Mutuo contratto in Polonia

Nel 2007 io e mia moglie abbiamo contratto un mutuo per acquistare un appartamento in Polonia. E' stato un grave errore e abbiamo faticato molto fino all'inizio di quest'anno per pagare le rate anche per i valori di cambio, il mutuo è in franchi svizzeri.

Ora abbiamo deciso di non pagare e stiamo cercando di ottenere una ristrutturazione del debito ma non abbiamo ancora nulla di certo dalla banca estera.

Non possediamo nessun bene in Polonia oltre all'appartamento stesso, il cui valore di mercato è più basso dell'attuale capitale da rimborsare.

In Italia possiederò tra circa un anno un appartamento, si tratta di una cooperativa che rogiterà fra circa dodici mesi. Naturalmente ho l'automobile e altre cose.

Cosa potrebbe accadermi, realisticamente? Dopo aver provveduto alla vendita della casa in Polonia e quindi aver recuperato parte del debito, forse anche una grossa parte, si muoveranno in Italia e come? La casa nella quale abitavamo in Italia è stata venduta per trasferimento di lavoro di entrambi e ora siamo in affitto. Come comportarmi?

La banca estera si appoggerà, presumibilmente, ad uno studio legale, qui in Italia, per ottenere un decreto ingiuntivo basato sulla documentazione sottoscritta in Polonia. Non è una procedura semplice, ma nemmeno impossibile.

L'alternativa, per la banca polacca, è quella di servirsi direttamente del nuovo regolamento comunitario in base al quale è possibile ottenere un'ordinanza europea di sequestro conservativo, che consentirà al creditore di pignorare le disponibilità del debitore su un rapporto di conto corrente detenuto in qualsiasi banca UE.

E quindi, è consigliabile, per il debitore, evitare acquisizioni di proprietà immobiliari in Italia e/o risultare intestatario di un conto corrente con saldo di entità rilevante.

29 luglio 2014 · Simonetta Folliero

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Mutuo » Cosa succede dopo il divorzio?
Come noto, sempre più famiglie italiane, per avere la liquidità necessaria ad acquistare la loro prima casa si rivolgono alle banche per riuscire, o almeno provare, ad accendere un mutuo. Quando si cerca l'appartamento naturalmente, il matrimonio è agli inizi e tutto procede per il verso giusto. Per molte coppie, ...
Separazione personale tra coniugi » Ex casa coniugale in affitto: ora chi paga il contratto di locazione?
Separazione personale tra due coniugi: in caso di contratto di locazione per l'ex casa coniugale, il padrone di casa da chi deve pretendere il pagamento dell'affitto? Chiariamo la questione nell'articolo seguente. Come sappiamo, nella fattispecie di una separazione personale tra due coniugi, durante la controversia in tribunale, viene decisa anche ...
Mutuo a tasso variabile e rata protetta
Il mutuo a tasso variabile e rata protetta è un contratto di prestito. Il mutuo a tasso variabile e rata protetta consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto “mutuante” ad un soggetto “mutuatario” che si impegna a restituirlo secondo modalità concordate, dettagliatamente definite nel contratto sottoscritto ...
Ipoteca per il mutuo » Le tutele dell'immobile
Presenza di vari finanziamenti in corso pagati regolarmente, con il progetto di acquistare, a breve, un immobile con sottoscrizione del mutuo, con ipoteca obbligatoria. Nel caso non si potessero più onorare le rate dei prestiti, e si scegliesse di dare priorità al mutuo, gli altri istituti di credito potrebbero avanzare ...
Mutuo e assicurazione casa
Le tre coperture assicurative che oggi vengono comunemente proposte dagli intermediari finanziari in occasione dell'erogazione del mutuo, sono: polizza incendio e scoppio. E' di fatto obbligatoria. Ed è una buona cosa perché in evenienza dei casi coperti (incendio e scoppio) il mutuatario si troverebbe a pagare rate per una casa ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca