Netflix – E’ addio all’abbonamento condiviso?

Io e i miei coinquilini abbiamo un abbonamento Netflix che dividiamo in quattro: in questo modo la spesa mensile diventa minima e possiamo usufruirne tutti.

Ho sentito dire, però, che la società vuole abolire questo tipo di opzione.

E’ vero?

Molto probabilmente, in futuro, dividere con amici, colleghi o fidanzati, l’abbonamento Netflix sarà impossibile: il colosso dello streaming web, infatti, sembra intenzionato a togliere l’opzione per sfruttare la condivisione degli account, mettendo in agenda la possibilità di eliminare il metodo per pagare meno la piattaforma.

Numeri alla mano, sono tanti gli utenti a dividere l’abbonamento Netlfix, rispetto a quelli che preferiscono pagarlo interamente per uso personale: un’abitudine che permette di avere anche il piano più costoso del colosso streaming, che ha un prezzo di 15,99 euro, a un costo decisamente inferiore (dividendo i costi per quattro, arriviamo a circa 4 euro a testa).

Una pratica a quanto pare non così ben vista da Netflix, che potrebbe presto essere radicalmente rivista: ecco perché.

L’intenzione, che per alcuni utenti potrebbe suonare come una minaccia, arriva dalla riunione indetta per il Q3 2019, dove tra i dati record e i risultati delle serie TV più viste, si è anche parlato del pratica relativa alla suddivisione degli account.

Un vero problema secondo le alte sfere di Netflix, che vorrebbero fermare questo metodo.

Greg Peters (Chief Product Officer della piattaforma) ha sottolineato come l’azienda sia a lavoro per tentare di arginare il fenomeno.

Peters sottolinea come il metodo utilizzato da tantissimi utenti per accedere ai piani più costosi della piattaforma non sia del tutto idoneo all’utilizzo applicato da moltissimi utenti.

Netflix, dunque, evidenzia come la divisione degli account dovrebbe essere una pratica riservata ai soli membri della propria famiglia.

In un certo senso non ci sarebbe nulla di nuovo, stando a quanto indicato dai termini e condizioni di Netflix dove si legge che i contenuti visualizzati attraverso il servizio streaming sono riservati a un uso strettamente personale e che è vietato condividere il tutto con persone al di fuori della propria famiglia.

Per il momento Peters indica il fenomeno della divisione degli account come un sorvegliato speciale, indicando l’attuazione nel prossimo futuro di metodi per arginare il problema.

Non ci sono ancora metodi ufficiali quindi, anche se Netflix sembra intenzionata a porre fine a un fenomeno che, dati alla mano, sta generando perdite abbastanza significative a fronte anche della sempre crescente produzione di nuovi contenuti (nell’ultimi trimestrale il bilancio è positivo, ma l’obbiettivo riguardante i nuovi abbonamenti non è stato raggiunto)

Le soluzioni per il futuro potrebbero essere soft, magari con un abbonamento low cost per soli dispositivi mobile.

Ma il dividere tra amici un abbonamento Netflix sembra essere una pratica destinata a scomparire.

22 Ottobre 2019 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Abbonamenti streaming tv e musica senza sovrapprezzi in Europa - Addio al Geoblocking?
Viaggio spesso all'estero per lavoro e sono abbonato a numerose piattaforme per seguire le mie serie tv preferite e la musica: molto spesso quando ci provavo fuori dall'Italia dovevo pagare sovrapprezzi o alcune volte mancava l'accessibilità. Ho sentito dire che tra poco sarà possibile usufruire gratuitamente di tutti gli abbonamenti streaming per quanto riguarda l'Europa. E' vero? ...

Possiedi un vecchio smartphone? - Dal 2020 addio a Whatsapp
Ho sentito dire che dal 2021 non sarà più possibile utilizzare Whatsapp su alcuni modelli di smartphone più datati: io, che non sono un fan accanito dei cellulari, posseggo un Samsung S2. Volevo sapere informazioni più dettagliate. ...

Decoder pirata alias Pezzotto: Sky Netflix e Dazn a 15 euro al mese - Come funziona e cosa si rischia?
Ho visto in tv, nel programma LE IENE, il servizio che parla del famoso decoder pirata, o pezzotto, che permette di guardare Sky, Netflix, Dazn ed altro ad un prezzo irrisorio, più o meno sulle 15 euro al mese. Sembrerebbe molto interessante dal punto di vista economico. Ma nel dettaglio, utilizzandolo, cosa si rischia? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Netflix – E’ addio all’abbonamento condiviso?