Non posso più pagare il prestito erogato alla mia impresa individuale

Cinque anni fa ho rilevato un'attività commerciale per pagare la quale ho acceso un mutuo chirografario presso l'attuale Banco Popolare, per 50 mila euro. Il rimborso è stato concordato in 84 rate mensili, attualmente di euro 663 ciascuna. Due anni fa ho ceduto in affitto la mia attività, cessando, come per legge, la partita IVA.

I miei affittuari hanno smesso di pagarmi il canone mensile di euro 1000 rendendo così nullo il contratto di affitto di azienda. Venendo a mancare la mia unica fonte di reddito e non avendo fondi da parte (ho solo un assegno di mantenimento per i miei figli di 600 euro) ho enormi difficoltà economiche che mi costringono a scegliere se pagare il mutuo o provvedere al sostentamento dei miei figli.

Avendo sentito parlare di una moratoria su finanziamenti e mutui alle aziende e ai privati, ho chiesto al direttore della mia banca se è possibile richiedere una sospensione del mutuo in quanto questo mi rende invivibile la vita. Questi mi rispondeva che non posso chiedere una sospensione in quanto quando ho acceso il mutuo avevo partita IVA e ora sono un privato. Esiste una soluzione per risolvere questa situazione?

Purtroppo la circostanza che l'impresa a cui fu erogato il finanziamento è cessata, essendo stata chiusa la partita IVA, implica l'impossibilità di accedere al beneficio della sospensione del pagamento delle rate per i prestiti erogati alle PMI.

E, nella situazione in cui è venuta a trovarsi suo malgrado, neanche è possibile chiedere la sospensione in qualità di consumatore, sia perché il credito erogato non fu finalizzato al consumo, sia perchè i requisiti sono abbastanza stringenti per il consumatore.

Dopo averle riferito un pò di cattive notizie, spero di dargliene una buona: l'assegno di mantenimento per i figli è assolutamente impignorabile (i figli beneficiari dell'assegno non sono debitori), quello per il mantenimento del coniuge debitore separato o divorziato è relativamente impignorabile, nel senso che è pignorabile solo per altri crediti alimentari e non certamente per il credito eventualmente non rimborsato al Banco Popolare.

19 settembre 2015 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

sospensione mutuo e credito alle famiglie

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il mutuo affitto
Il mutuo affitto è un mutuo a tasso variabile rata costante e durata variabile. Il mutuo affitto è un contratto di prestito. Il mutuo affitto consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto “mutuante” ad un soggetto “mutuatario” che si impegna a restituirlo secondo modalità concordate, dettagliatamente ...
Contratti di prestito - il prestito senza busta paga
Come tutti ben sappiamo al momento di richiedere un prestito l'istituto di credito a cui ci si rivolge richiede, oltre ai documenti d'identità, anche delle garanzie reddituali ben precise. In particolare, per ottenere un prestito, occorre presentare le ultime buste paga, per i lavoratori dipendenti sia pubblici che privati, il ...
Mutuo prima casa e sospensione rate » Occhio agli interessi
Dopo aver contratto un mutuo, a causa della crisi economica, molti mutuatari hanno perso il lavoro e non riescono più a estinguere il debito con le banche. Per aiutare queste persone il governo ha da tempo attivato dei Fondi di solidarietà che consentono alle famiglie di sostenere il pagamento delle ...
Al marito obbligato non basta corrispondere l'assegno di mantenimento - deve pagare anche le rate del mutuo della casa assegnata alla moglie separata
Il reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare prevede la punibilità di chiunque faccia mancare i mezzi di sussistenza ai figli minori o al coniuge, ancorché legalmente separato non per sua colpa. Tra i mezzi di sussistenza va ricompreso anche l'alloggio familiare, e quindi si rende responsabile del reato ...
Canoni di locazione » Il versamento dell'affitto è dovuto fino alla riconsegna delle chiavi dell'appartamento
Il conduttore deve continuare a pagare l'affitto finché non riconsegna le chiavi dell'immobile: non importa se ha smesso smesso di viverci da diverso tempo perché, ad esempio, è crollato il soffitto. Non è consentito, infatti, al conduttore astenersi dal versare il canone, ovvero ridurlo unilateralmente, nel caso in cui si ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca