Non ho pagato contributi previdenziali ed INAIL

Ho 20 anni e dopo 6 mesi di apertura sto chiudendo la mia ditta individuale: il problema è che non potendo pagare, non ho pagato i contributi del 16 febbraio e l'INAIL. Cosa succede adesso?

Accadrà quello che accade a tutti noi comuni mortali, quando ancora inesperti, azzardiamo l'avvio di una attività senza renderci conto che questo stato patrigno ci aspetta dietro l'angolo per estorcerci quello che non siamo riusciti a guadagnare.

E così diventiamo debitori e disoccupati. Ma l'INPS esige comunque i contributi per la gestione separata. Altrimenti come fa a pagare decine di migliaia di euro al mese di pensione a tutti coloro che vengono ipocritamente definiti servitori dello stato e che nessun altro merito hanno se non quello di averci condotto alla rovina?

Fra qualche tempo le verranno notificati i cosiddetti avvisi di accertamento, ovvero il conto del pizzo da pagare. Poi, seguiranno le cartelle esattoriali che, ormai nullatenenti e senza alcuna prospettiva, attaccheremo al muro per non dimenticare ....

4 marzo 2015 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

IRPEF - dedurre i contributi previdenziali ed assistenziali
Per i contributi previdenziali e assistenziali obbligatori per legge è ammessa la deducibilità senza limiti di importo. È consentita la piena deducibilità anche dei contributi versati facoltativamente alla gestione della forma pensionistica obbligatoria di appartenenza. Si tratta dei contributi versati per il riscatto degli anni di laurea, quelli versati per ...
Contributi previdenziali - Il pagamento del debito prescritto comporta il diritto alla restituzione
Nella materia previdenziale, a differenza che in quella civile, il regime della prescrizione già maturata è sottratto alla disponibilità delle parti, sicché deve escludersi l'esistenza di un diritto soggettivo degli assicurati a versare contributi previdenziali prescritti. Detto principio vale per ogni forma di assicurazione obbligatoria: ne consegue che, a differenza ...
Contributi previdenziali e sanzioni civili sono crediti funzionalmente connessi anche per quel che riguarda i termini di decadenza e prescrizione
Per le violazioni consistenti nell'omissione totale o parziale del versamento di contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori, l'ordinanza ingiunzione è emessa dagli enti ed istituti gestori delle forme di previdenza ed assistenza obbligatorie (INPS ed INAIL fra gli altri), che con lo stesso provvedimento ingiungono ai debitori anche il pagamento ...
Prescrizione dei contributi previdenziali ed assistenziali
Per i contributi relativi a periodi precedenti l'entrata in vigore della legge 335/1995 (17 agosto 1995) il termine di prescrizione resta decennale nel caso di atti interruttivi compiuti dall'INPS anteriormente al 31 dicembre 1995, i quali valgono a sottrarre a prescrizione i contributi maturati nel decennio precedente l'atto interruttivo e ...
Sinistro stradale e risarcimento danni » Non si può sommare indennizzo dell'Inail a quello dell'assicurazione rc auto del danneggiante
In tema di sinistro stradale e risarcimento danni, non si può sommare l'indennizzo corrisposto dall'Inail a quello convenuto dalla compagnia assicurativa con la polizza rc auto. Qualora l'Inail, a seguito di sinistro stradale, abbia provveduto a liquidare al danneggiato una rendita capitalizzata, le somme corrisposte dall'ente previdenziale devono essere detratte ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca