Richiesta pagamento per ticket parcheggio non versato in croazia e decreto di esecuzione/ingiuntivo

L'altro giorno ho ricevuto a casa una raccomandata da uno studio legale croato ad oggetto ricorso per ottenere un decreto di esecuzione, riguardante un ticket di parcheggio non pagato nell'agosto 2011 mentre ero in vacanza lì.

Ora mi chiedono di versare sul conto IBAN dell'avvocato un ammontare di 177 euro entro 8 giorni o di quasi 250 euro nel periodo successivo, cifra che andrebbe ad aumentare del 12% ogni anno! Se non dovessi pagare,stando al documento, ci sarebbe un'ipotetica "disposta d'esecuzione su tutti i miei beni mobili ed immobili".

Cosa dovrei fare?

Come già precisato in altri interventi in questo forum, la stampa si è ampiamente occupata del problema: a riscuotere, con scarso successo ci avevano provato, su mandato di alcune società croate, prima degli avvocati italiani con un approccio stragiudiziale. Adesso tentano la sorte i colleghi croati con una strategia diversa, e più intimidatoria.

Peraltro, sono noti i metodi scorretti spesso utilizzati, in Italia e nell'UE, nel campo del recupero crediti: comunicazioni false ed ingannevoli che sembrano provenire dai tribunali, citazioni del trasgressore in fori che non sono competenti.

In questo caso, lo studio legale croato nemmeno fornisce al destinatario, come invece dovrebbe, informazioni utili per una eventuale opposizione (a chi e dove opporsi, entro quanto tempo) alla sanzione ed alle spese legali applicate.

Non essendo possibile effettuare un'indagine approfondita sulla legittimità del decreto di esecuzione/ingiuntivo e delle notifiche dei verbali presupposti restano le sole scelte soggettive.

Peraltro, i costi di una verifica in loco per un accesso agli atti sarebbero sicuramente superiori alla pretesa. I legali croati lo sanno bene; anzi si potrebbe senz'altro affermare che proprio su tale aspetto contano per indurre l'intimato a pagare.

Se questi sono i presupposti, io non pagherei ed attenderei gli sviluppi della questione. Ma, lo ripeto, si tratta solo di una scelta personale dettata dall'esperienza e che tuttavia potrebbe rivelarsi non essere la migliore.

13 marzo 2015 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

decreto ingiuntivo da Croazia Serbia a altri paesi est europei per divieto di sosta ticket parcheggio o pedaggio autostradale non pagati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Decreto ingiuntivo non notificato correttamente? I rimedi: opposizione all'esecuzione ed opposizione tardiva
In caso di esecuzione forzata, iniziata con un decreto ingiuntivo non notificato correttamente, gli unici rimedi per il debitore sono presentare l'opposizione all'esecuzione o l'opposizione tardiva. In tema di esecuzione forzata avviata sulla base di un decreto ingiuntivo, infatti, occorre distinguere tra l'ipotesi di deduzione della inesistenza della relativa notificata ...
Pignoramento » Il precetto non deve essere rinnovato per più procedure di esecuzione forzata
Qualora fosse in atto più di un pignoramento, il creditore può utilizzare lo stesso precetto fino a che ha ottenuto il risanamento del debito: se non sono scaduti i 90 giorni, infatti, il precetto in rinnovazione è un atto che non ha alcuna utilità. Come chiarito in diversi interventi sul ...
Multa per parcheggio in zona blu senza esposizione del ticket - Si può contestare l'illegittimità dell'ordinanza istitutiva del parcheggio a pagamento ma non quella eventuale della delibera di concessione del servizio
Nel giudizio d'opposizione ad ordinanza ingiunzione avente ad oggetto l'irrogazione di sanzioni amministrative per violazione del codice della strada, il giudice ordinario ha il potere di sindacare incidentalmente, ai fini della disapplicazione, soltanto gli atti amministrativi posti direttamente a fondamento della pretesa sanzionatoria. Pertanto, ove sia stata irrogata una sanzione ...
Estinzione anticipata del contratto di prestito e prescrizione del diritto al rimborso del premio assicurativo versato per il residuo periodo di copertura
Spesso le banche e le finanziarie, contestualmente alla estinzione anticipata del prestito, non provvedono a rimborsare al cliente il premio assicurativo per il residuo periodo di copertura non goduto, premio che era stato versato in unica soluzione dal cliente al momento della sottoscrizione del contratto di credito. Quando, dopo qualche ...
Decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo anche se c'è opposizione del debitore
Per ridurre i tempi di recupero dei crediti vengono adottati termini più brevi per la facoltà dei debitori di fare opposizione agli atti dell'esecuzione: il giudice deve disporre la provvisoria esecuzione di un decreto ingiuntivo per le somme non contestate, anche in presenza di una opposizione del debitore. Così stabilisce ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca