Multa non mia: targa corretta ma quel giorno ero a lavoro

Ho ricevuto una multa per divieto di sosta: la targa è quella della mia macchina ma nel posto in questione non ci sono mai stato e posso dimostrare di essere andato a lavoro nel giorno implicato (timbro il cartellino) con tanto di testimoni che mi hanno visto con la macchina quel giorno e pronti a testimoniare.

Inoltre la multa che riporta la data del 18-06-2011 è arrivata il 20-09-2011 (credo siano scaduti i 90 giorni).

Vorrei contestarla, come mi consigliate di procedere?

Posso contestarla per entrambi i motivi o soltanto per uno (onestamente preferirei testimoniare che quel giorno non ero nel luogo indicato dalla multa)?

Meglio contestarla al prefetto (col rischio di raddoppiare in caso la sanzione) o al giudice di pace?

Grazie in anticipo per l\'attenzione.

Il termine dei 90 giorni per la notifica al trasgressore va calcolato dalla data dell'infrazione a quella della consegna del verbale alle poste. Questa informazione dovrebbe esserci, altrimenti deve effettuare un accesso agli atti ed acquisirla.

Per quel che attiene se presentare il ricorso al Prefetto, è vero che si corre il rischio di dover poi pagare un importo raddoppiato, ma è anche vero che, dati i carichi di lavoro da smaltire, difficilmente (specie nelle grandi città) le prefetture riescono a rispettare i termini dei 210 giorni per accogliere o rigettare il ricorso. E il silenzio va interpretato come accoglimento.

In ogni caso si tratta di una valutazione personale.

22 settembre 2011 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

multa

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Multa per divieto di sosta - il verbale è valido anche senza indicazione del numero civico
L'indicazione del numero civico nel verbale di multa è importante ma non essenziale per la validità dell'accertamento. La multa per divieto di sosta è valida anche quando il vigile omette di indicare nel verbale di preavviso il numero civico dell'accertamento effettuato. Così si è pronunciata la Corte di cassazione, Sez. ...
Multa » Agente può elevarla dal computer senza compilare verbale
Un agente di polizia ha la possibilità di elevare la multa dal computer senza dover per forza redigere il verbale. L'originale della multa elevata al trasgressore, può essere costituito dal file creato direttamente dal pc del comando, senza dover per forza prima passare per il documento cartaceo, a condizione che ...
Multa - Il ricorso inibisce la possibilità di ottenere lo sconto
In caso si pensi di aver subito una multa ingiustamente, ci sono due alternative. La prima è il ricorso al prefetto competente per territorio entro 60 giorni dalla data di contestazione o di notifica del verbale. Va presentato al comando dal quale dipende l'agente accertatore o inviato per raccomandata a/r. ...
Multa per violazione del codice della strada – il ricorso al prefetto
Il ricorso va presentato entro 60 giorni dalla contestazione o notifica della multa, sempre che non sia stato effettuato il pagamento in misura ridotta nei casi consentiti. Le nuove norme del Codice della Strada consentono di presentare il ricorso direttamente al Prefetto del luogo in cui è stata commessa la ...
Multa non notificata correttamente? » Non va pagata
La normativa vigente specifica esattamente quali sono i termini precisi entro i quali il verbale di multa deve essere notificato al trasgressore. Qualora la notifica non fosse conforme alle disposizioni legislative, la sanzione non va onorata. Il verbale di multa, redatto senza contestazione immediata, deve essere notificata presso l'abitazione del ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca