Modem imposto dagli operatori? Mai più - La decisione dell'Agcom

Ho sentito di sfuggita al Tg che grazie alla decisione dell'Agcom, non sarà più possibile, per le compagnie di telefonia fissa e internet, imporre la scelta del modem al consumatore.

Ma cosa ne guadagna l'utente?

In sostanza, cosa cambia?

Con una recente decisione in materia di tutela del consumatore, L'Autorità garante per le comunicazioni (Agcom) ha sancito che sarà consentito agli abbonati internet di scegliere il router che preferiscono per collegarsi al web, in alternativa ai modelli imposti dalle compagnie telefoniche.

Grazie al provvedimento delibera 348 del 1 Agosto 2018, infatti, l'Autorità ha dunque confermato il diritto degli utenti di scegliere liberamente i terminali di accesso ad Internet da postazione fissa, fissando al contempo specifici obblighi sugli operatori, finalizzati a garantire scelte consapevoli e informate da parte dei consumatori finali.

Tradotto, ciò vuol dire basta a modem inclusi a rate nell'offerta Internet e fatti pagare ben più del loro reale valore.

Dunque, sarà possibile scegliere il modem che si preferisce, andando da modelli standard per uso generale fino a quelli più evoluti per esigenze specifiche come il gaming: a patto, ovviamente, che il modem risponda ai requisiti tecnici necessari per il suo corretto funzionamento.

Su questo, Agcom è stata chiara: : gli operatori non si possono rifiutare di collegare apparecchiature terminali alla propria rete se l'apparecchiatura scelta dall'utente soddisfa i requisiti di base previsti dalla normativa europea e nazionale, né imporre all'utente oneri aggiuntivi o ritardi ingiustificati, ovvero discriminarne la qualità dei servizi inclusi nell'offerta.

Cosa dovranno fare, ora, gli operatori di connettività web domestica?

Per prima cosa permettere a tutti l'utilizzo del proprio modem purché adatto allo scopo, ma anche fornire ai propri clienti, attraverso i canali di assistenza, informazioni adeguate per la corretta e semplificata attestazione delle funzionalità di connessione e la semplice configurazione degli apparati terminal, sostitutivi o integrativi, di propria scelta.

In parole povere l'operatore dovrà sia lasciare libero il cliente nella scelta dell'apparecchiatura di accesso al web, sia seguirlo in caso di difficoltà di configurazione, che di conseguenza dovrà essere semplificata il più possibile.

Grande colpo dell'Agcom.

2 agosto 2018 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - telefonia internet social e pay tv

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Resta a carico dell'utente l'IVA applicata alle spese di spedizione della bolletta telefonica anche se la società che eroga i servizi di tlc gode di esenzione
In tema di rapporto fra utente e società fornitrice dei servizi di telefonia ed accesso ad internet, il costo sopportato da quest'ultima per la spedizione all'utente della fattura a mezzo del servizio postale essendo finalizzato all'esecuzione della prestazione, fa parte della base imponibile. Infatti, ai fini del rapporto con l'utente ...
Voli low cost con cospicuo supplemento per il bagaglio » Per la Corte di Giustizia Europea è illegittimo se il consumatore non viene avvertito
Stop ai voli con bagagli imbarcati a peso d'oro senza la preventiva comunicazione: per la Corte di Giustizia Europea il supplemento per le valigie è vessatorio, ma solo nel caso in cui il consumatore non venga correttamente informato. A chi viaggia spesso, quante volte è capitato: dopo aver acquistato un ...
Disservizi voce ed internet - L'utente può chiedere il risarcimento danni all'operatore con cui ha stipulato il contratto di fornitura
Un professionista stipulava con un operatore telefonico alternativo (OLO) un contratto per la fornitura di servizi telefonici relativi alla rete fissa (chiamate voce ed ADSL per l'accesso ad internet). L'utente conveniva in giudizio l'operatore, rilevando il non corretto funzionamento dei servizi e chiedendone la condanna al risarcimento dei danni. I ...
Illegittima la modifica unilaterale al contratto di fornitura dei servizi telefonici
Linea dura contro le compagnie telefoniche che modificano senza il consenso dell'utente il contratto. Infatti, ha diritto al rimborso per l'autoricarica scaduta chi ha perso il suo credito a seguito della scadenza introdotta dal gestore di telefonia. Non sono ammesse, neppure dopo le "lenzuolate" Bersani, condizioni che peggiorano la posizione ...
Tutela del consumatore: fonia ed internet » Il riepilogo
Grazie alle attuali liberalizzazioni introdotte in materia di tutela del consumatore per la telefonia, sono stati previsti una serie di diritti hanno carattere obbligatorio. Pertanto, sono da considerarsi nulle, e quindi contestabili, tutte quelle clausole di un contratto che risultano difformi dalla previsione normativa. Chiariamo quali all'interno dell'articolo. Il costo ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca