Maternità anticipata e NASPI - La maternità entro quanto tempo deve insorgere rispetto alla cessazione del rapporto di lavoro per aver diritto all'indennizzo?

Sono precettore di indennità di NASPI da settembre 2016, con l'ultimo rapporto di lavoro cessato il 20/08/16. Dal 23 marzo mi trovo in stato di gravidanza a rischio, accertato dalla Asl, anche l'ispettorato del lavoro ha trasmesso all'Inps la documentazione necessaria ed ho sottoscritto il patto di servizio con il centro per l'impiego il quale giustifica la mancata ricerca attiva di nuovo impiego.

Ad oggi non ho ancora ricevuto l'indennità di NASPI per il mese di aprile, né ho ricevuto alcuna comunicazione in merito, cosicché stamattina mi sono recata all'Inps per avere informazioni ed effettivamente risulta sospesa l'indennità di NASPI per subentro di gravidanza a rischio. La questione è che mi hanno detto che, per quanto riguarda la maternità, non mi verrà pagato nemmeno un euro e la NASPI riprenderà alla fine della maternità obbligatoria. Ciò significa che non riceverò un euro sino a febbraio 2018 (data di fine maternità obbligatoria, 20/11/16 data presunta parto).

Vorrei quindi capire, è corretto quanto mi hanno comunicato? Qual è la normativa di riferimento in cui queste affermazioni trovano riscontro?

L'evento di maternità è indennizzato quando insorge entro sessanta giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro. Questo è quanto riportato nella circolare INPS 94/2015 che, per sua comodità allego.

Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l'Impiego (NASpI)

Quando la lavoratrice si trovi, all'inizio del periodo di congedo di maternità, disoccupata ed in godimento di prestazione di disoccupazione, ha diritto all'indennità giornaliera di maternità anche qualora siano trascorsi sessanta giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro. In questo caso la prestazione di disoccupazione si sospende per poi essere ripristinata per la parte residua al termine del periodo di maternità.

26 maggio 2017 · Lilla De Angelis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

indennità di disoccupazione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Anche le madri disoccupate hanno diritto all'indennità di maternità
Cominciamo con il definire cosa sia il congedo di maternità: il congedo di maternità è il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro riconosciuto alla lavoratrice durante il periodo di gravidanza e puerperio. Il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro prima del parto comprende i 2 mesi precedenti la data presunta ...
Incostituzionale la norma che limita l'erogazione dell'indennità di maternità alle madri libere professioniste che abbiano adottato un minore con meno di sei anni di età
Il congedo di maternità è il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro riconosciuto alla lavoratrice, dipendente o alla professionista iscritta alla gestione separata, durante il periodo di gravidanza e puerperio. Durante il periodo di assenza obbligatoria dal lavoro la lavoratrice percepisce un'indennità economica, erogata dall'INPS, in sostituzione della retribuzione. Il ...
Indennità di maternità anche alle madri libere professioniste che adottano un minore con sei o più anni di età
Il congedo di maternità è il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro riconosciuto alla lavoratrice, dipendente o alla professionista iscritta alla gestione separata, durante il periodo di gravidanza e puerperio. Durante il periodo di assenza obbligatoria dal lavoro la lavoratrice percepisce un'indennità economica, erogata dall'INPS, in sostituzione della retribuzione. Il ...
Sostegno al reddito » Come ottenere i benefici per paternità e maternità
Le disposizioni contenenti le norme che disciplinano permessi e congedi a tutela della maternità e della paternità sono contenute nel decreto legislativo 151 del 26 marzo 2001, il cosiddetto Testo Unico maternità/paternità, normalmente chiamato Testo Unico Cercheremo, nel prosieguo dell'articolo, di spiegarle in forma chiara ed esauriente. ...
Periodo di divieto al lavoro usurante per la lavoratrice in gestazione preposta alla guida di autobus di linea
Il processo evolutivo della legislazione a tutela della maternità ha condotto al riconoscimento nei confronti della lavoratrice madre di istituti fondamentali, quali l'astensione obbligatoria dal lavoro e il sostegno economico nel corrispondente periodo, il divieto di licenziamento, nonché il divieto di adibizione a lavori faticosi o insalubri. Il nostro ordinamento ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca