Maxi bolletta gas: ma i consumi sono diminuiti - Che fare?

Due giorni fa ho ricevuto la bolletta mensile del gas: a mia grande sorpresa, l'importo era di 700 euro, più del doppio del mese prima e mai comunque in linea con qualsiasi importo mai pagato.

Il paradosso è che io il mese scorso sono mancata per ben quindici giorni da casa, poiché sono stata ospite di mia sorella a Londra.

Dunque, ho chiamato il call center della società erogatrice spiegando dettagliatamente la situazione ed il mio ammanco da casa.

Mi è stato risposto con arroganza che a loro risultano quei consumi e che devo pagare.

Mi chiedo: è lecito tutto ciò? Se davvero i consumi risultano quelli, non può esserci un malfunzionamento al contatore?

A meno che un cuoco non si fosse introdotto a casa durante la mia assenza...

Nel caso in cui, dalla fatturazione della bolletta, sussista il sospetto che il contatore non funzionasse correttamente, è nostro diritto contestare alla società erogatrice del servizio gli importi richiesti.

Ma come?

All'utente basta far rilevare come il consumo fatturato non sia coerente con gli standard relativi al periodo di erogazione del servizio, basandosi sulle precedenti bollette, sull'uso che viene fatto dell'immobile e sulle persone che lo abitano.

E' compito, invece, della compagnia erogratice del servizio, dimostrare i consumi effettivi ed il corretto funzionamento del contatore.

Infatti, come riportato nella sentenza di cassazione 10313/2004 spetta sempre al gestore e fornitore del gas metano dimostrare la corrispondenza della fornitura erogata, riportata in bolletta, a quella fornita dal contatore centrale.

Inoltre, se l'utente contesta i valori ricavati dallo strumento di misurazione, deducendo specifiche circostanze, è onere del somministrante offrire la prova del corretto funzionamento del contatore e l'affidabilità dei valori registrati (sempre Cassazione
18231/08).

Pertanto, invii un reclamo alla società con le sentenze in commento, ed in caso facessero ancora i finti sordi, contatti un'associazione dei consumatori.

9 febbraio 2018 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

fornitura gas
tutela consumatore gas acqua luce

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Consumi presunti in bollette luce e gas - L'antitrust castiga ACEA, ENEL, ENI ed EDISON
Per migliaia di clienti di ACEA, ENEL, ENI ed EDISON, la fatturazione di gas ed energia elettrica è avvenuta in assenza di dati di misura reale e per estesi periodi di consumo: sono stati utilizzati algoritmi di calcolo che hanno determinato stime errate, con la conseguente, reiterata emissione di fatture ...
Accertamento fiscale » Occhio ai consumi di energia: l'Agenzia delle Entrate può servirsene
Accertamento fiscale: i consumi di energia in soccorso dell'Agenzia delle Entrate. Il fisco può ricorrere alle cosiddette presunzioni supersemplici per accertare l'esistenza di ricavi superiori a quelli contabilizzati dal contribuente. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 20897/14. Non è illegittimo presumere maggiori ricavi non dichiarati ...
Bolletta idrica » Il consumo indicato dal contatore non sempre vale come unica prova
In caso di contestazione della bolletta dell'acqua, da parte dell'utente, al fornitore del servizio non basta la lettura del contatore per dimostrare l'effettivo ammontare dei consumi. Questo l'orientamento espresso dal Tribunale di Caltanissetta con la sentenza dell'11 novembre 2013. Contestazione della bolletta La vicenda riguarda un utente che aveva ricevuto ...
Canone RAI in bolletta elettrica - Rischio incombente di doppio addebito del tributo
La legge prevede che per i titolari di utenza di fornitura di energia elettrica, il pagamento del canone avviene in dieci rate mensili, addebitate sulle fatture emesse dall'impresa elettrica aventi scadenza del pagamento successiva alla scadenza delle rate. Le rate, ai fini dell'inserimento in fattura, s'intendono scadute il primo giorno ...
Pubblicità ingannevole » Lo spot fraudolento di Enel Energia
L'Antitrust (Agcm) con il bollettino del 23 Settembre 2013 ha dichiarato di aver inflitto alla società di Enel Energia una sanzione di centomila euro: il motivo è rappresentato dalla pubblicità dell'offerta Tutto compreso gas, ritenuta ingannevole. Le pratiche commerciali scorrette sono un brutto vizio da cui non si salva proprio ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande