Non ho più possibilità di pagare il finanziamento

Finanziamento agos-ducato che sono circa 5 anni che pago con rate da 450€ al mese ad oggi ho un residuo di 24000€ sono un lavoratore dipendendente cui hanno imposto trasferimento di sede lavorativa e mi sono trovato a triplicare le mie spese di viaggio senza alcun rimborso.

Ho tenuto duro cercando di andare in ritardo di pagamento raramente ma ormai sono quasi 6 mesi che ho smesso di pagare il finanziamento in quanto era diventato tutto ingestibile.

Ora parlando con un'avvocato mi ha già detto che ovviamente si fanno vivi quelli del recupero crediti per sollecitare con insistenza ed è ciò che stanno facendo ma questo non mi crea fastidi.

Premetto che avevo fatto richiesta di abbassare la mia rata portandola a 300€ che mi avrebbe permesso almeno di respirare, ma è stata rifiutata la richiesta ed anzi mi è stato proposto di rifare un finanziamento da zero con nuove spese istruttorie e tutti i relativi costi...cosa che ritengo folle in quanto sono già in difficoltà così, figuriamoci a caricarmi nuovamente di interessi etc etc.

A questo punto vi chiedo aggrediranno il quinto dello stipendio giusto? Ma in questo mi sapete dire che tipo di ragionamento fanno ovvero considerano il residuo più gli interessi che saranno maturati e varie spese legali? Vorrei capire questo perchè ad un certo punto essendo già inserito nei cattivi pagatori preferisco che prendano un quinto, ma che sia in pace senza preoccuparmi più di questa situazione.

Non posseggo nessun bene quali casa o altro.

Diciamo che essendo un lavoratore dipendente ed avendo un debito consistente, la sua è pura curiosità: non avrà, infatti, alcuna possibilità di operare una scelta, essendo già inserito nei cattivi pagatori. Il creditore avvierà la procedura di pignoramento del quinto dello stipendio per ottenere il rimborso del debito.

Il creditore, prima, dovrà chiedere un decreto ingiuntivo per un importo pari alla soma del debito residuo, degli interessi di mora maturati al momento in cui presenta il ricorso, delle spese legali che saranno accordate dal giudice. Questo sarà il capitale che dovrà essere rimborsato con il pignoramento.

Il tasso di interesse applicato sarà quello legale fissato al momento del pignoramento, con capitalizzazione annua (nel 2014, all'1%).

La rata è costante e pari al 20% della retribuzione mensile netta.

A questo punto l'unica variabile è rappresentata dal numero di mesi in cui verrà rimborsato l'importo ingiunto dal creditore.

Per togliersi lo sfizio di sapere per quanti mesi bisognerà pagare (nel caso di messa in quiescenza la trattenuta continuerà ad essere effettuata dall'INPS) è sufficiente utilizzare questa risorsa di calcolo.

Nel campo 1 andrà inserito l'importo ingiunto.
Nel campo 2 l'interesse legale annuo (1% per il 2014).
Nel campo 4 il numero delle rate annue, cioè 12.
Nel campo 3 (durata del prestito in anni) un numero a piacere da variare in aumento o diminuzione fin quando l'importo di ciascuna rata (risultato) approssima il valore del quinto dello stipendio.

Un modo di procedere un pò "casareccio", ma può servire a farsi un'idea.

24 settembre 2014 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cessione del quinto dello stipendio - Vessatoria la clausola intesa a vincolare l'intero TFR a garanzia del finanziamento e non solo l'importo relativo al debito residuo
La cessione del quinto dello stipendio o della pensione è una forma di credito ai consumatori non destinata in modo specifico all'acquisto di determinati beni o servizi. Il finanziamento può avere una durata massima di 120 mesi; il debitore si obbliga al rimborso del finanziamento attraverso la cessione volontaria al ...
Danno da rifiuto di un finanziamento - Se la banca induce inizialmente il cliente a confidare nella sua concessione
Il danno da rifiuto di un finanziamento reso dalla banca dopo aver indotto il richiedente a confidare nella sua concessione può essere commisurato in un importo se non pari, almeno commisurato percentualmente all'ammontare del prestito atteso e non erogato? A parere dell'Arbitro Bancario Finanziario, così come emerge dalla decisione 1529/13, ...
Contratti di prestito – rinnovo della cessione del quinto
Il lavoratore dipendente che ha in corso una cessione del quinto può chiederne il rinnovo della cessione prima della data di scadenza. Questa è una caratteristica della cessione del quinto che può risultare molto importante. Procedere al rinnovo della cessione significa erogare un nuovo finanziamento che viene in parte utilizzato ...
Consolidamento debiti – estinguere i vecchi debiti, unificare le rate e pagare di meno
Ah, le rate di fine mese! Quante sono le famiglie italiane che mensilmente fanno i conti con i debiti da pagare? Il mutuo, l'automobile, ma anche il televisore o più banalmente l'ultima settimana di vacanza in montagna. Piccoli e grandi prestiti che si sommano a fine mese in altrettanto piccole ...
Cessione del quinto » Istruzioni per l'uso
La cessione del quinto dello stipendio: di cosa si tratta? Ecco un piccolo vademecum per il debitore. La cessione del quinto è un prestito non finalizzato all'acquisto di uno specifico bene o servizio ed è disciplinato dalla normativa sul credito al consumo. La cessione del quinto: generalità La Cessione del ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca