Mutuo o prestito per evitare espropriazione della casa già sottoposta a procedura esecutiva

Ho raggiunto un accordo con la banca, saldo e stralcio perché la casa era andata all'asta (rata alta e non pagabili per sopraggiunti problemi economici).

L'accordo prevede 24 rate e nonostante siano il doppio delle precedenti non ho avuto scelta, avrei perso la casa. Oltre le rate da corrispondere alla banca ho da pagare, sempre in 24 rate lavori di ristrutturazione condominiali, spese avvocati per ingiunzioni di pagamento sopraggiunti nel periodo in cui trattavo con la banca e per non farmi mancare nulla si ci é messo anche il condominio che non pagavo in quanto hanno deliberato lavori di facciata ignorando per anni le mie richieste di lavori urgenti relativi alle infiltrazioni di acqua che mi hanno fatto oltre 15 mila euro di danni.

Chiedo se posso avere una qualche possibilità di ottenere prestiti agevolati, tipo mutuo, per l'acquisto della mia prima casa con rate "umane". Grazie

Mi spiace, ma sarà pressoché impossibile ottenere un finanziamento per adempiere all'accordo raggiunto con la banca, dal momento che l'immobile è già ipotecato ed è stato appena sottoposto a procedura giudiziale espropriativa.

4 agosto 2018 · Piero Ciottoli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

casa - pignoramento espropriazione e vendita all'asta

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Le nuove regole di espropriazione della casa acquistata con mutuo ipotecario per inadempimento nel pagamento delle rate
Per i mutui ipotecari stipulati a partire dal 1° luglio 2016, in caso di inadempimento al pagamento delle rate da parte del debitore e alla conseguente richiesta di restituzione del capitale residuo in un'unica soluzione (decadenza dal beneficio del termine), la banca potrà trasferire la proprietà dell'immobile sottoposto a vincolo ...
Il debitore sottoposto ad azione esecutiva ha diritto ad un equo indennizzo per la durata irragionevole della procedura di espropriazione?
Sul diritto del debitore sottoposto ad azione esecutiva ad ottenere, l'equa riparazione prevista dalla normativa vigente (legge Pinto) a causa della durata irragionevole del processo di espropriazione a suo carico, la giurisprudenza di legittimità, inizialmente, ha ritenuto che anche il debitore sottoposto ad azione esecutiva fosse legittimato a richiedere l'indennizzo ...
Condominio » Novità sulla ripartizione delle spese per infiltrazioni da lastrico solare
In ambito della ripartizione delle spese in un condominio, come vanno divisi gli oneri per quanto riguarda le infiltrazioni provenienti dal lastrico solare? La questione è stata affrontata sicuramente, almeno una volta, in ogni condominio: è uno dei problemi più attuali e ricorrenti che riguardano la materia degli immobili. Se ...
Cartelle esattoriali di equitalia e pignoramento della casa » Diritti doveri e consigli per evitare l'espropriazione dell'immobile
Debiti per cartelle esattoriali di equitalia non pagate: è possibile perdere il proprio immobile per pignoramento? Quali sono i diritti che tutelano il debitore? Ecco alcuni consigli e doveri per evitare l'espropriazione dell'immobile. Contro il pignoramento dell'immobile, per eventuali cartelle esattoriali di Equitalia non pagate, quali sono gli strumenti del ...
Pignoramento immobiliare » Casa all'asta invenduta per deprezzamento del valore del bene? Fine della procedura esecutiva
Novità dalla riforma della giustizia civile: dopo il pignoramento, l'immobile non viene venduto nonostante i continui ribassi? La procedura esecutiva si ferma. E' quasi impercettibile e quasi nessuno se ne è accorto, ma l'articolo esiste. Si tratta del 164 bis della legge 162/2014, la riforma della giustizia civile appunto, il ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca