Casa acquistata dai coniugi in comunione ma mutuo estinto dalla famiglia di lui - Cosa succede con il divorzio?

Acquistammo il primo appartamento in comunione dei beni, ma gli intestatari del mutuo erano mio marito e mio suocero dopo poco ha estinto il mutuo. Cosa comporta questa circostanza in caso di divorzio? La casa era comunque intestata 50 e 50.

L'articolo 191 del codice civile stabilisce che la comunione si scioglie per l'annullamento, per lo scioglimento o per la cessazione degli effetti civili del matrimonio, nonché per la separazione personale.

Sempre il codice civile, all'articolo 179, precisa che non costituiscono oggetto della comunione e sono beni personali del coniuge i beni acquisiti successivamente al matrimonio per effetto di donazione, anche indiretta.

La cointestazione del mutuo da parte di suo suocero per l'acquisto di un immobile di cui risultava comproprietario il solo figlio e la successiva estinzione del mutuo, sempre ad opera di suo suocero, costituiscono esempio paradigmatico di donazione indiretta da padre a figlio.

Insomma, quello che lei può rischiare in seguito ad un'azione giudiziale dell'ex coniuge, fermo restando il diritto alla proprietà del 50% dell'immobile che fu casa coniugale, è dover rimborsare all'ex marito il 50% della somma pagata alla banca dal padre per l'estinzione del mutuo.

17 novembre 2017 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

separazione personale dei coniugi e divorzio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Mutuo » Cosa succede dopo il divorzio?
Come noto, sempre più famiglie italiane, per avere la liquidità necessaria ad acquistare la loro prima casa si rivolgono alle banche per riuscire, o almeno provare, ad accendere un mutuo. Quando si cerca l'appartamento naturalmente, il matrimonio è agli inizi e tutto procede per il verso giusto. Per molte coppie, ...
Comunione legale » Che succede se il creditore espropria un bene ai coniugi?
In sede di comunione legale, nel caso di esecuzione forzata, come ad esempio un pignoramento, e vendita di uno dei beni divisi tra coniugi, il consorte non debitore ha diritto ad ottenere la metà della somma ricavata dalla vendita. I beni della comunione legale dei coniugi, infatti, possono essere espropriati ...
Agevolazioni fiscali acquisto prima casa e coniugi in comunione dei beni - Il requisito della residenza vale per uno solo dei coniugi
In tema di imposta di registro e dei relativi benefici per l'acquisto della prima casa, ai fini della fruizione degli stessi, il requisito della residenza nel Comune in cui è ubicato l'immobile va riferito alla famiglia, con la conseguenza che, in caso di comunione legale tra coniugi, quel che rileva ...
Agevolazioni fiscali per acquisto prima casa da parte di coniugi in comunione legale - Se uno dei coniugi non trasferisce la residenza anagrafica nell'immobile acquistato è necessario dimostrare la coabitazione
Per quanto riguarda l'imposta di registro e i relativi benefici per l'acquisto della prima casa da parte di coniugi in comunione legale, il requisito della residenza va riferito alla famiglia, per cui ove l'immobile acquistato sia adibito a tale destinazione non rileva la diversa residenza di uno dei due coniugi ...
Comunione legale fra coniugi e comunione ordinaria - Differenze
La comunione legale fra coniugi e la comunione ordinaria sono strutture normative molto differenti. Innanzitutto, la comunione ordinaria è una comunione per quote effettive, mentre la comunione legale è una comunione senza quote (o per quote solo virtuali del 50% ciascuna). Nella comunione ordinaria le quote sono oggetto di un ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca