Mutuo ipotecario stipulato nel 1995 e sproporzione tassi interesse – C’è usura sopravvenuta?

Nel 1995, per l’acquisto della mia prima casa, ho stipulato un mutuo ipotecario presso il mio istituto di credito, di durata trentennale, in epoca anteriore all’entrata in vigore della legge 108/1996 che tratta di usura sopravvenuta.

Il mutuo stipulato, mentre prima della legge presentava dei tassi di interesse legittimi, successivamente li ha sforati.

Dunque, vorrei richiedere alla banca la restituzione degli interessi illegittimamente corrisposti in ben 22 anni: somma non trascurabile.

Si può ritenere ammissibile tale richiesta e dunque il riconoscimento dell’usura sopravvenuta?

Purtroppo ha scelto il momento meno adatto per intentare un procedimento verso un istituto di credito in materia di mutui ed usura sopravvenuta.

Infatti la Corte di Cassazione a sezioni unite, con la sentenza 24675/2017, ribaltando gli orientamenti giurisprudenziali degli ultimi anni, ha negato la configurabilità dell’usura sopravvenuta dal momento che è priva di qualsiasi fondamento la tesi della illiceità della pretesa del pagamento di interessi a un tasso che, pur non essendo superiore, alla data della pattuizione (con il contratto o con patti successivi), alla soglia dell’usura definita con il procedimento previsto dalla legge 108/1996 superi tuttavia tale soglia al momento della maturazione o del pagamento degli interessi stessi.

A parere degli Ermellini, qualora il tasso degli interessi concordato tra mutuante e mutuatario superi, nel corso dello svolgimento del rapporto, la soglia dell’usura come determinata in base alle disposizioni della legge 108/1996, non si verifica la nullità o l’inefficacia della clausola contrattuale di determinazione del tasso degli interessi stipulata anteriormente all’entrata in vigore della citata legge, o della clausola stipulata successivamente per un tasso non eccedente tale soglia quale risultante al momento della stipula; né la pretesa del mutuante di riscuotere gli interessi secondo il tasso validamente concordato può essere qualificata, per il solo fatto del sopraggiunto superamento di tale soglia, contraria al dovere di buona fede nell’esecuzione del contratto.

In parole povere, l’usura sopravvenuta non esiste, e non le è dovuta la restituzione degli interessi. A lei e nessun altro.

25 Ottobre 2017 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Mutuo con tassi di interesse al limite dell'usura » La clausola di salvaguardia che protegge le banche
Mutuo con tassi di interesse che superano la soglia di usura: in aiuto delle banche la famigerata clausola di salvaguardia. Le banche sostengono che il tasso di mora, ovvero l'interesse aggiuntivo da pagare in caso di ritardo nel versamento della rata, non deve essere sommato al tasso pattuito nel contratto di mutuo ai fini dello sforamento del tasso usurario. Questo principio, purtroppo, continua a trovare conferme nelle aule di tribunale. Stando infatti all'orientamento giurisprudenziale prevalente, l'istituto di credito è obbligato a restituire tutti gli interessi solo se quelli di mora sono usurari. Ma, attenzione, anche in questo caso la restituzione ...

Tassi di interesse attuali convenienti? - Ecco come effettuare la surroga di un mutuo
Ho stipulato un mutuo ipotecario quattro anni fa a dei determinati tassi di interesse: ho notato, però, che attualmente, ci sono degli istituti di credito che propongono interessi molto convenienti e vorrei approfittarne. Vorrei sapere, dunque, se e come poter effettuare una portabilità del mutuo ad un'altra banca con opzioni più vantaggiose (la cosiddetta surroga). ...

Mutui con tassi di interesse a usura » Come farsi rimborsare
Purtroppo, è sempre, ed ora più che mai, attuale il tema dell'usura bancaria, anche per quanto riguarda i mutui. Per questo, proponiamo ai consumatori una guida sull'usura bancaria: ecco quali sono i fattori da considerare nel calcolo dei tassi applicati dalle banche. Per prima cosa, è bene chiarire che si parla parla di usura quando il corrispettivo di una prestazione in denaro consistente nella richiesta di interessi, spese e commissioni costituisce un costo totale finanziario estremamente esoso in relazione alla categoria della prestazione, all'entità della prestazione ed alle dinamiche finanziarie del mercato. Si tratta, pertanto, di un'applicazione sui finanziamenti concessi ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Mutuo ipotecario stipulato nel 1995 e sproporzione tassi interesse – C’è usura sopravvenuta?