Situazione debitoria assurda

Sono un ragazzo di 33 anni e vivo una situazione debitoria assurda.

Per anni ho lavorato nella ditta di famiglia, alla fine del servizio militare mio padre (ma non lo considero più tale) mi ha offerto di intestare la ditta (allora della sua seconda moglie) a mio nome, dicendo che comunque un domani sarebbe diventata mia, non potendo lui intestarsela più in seguito ad un fallimento.

Ovviamente essendo mio padre ho accettato, pensando che mai mi avrebbe messo nei guai. Sono, anzi ero suo figlio!

Il nome era mio ma tutta la gestione amministrativa e del lavoro era compito suo. Io figuravo titolare ma le buste paga degli operai, il rapporto con i clienti e fornitori, i colloqui con il ragioniere, le banche anche rispondere al telefono era compito suo ... anche quando chiamavano in ditta e chiedevano di me, lui si spacciava per il sottoscritto. Praticamente ero un prestanome, io firmavo solo assegni contratti leasing e finanziamenti.

Sulla carta c'era il mio nome ma tutti sapevano che dovevano rivolgersi a lui per ogni esigenza. Io lavoravo e firmavo, punto e basta.

Passano gli anni (ben 12) e cominciano ad arrivare i guai, le prime rate insolute, le prime cartelle esattoriali e poi i vari pignoramenti. Aggiungo che mi confessò di aver fatto delle “fasulle”, emetteva ricevute bancarie per incassare denaro liquido e le firmava a mio nome ovviamente a mia insaputa.

I debiti che crescono perchè lui se li trascina da sempre, praticamente apriva una ditta con un nome nuovo per far fronte ai vecchi debiti, quello che riusciva a pagare bene, il resto pazienza, a discapito dell'intestatario di turno (sempre parenti stretti).

In 33 anni che lo conosco ha cambiato 6 nomi di ditta, ma sotto c'era sempre lui.

Da 3 anni non lavoro e non ho più nessun rapporto con lui. I miei genitori sono separati da 28 anni e vivo con mia madre e il suo secondo marito. Solo quando arrivano cartelle oppure qualche finaziaria che chiede di saldare delle rate ci sentiamo. Anche le finanziarie conoscono la situazione, ma essendo io intestatario dei vari finanziamenti, prima di chiamare lui, si rivolgono a me.

Per lo stato sono un cattivo pagatore, un evasore fiscale e quant’altro ci possa essere di grave. Aggiungo anche che ho un fermo amministrativo su di un furgone.

Ho dovuto intestare macchina e moto a mia madre per paura che me le portassero via. Sono stato costretto a cambiare residenza nel caso mi venissero a pignorare gli oggetti di mio possesso.

L'unica colpa che ho è stata quella di aiutare mio padre quando ne aveva bisogno è questi sono i risultati.

Ultima nota, ho scoperto che ha problemi con la legge. Ora si trova in carcere in attesa di processo, questa è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

Prima cosa voglio cambiare cognome per levarmi il peso di questa vicenda, e so che è fattibile e poi vorrei chiedere se è possibile levarmi dai guai con le tasse e tutto il resto.

Pensavo di rivolgermi ad un avvocato o meglio in comune accordo (se si trova) con mio padre, quando terminerà di espiare la sua pena, andare davanti ad un notaio e mettere nero su bianco che è lui l'artefice di tutta questa situazione, la mia storia e che si assume tutte le responsabilità del caso.

Grazie a lui non posso più fare nulla e pregare che mi vada sempre tutto bene, perchè non potrei neanche accedere ad un finanziamento per cambiare la macchina se per disgrazia me la rubano o si guasta. Non posso intestarmi neanche gli indumenti che indosso.

Ho solo 33 anni e una vita davanti, vorrei sposarmi e avere una vita serena, ma in questa situazione neanche dormo la notte.

Posso fare qualcosa o mi dovrò accollare per sempre i debiti che mio padre ha fatto giocando sulla mia buona fede?

Purtroppo l'unica cosa che può fare è rivolgersi ad un legale, e l'esito delle procedure non sarà nè breve, nè certo.

I nostri vecchi dicevano che non bisogna mescolare gli affetti con gli affari ...

6 settembre 2011 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Come controllare la propria situazione debitoria con l'Agenzia delle Entrate-Riscossione (ADER)
Ecco come controllare la propria situazione debitoria, cartelle esattoriali ecc, con l'agenzia delle Entrate-Riscossione (ADER). Puoi verificare le cartelle esattoriali a partire dall'anno 2000, pagare, controllare le rateizzazioni e le procedure in corso. Per utilizzare i servizi on-line hai quattro modalità di accesso. Vediamo quali: SPID, Sistema Pubblico di Identità ...
Assegno sottoscritto con una sigla e non con la firma di traenza - La banca che paga lo fa a proprio rischio e pericolo
Se sugli assegni portatì in pagamento alla banca risulta apposta non già una firma di traenza, bensì una semplice sigla, la banca trattaria non può procedere al pagamento che, se effettuato, avviene a suo rischio. Infatti, nell'adempiere l'obbligazione il debitore (nella fattispecie la banca) deve adottare la diligenza richiesta con ...
Tutela della Maternità » Anche se moglie è casalinga il coniuge ha diritto ai riposi giornalieri
Tutela della maternità: interessante sentenza del Consiglio di Stato. Viene parificata la posizione della casalinga alla dipendente. I riposi giornalieri spettanti al pubblico dipendente in maternità possono essere usufruiti dal coniuge, sempre pubblico dipendente, la cui moglie è casalinga. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dal Consiglio di Stato con sentenza ...
Omettere un'insolvenza debitoria premeditandola? » Configura un reato
Insolvenza fraudolenta: contrarre un debito, al fine, premeditato, di non onorarlo mai, omettendo una situazione debitoria tragica appositamente, configura un reato per il quale il trasgressore può vedersi aprire le porte del carcere. L'atto di tacere, in modo preordinato, delle proprie condizioni economiche ai fini della capacità di assolvimento di ...
Assegno bancario - legittimo il rifiuto al pagamento opposto dalla banca in situazione di palese conflitto di interesse
La sottoscrizione apposta sull'assegno deve contenere, fra l'altro, il nome e il cognome di colui che si obbliga. E' pertanto evidente che, quando la sottoscrizione viene apposta in nome altrui, la qualità di rappresentante del sottoscrittore deve essere esplicitata sul titolo con indicazioni idonee a rendere evidente ai terzi l'identità ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca