Mutuo consolidamento

Ciao a tutti sono Massimo, 43 anni dipendente pubblico da 15 anni, sposato e con una figlia di 1 anno. Nel corso degli anni, per alterne vicende ho contratto tre prestiti (valore totale di estinzione a scadenza € 45.000. Ho uno stipendio mensile netto di € 1600 per 13 mensilità, decurtato dei finanziamenti mi rimane al netto al mese € 1100. Vorrei fare un mutuo di consolidamento estinguendo i prestiti per abbassarmi la rata complessiva. La casa in cui viviamo è di mia suocera che per comprare l'appartamento in cui vive ha fatto mettere ipoteca sul nostro appartamento e quindi non sfruttabile. I miei genitori, entrambe pensionati, di 65 e 73 anni, hanno acquisto un appartamento in contanti nel 2013 del valore di € 120.000. Per risolvere la situazione si sono resi disponibili a far mettere ipoteca sul loro appartamento per offrire garanzia maggiore e poter ricevere il mutuo. Vorrei un parere sulla fattibilità di questa operazione e come devo prospettarla alla banca. Grazie. Massimo

Ritengo l'operazione ampiamente fattibile: alla banca va semplicemente richiesto un mutuo per consolidamento debiti con garanzia ipotecaria prestata da terzi.

La scelta va orientata verso l'istituto finanziario che le offre un piano di ammortamento di durata tale da consentirle una rata mensile che sia davvero sostenibile nel futuro.

12 marzo 2015 · Chiara Nicolai

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Mutuo a tasso variabile con tetto massimo (CAP)
Il mutuo a tasso variabile con tetto massimo è un contratto di prestito. Il mutuo a tasso variabile con tetto massimo consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto “mutuante” ad un soggetto “mutuatario” che si impegna a restituirlo secondo modalità concordate, dettagliatamente definite nel contratto sottoscritto ...
Mutuo chirografario
Chirografario vuol dire che discende da un documento firmato. In relazione ai mutui questa espressione si usa per indicare il finanziamento che non viene garantito dall'ipoteca, ma dal semplice impegno del debitore. Insomma, il mutuo che non è ipotecario è per definizione chirografario. Ed è quello che, se destinato a ...
Consolidamento debiti? » Possibile con un mutuo
Gli oneri quotidiani da affrontare per le famiglie italiane, sia di esigua che di cospicua entità, sono tantissimi e, sempre più consumatori, si trovano costretti a ricorrere al credito. Vediamo come fare a consolidare i numerosi debiti grazie ad un mutuo. Quando si confrontano i mutui di diversi istituti di ...
Ipoteca per il mutuo » Le tutele dell'immobile
Presenza di vari finanziamenti in corso pagati regolarmente, con il progetto di acquistare, a breve, un immobile con sottoscrizione del mutuo, con ipoteca obbligatoria. Nel caso non si potessero più onorare le rate dei prestiti, e si scegliesse di dare priorità al mutuo, gli altri istituti di credito potrebbero avanzare ...
Mutuo a tasso variabile e rata crescente
Il mutuo a tasso variabile e rata crescente è un contratto di prestito. Il mutuo a tasso variabile e rata crescente consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto “mutuante” ad un soggetto “mutuatario” che si impegna a restituirlo secondo modalità concordate, dettagliatamente definite nel contratto sottoscritto ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca