Metodo di accertamento delle violazioni del codice della strada (autovelox)


Attenzione » il contenuto di questa discussione è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Argomenti correlati:

Nei giorni scorsi giorni ho ricevuto un verbale per eccesso di velocità e vorrei sapere in quanto che l’importo della sanzione non è poco (170 euro per 13 Km/h di superamento del limite), se gli agenti accertatori dell’infrazione sono tenuti a rispettare delle norme per il rilevamento della velocità.

L’infrazione è stata accertata su una strada extraurbana secondaria ove vigeva il limite di 60 Km/h. L’automobile della Polizia Locale si trovava in uno spiazzo a bordo strada visibile a non piu di 100m dal luogo del rilevamento e non era presente nessuno strumento di rilevamento della velocità

Le mie domande sono:

-Antecedentemente al luogo del rilevamento dev’essere applicato un segnale stradale provvisorio che indichi il rilvamento in corso della velocità?

-L’automobile dell’ente accertatore dev’essere ben visibile a bordo strada?

-L’autovelox dev’essere posto a bordo della strada ben visibile?

-La violazione dev’essere immediatamente contestata? All’interno del verbale mi è stata data la motivazione della mancata contestazione immediata in quanto: l’apparecchiatura consente la determinazione dell’illecito in tempo successivo (ART 201 COMMA1 BIS LETTERA E)

-La mancata contestazione immediata non può essere effettuata solo su strade extraurbane principali e autostrade?

Secondo Voi vale la pena provare il ricorso?

Ci spiace deluderla, ma sui ricorsi per multe elevate per velocità eccessiva, ed in particolare sui dispositivi autovelox ed altre diavolerie utilizzate per la misurazione della velocità, il team non è molto ferrato.

Preferiamo allora evitare di fornirle informazioni errate. Sarà per un’altra … multa.

2 Febbraio 2012 · Michelozzo Marra



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti