Recupero crediti per parcheggio non pagato in Croazia - Secondo le leggi vigenti siamo costretti ad onorare il pagamento?

In data 18/5/17 abbiamo ricevuto via posta c/o la nostra residenza in Italia un'avviso di infrazione datata 25/8/2014 e verbalizzato a Nova Cesta (Croazia) per un importo pari a 65.46 euro.

Motivazione: parcheggio in violazione delle regole e condizioni (Qual? - Non specificato!)

L'avviso ci è stato notificato ed inviato da Zagrebacki holding /Zagrebparking, Società Euro Parking collection.

Non abbiamo effettuato il pagamento al primo avviso a questa fantomatica società (Holding con più sedi e apparentemente non un ente di polizia ufficiale).

Ci è appena giunta una nuova ingiunzione di pagamento ("Ultimo avviso"!) per 88.46 euro.

Secondo le leggi vigenti, siamo costretti ad onorare il pagamento?

Il creditore (Zagrebacki holding/Zagrebparking) è una società che gestisce le aree destinate a parcheggio a pagamento per autoveicoli in Croazia, nella fattispecie a Nova Cesta.

La Euro Parking Collection (EPC) è una società di diritto inglese specializzata nell'identificazione, notifica e riscossione di tasse stradali non pagate, pedaggi e sanzioni emesse a veicoli stranieri registrati in Europa.

La Zagrebacki holding si è affidata alla società di recupero crediti Euro Parking Collection per riscuotere la tariffa pretesa per una sosta effettuata a Nova Cesta senza il dovuto pagamento del ticket.

La notifica della pretesa è di solito accompagnata da documentazione fotografica che attesta l'avvenuta sosta del veicolo da cui deve essere possibile visualizzare il numero di targa.

Anche in Italia, come sappiamo, i Comuni possono affidarsi a società concessionarie private per la riscossione delle sanzioni amministrative originate dalla sosta abusiva di un veicolo in area soggetta al pagamento del ticket.

Nel caso discusso, in più, una società privata concessionaria della gestione dei parcheggi a pagamento in Nova Cesta si è affidata ad un'altra società privata (inglese) per riscuotere un credito a cui ritiene di aver diritto. Anche in base alla legge italiana non risultano superati i termini decennali di prescrizione della pretesa, nè sono invocabili i termini di decadenza per la notifica dell'infrazione in quanto non si tratta di una vera e propria sanzione amministrativa, ma semplicemente di una obbligazione sorta fra soggetti privati.

Il problema, pertanto, è solo capire se la documentazione allegata all'avviso di accertamento di infrazione riporta dati e situazioni veritiere. In pratica se, alla data dell'infrazione indicata nell'ingiunzione di pagamento, effettivamente il veicolo di sua proprietà sostò a Nova Cesta in Croazia senza pagamento del ticket dovuto.

12 luglio 2017 · Giuseppe Pennuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

decreto ingiuntivo da Croazia Serbia a altri paesi est europei per divieto di sosta ticket parcheggio o pedaggio autostradale non pagati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Come avviene il recupero del credito scaduto per le forniture di energia elettrica e gas
Le procedure di recupero del credito scaduto sono sostanzialmente identiche per le forniture di energia elettrica e gas: all'invio di un sollecito (phone collection per importi medio-bassi o con raccomandata per importi superiori a 150 euro) segue l'inoltro della raccomandata di costituzione in mora con preavviso di sospensione della fornitura ...
Pubblicità ingannevole » Agcm sanziona Gruppo Index
Servizi alle microimprese: l'Antitrust sanziona le società del gruppo index per pubblicità ingannevole e pratiche commerciali scorrette. Multe per complessivi 324 mila euro. Con una strategia coordinata, e ciascuno con un suo ruolo, pubblicizzavano la possibilità di aderire a una rete informatica grazie alla quale piccoli e piccolissimi esercenti avrebbero ...
La black list delle società di recupero crediti sanzionate per pratiche ingannevoli o aggressive
Pratica aggressiva consistente in finte citazioni in giudizio, per tentare di recuperare, attraverso studi legali, presunti crediti acquisiti dalla società di telecomunicazioni LTS, con l'indicazione fittizia della data della prima udienza; e senza che segua alcuna iscrizione della causa a ruolo, presso sedi di Giudici di Pace sistematicamente diverse da ...
Recupero di crediti inesigibili - Citazione del debitore presso giudice di pace incompetente per territorio
L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust) è nuovamente intervenuta a tutela dei consumatori bersagliati da atti di citazione per crediti presumibilmente prescritti o inesistenti. Nella riunione del 30 maggio 2013, infatti, l'Antitrust ha sanzionato con una multa di 50 mila euro l'impresa individuale Consuelo Paravati che, secondo quanto ...
Multa per parcheggio in zona blu senza esposizione del ticket - Si può contestare l'illegittimità dell'ordinanza istitutiva del parcheggio a pagamento ma non quella eventuale della delibera di concessione del servizio
Nel giudizio d'opposizione ad ordinanza ingiunzione avente ad oggetto l'irrogazione di sanzioni amministrative per violazione del codice della strada, il giudice ordinario ha il potere di sindacare incidentalmente, ai fini della disapplicazione, soltanto gli atti amministrativi posti direttamente a fondamento della pretesa sanzionatoria. Pertanto, ove sia stata irrogata una sanzione ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca