Morte del creditore pignoratizio dopo la notifica del pignoramento al debitore sottoposto ad azione esecutiva

Argomenti correlati:

CASO: Creditore inizia procedura esecutiva (pignoramento), cosa succede se creditore procedente muore?

Se l’immobile pignorato fosse in parte di proprietà di una signora che ha il diritto di uso e abitazione, tale diritto è opponibile ad eventuali terzi creditori?

Se il decesso del creditore procedente interviene dopo la notifica del pignoramento al debitore esecutato, l’avvocato del creditore defunto può continuare l’azione esecutiva (nell’interesse degli eredi).

Il problema potrebbe sussistere se, e solo se, il decesso del creditore procedente avvenisse prima della notifica del pignoramento: in tale ipotesi, sarebbe necessario agli eredi dotarsi del creditore procedente defunto di conferire un nuovo mandato, acquisire un nuovo titolo esecutivo e procedere nuovamente all’avvio dell’azione esecutiva nei confronti del debitore.

Questo, perché, nel caso di espropriazione forzata non si tratta di continuare nella gestione della lite, per conto della parte defunta o divenuta incapace, bensì di iniziare un nuovo processo, la valutazione delle cui convenienza od opportunità non può essere rimessa ad una scelta altrettanto discrezionale del difensore incaricato dal creditore defunto (Cassazione sentenza 8959/2018).

10 Settembre 2019 · Giorgio Martini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Accoglimento dell'azione revocatoria promossa dal creditore - Il debitore può essere sottoposto ad azione esecutiva o bisogna attendere il passaggio in giudicato della sentenza?
Vorrei gentilmente sapere se il creditore vincitore in primo grado di un giudizio di revocatoria per dare corso al pignoramento e all'espropriazione forzata deve attendere il terzo grado di giudizio o può farlo immediatamente dopo la sentenza di primo grado. ...

Azione esecutiva e pignoramento – quando il creditore aggredisce il patrimonio del debitore
Si definisce “azione esecutiva” il procedimento attraverso il quale il creditore che sia in possesso di un “titolo esecutivo” (cambiale, assegno, sentenza definitiva, ecc.) può aggredire il patrimonio del debitore. Le azioni esecutive sono svolte da uno o più creditori, siano essi privilegiati o chirografari, anche sullo stesso bene, mobile, immobile, mobile registrato o credito vantato da debitore, sono cumulabili in quanto il creditore può agire con i possibili mezzi di espropriazione forzata previsti dalla legge, ovvero il pignoramento mobiliare, il pignoramento immobiliare o il pignoramento presso terzi. Il debitore può però chiedere al giudice di limitare il mezzo utilizzabile ...

Espropriazione di beni assoggettati a vincolo di indisponibilità o alienati a titolo gratuito dal debitore - Quando il creditore può non esperire azione revocatoria per aggredire il bene sottratto all'azione esecutiva
Il creditore che sia pregiudicato da un atto del debitore, di costituzione di vincolo di indisponibilità (fondo patrimoniale) o di alienazione (donazione, trasferimento immobiliare in sede di separazione o divorzio, concessione di ipoteca volontaria) che ha per oggetto beni immobili o mobili iscritti in pubblici registri, compiuto a titolo gratuito successivamente al sorgere del credito, può procedere, munito di titolo esecutivo, a esecuzione forzata, ancorché non abbia preventivamente ottenuto sentenza dichiarativa di inefficacia, se trascrive il pignoramento nel termine di un anno dalla data in cui l'atto è stato trascritto. Tale disposizione si applica anche quando l'atto a titolo gratuito ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Morte del creditore pignoratizio dopo la notifica del pignoramento al debitore sottoposto ad azione esecutiva