Morte del creditore pignoratizio dopo la notifica del pignoramento al debitore sottoposto ad azione esecutiva


Argomenti correlati:

CASO: Creditore inizia procedura esecutiva (pignoramento), cosa succede se creditore procedente muore?

Se l’immobile pignorato fosse in parte di proprietà di una signora che ha il diritto di uso e abitazione, tale diritto è opponibile ad eventuali terzi creditori?

Se il decesso del creditore procedente interviene dopo la notifica del pignoramento al debitore esecutato, l’avvocato del creditore defunto può continuare l’azione esecutiva (nell’interesse degli eredi).

Il problema potrebbe sussistere se, e solo se, il decesso del creditore procedente avvenisse prima della notifica del pignoramento: in tale ipotesi, sarebbe necessario agli eredi dotarsi del creditore procedente defunto di conferire un nuovo mandato, acquisire un nuovo titolo esecutivo e procedere nuovamente all’avvio dell’azione esecutiva nei confronti del debitore.

Questo, perché, nel caso di espropriazione forzata non si tratta di continuare nella gestione della lite, per conto della parte defunta o divenuta incapace, bensì di iniziare un nuovo processo, la valutazione delle cui convenienza od opportunità non può essere rimessa ad una scelta altrettanto discrezionale del difensore incaricato dal creditore defunto (Cassazione sentenza 8959/2018).

10 Settembre 2019 · Giorgio Martini



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Morte del creditore pignoratizio dopo la notifica del pignoramento al debitore sottoposto ad azione esecutiva