Notifica da Agenzia delle Entrate - Ma il potere di accertamento non è decaduto?

Siamo al 10 gennaio 2017, e diciamo che forse avrei potuto avere problemi con l'agenzia delle entrate, avrebbero potuto inviarmi un accertamento, con decadenza 31 dicembre 2016 (per i redditi del 2011), siccome quello che conta è il giorno in cui l'Agenzia delle Entrate consegna il plico dell'accertamento alle poste, che poi lo notificherà al cittadino, quanto ancora posso rischiare che questo accertamento arrivi, quanti giorni ci mette un accertamento per arrivare da quando è emesso? C'è un tempo massimo?

Altrimenti per esempio, a febbraio o marzo potrei ancora vedermi recapitare un eventuale accertamento?

P.S.: è capitato che un sollecito per una TIA era stato consegnato alle poste in ottobre dal comune, e poi recapitato al cittadino con raccomandata nel mese di dicembre, c'era uno scollamento tra la data di consegna del plico alle poste e di consegna dello stesso al cittadino di quasi due mesi, però non si trattava appunto dell'Agenzia delle Entrate.

Avremmo voluto rassicurarla, ma credo che nessuno potrà fornire una risposta seria ed affidabile alla sua domanda: piuttosto, capita spesso che il postino dimentichi di lasciare l'avviso di giacenza al destinatario o che questo vada smarrito fra opuscoli e depliants pubblicitari con cui ormai riempiono le nostre cassette postali.

Con un po' di buona volontà, anche senza l'avviso che riporta il numero di raccomandata, l'impiegato dell'ufficio postale più vicino al luogo in cui vive potrà verificare se, casomai, vi fosse in giacenza una raccomandata a suo nome.

Tanto, una volta che l'atto risultasse in giacenza, il fatto che non sia stato lasciato l'avviso non le permetterebbe, comunque, di eccepire vizi di notifica.

11 gennaio 2017 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

avviso di accertamento
notifica atti a mezzo posta

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Legittima la notifica diretta della cartella esattoriale se effettuata da agenzia di recapito privata incaricata da Poste Italiane
La notifica diretta a mezzo posta, è validamente eseguita anche se il plico è consegnato al destinatario da un'agenzia privata di recapito, qualora il notificante si sia rivolto all'ufficio postale, e l'affidamento del plico all'agenzia privata sia avvenuto per autonoma determinazione dell'Ente Poste, al quale la normativa vigente continua a ...
Pagare i debiti di cartelle esattoriali con la compensazione » Le istruzioni dell'Agenzia delle entrate-riscossione
E' possibile onorare le proprie pendenze verso l'Agenzia delle Entrate-riscossioni, per debiti indicati in cartelle esattoriali, tramite la compensazione: vediamo come. Se si hanno dei crediti verso lo Stato, è possibile decidere di utilizzarli per pagare eventuali cartelle esattoriali a proprio carico. Ciò è possibile in due modalità: Compensazione con ...
Come controllare la propria situazione debitoria con l'Agenzia delle Entrate-Riscossione (ADER)
Ecco come controllare la propria situazione debitoria, cartelle esattoriali ecc, con l'agenzia delle Entrate-Riscossione (ADER). Puoi verificare le cartelle esattoriali a partire dall'anno 2000, pagare, controllare le rateizzazioni e le procedure in corso. Per utilizzare i servizi on-line hai quattro modalità di accesso. Vediamo quali: SPID, Sistema Pubblico di Identità ...
Accertamento fiscale » Occhio ai consumi di energia: l'Agenzia delle Entrate può servirsene
Accertamento fiscale: i consumi di energia in soccorso dell'Agenzia delle Entrate. Il fisco può ricorrere alle cosiddette presunzioni supersemplici per accertare l'esistenza di ricavi superiori a quelli contabilizzati dal contribuente. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 20897/14. Non è illegittimo presumere maggiori ricavi non dichiarati ...
Provvedimenti fiscali - Rateazione con Agenzia delle Entrate e riduzione aggio per Equitalia
Nell'ambito delle deleghe fiscali conferite al governo dalla legge 23/14, sono stati approvati, con il decreto 83/15, numerosi ed importanti provvedimenti in materia di accertamento con adesione, accertamento esecutivo, rateazione ed aggio per il concessionario della riscossione. Rateazione con l'Agenzia delle entrate Per quanto attiene i piani di rientro rateali ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca