Collaborazione a progetto

Vorrei sapere se, in ambito di collaborazione a progetto, sussiste l'accusa di assenza ingiustificata e quindi l'addebito delle giornate. Se poi l'accusa di assenza deriva da un certificato medico deliberatamente ignorato (ma faxato correttamente), il decreto ingiuntivo può esser bloccato? La collaborazione a progetto non dovrebbe avere un conteggio legato al progetto? perchè quindi accusare di assenza se di fatto non esiste l'obbligo di presenza?

In caso di malattia, il rapporto di lavoro per collaborazione a progetto risulta sospeso, senza erogazione del corrispettivo.

Ora, se per un errore di calcolo del corrispettivo le giornate di malattie sono state comunque pagate, il datore di lavoro può chiedere al lavoratore l'importo erogato e non dovuto.

Non credo che nel suo caso il datore di lavoro voglia contestarle le modalità di trasmissione del giustificativo o sanzionare l'assenza dal lavoro. Più probabilmente, si tratta, come già scritto, solo del recupero di importi erogati per i quali, ad un successivo approfondimento del contratto di lavoro, egli si è reso conto che non erano dovuti.

21 novembre 2011 · Marzia Ciunfrini

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Call center e contratti co.co.co senza progetto » Via libera del ministero
Il Ministero del Lavoro, con la circolare numero 12693/2013 affronta alcuni aspetti della disciplina prevista nella riforma Fornero e nella legge Biagi in materia di lavoro a progetto per il settore dei call center. Il chiarimento riguarda la deroga ai requisiti per la corretta stipulazione delle collaborazioni da parte dei ...
L'attività di addetto/a al recupero crediti non può essere inquadrata con un contratto di lavoro a progetto
Lo svolgimento dell'ordinaria attività aziendale, avente per oggetto sociale l'attività di recupero crediti per conto di terzi committenti, e dunque nella ricerca del contatto con il debitore, nel concordare con lo stesso le modalità di pagamento anche dilazionato, nell'invio di solleciti di pagamento, svolta via telefono ed informatica presso la ...
Cassa integrazione del lavoratore? » C'è possibilità di altro impiego
Nella fattispecie in cui un lavoratore dipendente sia finito, malauguratamente, in cassa integrazione, può svolgere comunque un altro impiego senza decadere dal beneficio? Il lavoratore collocato in cassa integrazione straordinaria può sempre percepire, insieme a tale integrazione salariale, ulteriori redditi derivanti da collaborazioni con altri datori di lavoro. Non esiste, ...
Il nuovo contratto a progetto Co.co.pro. » Il vademecum
La riforma del lavoro, detta Riforma Fornero o Legge 92/12, ci ha dato una diversa via per intendere il contratto di collaborazione a progetto, così diversa e nuova che è la stessa legge a precisare che la nuova normativa si applica solo ai rapporti di lavoro a progetto sorti dopo ...
Decreto ingiuntivo, opposizione a decreto ingiuntivo e mediazione obbligatoria
Attraverso il meccanismo della mediazione obbligatoria il legislatore si è posto come obiettivo quello di rendere il procedimento giudiziale la extrema ratio: cioè l'ultima possibilità dopo che le altre possibilità sono risultate precluse. Quindi l'onere di esperire il tentativo di mediazione deve allocarsi presso la parte che ha interesse al ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca