Ritardato pagamento delle rate derivanti dall’utilizzo delle carte revolving – Attenzione all’accumulo dei ritardi che determina la risoluzione del contratto di prestito rotativo

Sto ripagando con grande fatica (essendo disoccupato) una carta di credito Bancoposta/Compass Revolving: il problema è che un meccanismo un po’ perverso di queste carte di credito, permette pur essendo debitore di continuare a consumare se c’è disponibilità.

Per esempio, ieri sera ho speso 160 euro, quindi vorrei sapere se mi conviene ripagare subito entro la fine del mese questa cifra, oppure attendere il loro estratto conto per il mese successivo pagando 160 euro + rata mensile.

In questo ultimo caso pagherò degli interessi oppure renderò “semplicemente” più faticoso il rimborso?

Lo chiedo perchè non vorrei ritrovarmi in questa assurda situazione, ovvero ripristinare il plafond disponibile, ma poi trovarmi il mese prossimo a pagare ugualmente rata mensile + 160 euro.

I debitori hanno facoltà di estinguere anticipatamente, in tutto o in parte, il proprio debito, corrispondendo alla banca esclusivamente un compenso onnicomprensivo per l’estinzione contrattualmente stabilito. I contratti indicano le modalità di calcolo del compenso, secondo i criteri stabiliti dal CICR al solo fine di garantire la trasparenza delle condizioni). La banca può invocare come causa di risoluzione del contratto il ritardato pagamento quando lo stesso si sia verificato almeno sette volte, anche non consecutive. A tal fine costituisce ritardato pagamento quello effettuato tra il trentesimo e il centottantesimo giorno dalla scadenza della rata (articolo 40 del Testo Unico Bancario – TUB).

La risoluzione del contratto comporta la Decadenza del Beneficio del Termine, ovvero l’obbligo, per il debitore, di corrispondere l’importo del debito residuo in un’unica soluzione e non attraverso il pagamento rateale. Se non si adempie, la banca avvia la procedura di riscossione coattiva del credito.

Questo vale anche per i prestiti rotativi (revolving).

L’esperienza maturata nel Forum, ci ha portato spesso a leggere la seguente tipologia di ragionamento: salto due rate, ma dal mese successivo rientro in carreggiata pagando puntualmente la rata successiva. In questo modo, ho pagato in ritardo due sole rate.

Purtroppo non funziona così e cercheremo di spiegarlo ricorrendo al solito esempio. Mettiamo per ipotesi che io non paghi le rate di gennaio e di febbraio. A marzo, invece, verso puntualmente il dovuto alla banca. La rata di marzo, però, viene contabilizzata a copertura di quella di gennaio e considerata, pertanto, come ritardato pagamento di 60 giorni della rata di gennaio, efficace ai fini della risoluzione del contratto di prestito. Ma continuiamo: ad aprile verso alla scadenza la rata del mese che va a coprire la rata di febbraio. Ad aprile ho accumulato due ritardi di 60 giorni. A maggio, pagando nei tempi la rata mensile, penso di avere sempre a carico solo due ritardi relativi alle rate di gennaio e febbraio. Invece ne ho tre, dal momento che la rata di maggio va a coprire quella di marzo con un ritardo di 60 giorni. Di questo passo, pur pagando alla scadenza le rate giugno, luglio ed agosto, a settembre avrò maturato sette ritardi (ciascuno di 60 giorni) che legittimano la banca a ritenere risolto il contratto ed a procedere con la comunicazione di decadenza del beneficio del termine e l’avvio delle procedure di espropriazione dell’immobile per cui è stato concesso il prestito, nel caso in cui (come quasi sempre accade) il mutuatario non fosse in grado di pagare in un’unica soluzione il debito residuo.

Pertanto, mai lasciare indietro una rata di rimborso del prestito (in questo caso, infatti, se si pagano puntualmente le rate successive, si accumulano comunque una serie di ritardi di 30 giorni nei mesi a venire.

Quando, per un motivo qualsiasi, si saltano una o più rate del prestito (anche solo una), non bisogna illudersi che pagando alla scadenza le rate successive si potranno evitare conseguenze disastrose: bisogna, ad ogni costo azzerare le rate in sospeso facendosi aiutare da parenti ed amici, per evitare di entrare nel perverso meccanismo di accumulo dei ritardi.

15 Ottobre 2019 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Omesso o ritardato versamento delle rate e risoluzione del contratto di mutuo
Com'è noto, la banca può invocare come causa di risoluzione del contratto il ritardato pagamento quando lo stesso si sia verificato almeno sette volte, anche non consecutive. A tal fine costituisce ritardato pagamento quello effettuato tra il trentesimo e il centottantesimo giorno dalla scadenza della rata. La risoluzione del contratto comporta la decadenza del beneficio del termine (DBT) e la contestuale richiesta del rimborso del capitale residuo in un'unica soluzione. La risoluzione dei contratto del mutuo ipotecario conseguente alla comunicazione di decadenza del beneficio del termine ed alla notifica dell'atto di precetto obbliga, pertanto, il mutuatario al pagamento integrale delle ...

Molte carte revolving, molti debiti e nessuno accetta di ridurre l'importo delle rate - Sono in un labirinto come posso uscirne?
Possiedo una carta aura Findomestic (circa 5000€ di debito) attualmente pago 155€ di rata mensile, ho chiamato Findomestic chiedendo più volte di poter abbassare la rata mensile in quanto mi trovo a pagare attualmente una cessione del quinto, un prestito con delega, la carta aura, prestito Agos Ducato per un totale di quasi 900 euro mensili. Ho anche chiesto sia a Findomestic che ad Agos Ducato un prestito consolidamento debiti che da entrambe le finanziarie è stato declinato senza darmi una spiegazione. Sono in un labirinto come posso uscirne? Grazie mille. ...

Mutui e prestiti - Il perverso meccanismo di accumulo dei ritardi nel pagamento delle rate e la comunicazione di decadenza del beneficio del termine
Come è noto, l'articolo 40 del Testo Unico Bancario (TUB), comma secondo (estinzione anticipata e risoluzione del contratto di mutuo), stabilisce che la banca può invocare come causa di risoluzione del contratto il ritardato pagamento della rata, quando lo stesso si sia verificato almeno sette volte, anche non consecutive. A tal fine costituisce ritardato pagamento quello effettuato tra il trentesimo e il centottantesimo giorno dalla scadenza della rata. La risoluzione del contratto comporta la Decadenza del Beneficio del Termine, ovvero l'obbligo, per il debitore, di corrispondere l'importo del debito residuo in un'unica soluzione e non attraverso il pagamento rateale. Se ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Ritardato pagamento delle rate derivanti dall’utilizzo delle carte revolving – Attenzione all’accumulo dei ritardi che determina la risoluzione del contratto di prestito rotativo