il dovuto. Si va dal fermo amministrativo dell'auto all'iscrizione di ipoteca sulla casa, fino ad arrivare all'espropriazione forzata (pignoramento e ...
Cartella esattoriale - spese di notifica, aggio di riscossione, interessi di mora
Per alcuni enti creditori la legge ha introdotto nuovi atti che sostituiscono la cartella esattoriale: l'avviso di addebito dell'Inps, che dal 1° gennaio 2011 ha preso il posto della cartella di pagamento per i crediti di natura previdenziale; l'accertamento esecutivo, che dal 1° ottobre 2011 ha sostituito in parte la ...
La prescrizione dei contributi previdenziali è quinquennale e decorre dalla data di notifica della cartella esattoriale
La prescrizione dei contributi previdenziali è quinquennale e decorre dalla data di notifica della cartella esattoriale. Ciò è quanto emerge dalla lettura della sentenza n° 1412 del Tribunale di Catania, pronunciata in data 29 marzo 2012. I giudici catanesi, pur ribadendo che le cartelle originate da debiti previdenziali debbano essere ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca