Debito e minacce da società recupero crediti

Ieri ho ricevuto a mezzo posta ordinaria una lettera in cui mi si intima il pagamento di un debito di cui non so neanche l'entità (visto che la mittente è subentrata ad un altra società con cui avevo in atto un finanziamento,di cui neanche mi ha specificato il nome) entro 5 giorni, pena il loro ricorso ad un procedimento davanti al tribunale per la vendita forzata di denaro contante,preziosi, mobili e auto di mia proprietà presso la mia abitazione.

Inoltre specificano che previo ordine del tribunale procederanno all'asporto di suddetti beni con l'intervento della forza pubblica e forzando la porta in caso di mia assenza.

A loro dire, l'unico modo per fermare tutto ciò è pagare a mezzo bollettino (allegato ma con la cifra in bianco) entro 5 giorni.

Questa cosa mi mette molto in ansia e tachicardia (per altro sono in gravidanza e questa cosa non fa assolutamente bene nè a me nè al mio bimbo)e vorrei un consiglio su come comportarmi. Vorrei levarmi questo debito ma purtroppo sono in una condizione economica disastrosa: mio marito è operaio,abbiamo un bimbo di 6 anni e un'altra in arrivo a marzo.

Purtroppo io non ho lavoro da 1 anno e non mi spetta neanche la maternità....già non riusciamo a vivere con uno stipendio,figuriamoci se posso pagare proprio ora delle rate. la casa non è più mia e neanche ciò che  vi è al suo interno. di io resta solo l'auto (una C3 di 6 anni) , col marito ho la separazione dei beni e il conto corrente piange.... cosa devo fare?

La prima osservazione da fare è che una una società di recupero crediti seria, quando intende minacciare tutti gli sfracelli che lei ci riporta, ci investe almeno i soldi per una raccomandata AR. Giusto per rendere decentemente verosimile la pagliacciata,

La comunicazione che lei ha ricevuto non fa testo. Avrebbe già dovuto buttarla nel cestino e dimenticarla.

Se in casa non ha soldi, gioielli quadri d'autore e mobili d'antiquariato può stare tranquilla. Conosco debitori che tempestano di telefonate i creditori e l'ufficiale giudiziario supplicandoli di portar via i mobili, ma senza successo alcuno.

Lorsignori sanno bene che spenderebbero altri soldi per il trasporto e la custodia senza alcuna possibilità di piazzarli all'asta, nemmeno gratis ad un rigattiere.

Per il resto, le suggerisco di leggere gli articoli nella sezione presente a questo link.

15 dicembre 2011 · Simone di Saintjust

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Recupero crediti » Due agenzie accusate di minacce ed inganni
Due note società di recupero crediti, usavo metodi di riscossione alquanto discutibili. Ma, sicuramente sanzionabili. E' per questo motivo che, su segnalazione di alcune associazioni di consumatori, l'Agcm (Antitrust) ha messo nel mirino due società di recupero crediti, già note per pratiche scorrette. Parliamo di Esattoria srl e Ge.Ri. L'Antitrust, ...
Quando il recupero crediti asserisce che non serve esibire un estratto conto cronologico del debito
Avevo scritto pochi giorni per una questione di un finanziamento che ho fatto 3 anni fa con la Santander di 10.000 euro purtroppo da piu di un anno e mezzo che ho perso il mio lavoro tempo indeterminato m sono trovata in difficolta per pagarlo . Adesso la banca inizialmente ...
Siete indebitati e le società di recupero crediti vi perseguitano? Ecco come comportarsi
Ci riferiremo, tanto per fissare le idee, a debiti derivanti da acquisti effettuati avvalendosi di contratti di finanziamento per il così detto credito al consumo. La finanziaria, che non riesce a recuperare le somme erogate, non agisce direttamente contro il debitore. In genere non è organizzata, nè ha le competenze, ...
Minacce dagli esattori di recupero crediti – La giurisprudenza conferma che si tratta di reato di estorsione
Non serve la prova di una percentuale pattuita sulla somma da riscuotere. La fattispecie più lieve ex articolo 393 Cp va esclusa se i toni dell'intimidazione sono tali da andare oltre ogni ragionevole intento di far valere un diritto in modo arbitrario. Scatta il reato di estorsione per chi terrorizza ...
Separazione » No all'assegno divorzile se ex moglie si può permettere il mercedes
No all'assegno divorzile se l'ex coniuge si può permettere un'auto di lusso in leasing. L'uso di una vettura di grossa cilindrata è indicativo di una situazione di benessere. Infatti, non spetta l'assegno divorzile all'ex coniuge che acquisisca in leasing un'autovettura di lusso. L'uso di un'auto di grossa cilindrata dimostra l'insussistenza ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca