Contratto tempo determinato

Dal 09/08 al 31/08 ho lavorato presso un'azienda con regolare contratto a tempo determinato.

Ho dato le dimissioni con effetto immediato dato che ancora ero all'interno del periodo di prova.

E' normale che ad oggi, 11/11 non abbia ancora ricevuto alcun compenso per quelle settimane lavorate?

Ho provato a contattare via mail l'ufficio del personale e l'ufficio paghe ma senza ricevere alcuna risposta.

Che fare?

Chiedere il pagamento tramite un legale sarebbe un primo passo.

11 novembre 2011 · Carla Benvenuto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Qualcuno ci rende noto che lo zio d'America ci ha lasciato una ricca eredità - Bisogna pagarlo?
Un contratto atipico, molto noto e praticato soprattutto negli USA, è quello mediante il quale una società, dopo avere raccolto informazioni vantaggiose per qualcuno (circa lasciti ereditari, donazioni, premi, assegnazione gratuita di azioni societarie, ecc.) offre di rivelarne gli estremi agli ignari beneficiari, dietro promessa di un compenso. E' legale ...
Cessione del quinto per lavoratori precari
La normativa ha riconosciuto anche ai lavoratori a progetto, collaboratori coordinati e continuativi, agenti e rappresentanti di commercio, ecc., la facoltà di contrarre prestiti a fronte della cessione del quinto del compenso che abbia "carattere certo e continuativo". Per i soggetti in questione, la facoltà di contrarre prestiti a fronte ...
Il comodato a tempo determinato, a tempo determinabile ed il comodato precario senza determinazione di durata
Il codice civile disciplina due forme del comodato, quello propriamente detto, regolato dagli articoli 1803 e 1809 e il cosiddetto comodato precario, al quale si riferisce l'articolo 1810 del codice civile, rubricato come comodato senza determinazione di durata. Nel caso di comodato precario, connotato dalla mancata pattuizione di un termine ...
Il notaio che accetta l'incarico deve pubblicare e trascrivere l'atto anche se il cliente non anticipa le spese necessarie
Il notaio ha la facoltà di rifiutare la propria prestazione professionale se le parti non depositino presso di lui le somme necessarie per le tasse, l'onorario e le spese, ma, una volta che abbia comunque accettato di eseguire la prestazione richiestagli e di ricevere l'atto, il mancato pagamento di tali ...
Compenso per prestazione professionale regolata da tariffa - il foro competente è quello del debitore
Il compenso per prestazioni professionali, che non sia convenzionalmente stabilito, è un debito pecuniario, non liquido ed esigibile, da determinare secondo la tariffa professionale. Soltanto il debito originato da una prestazione professionale con corrispettivo di un compenso già fissato al momento della pattuizione, può essere configurato come obbligazione pecuniaria liquida ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca