Mantenimento obbligatorio per figlio adulto e sposato?

Sono una anziana madre con reddito di oltre 35 mila euro l'anno, residente in Piemonte: mio figlio 50enne, coniugato e senza prole, vive in Lombardia ma ha perso il lavoro e nonostante si dia da fare per trovarlo, data la sua età, non ci riesce e quindi vive con il reddito di sua moglie di circa 5 mila e 500 euro annui. Praticamente è nella condizione di indigenza. Costui (Figlio) Mi ha chiesto un aiuto economico di 800 euro mensili o in alternativa che io gli conceda a titolo gratuito l'utilizzo di un mio appartamento con vitto, alloggio e utenze pagate da me: in caso contrario minaccia di volermi citare in giudizio, in quanto secondo lui, sarei obbligata per legge al suo mantenimento. Chiedo a voi un parere legale

Non entriamo nel merito della questione, e non richiamiamo gli obblighi morali che una madre contrae nei riguardi di un proprio figlio e a cui deve adempiere nell'arco dell'intera esistenza, poiché non spetta a noi giudicare e peraltro ci sono ignote quelle eventuali vicissitudini che, come nel caso, possono condurre ad un irreversibile deterioramento dei rapporti familiari. Ma, soprattutto perché (si tratta solo di una impressione) la consulenza legale sembra, in realtà, essere stata chiesta dal coniuge dell'indigente, piuttosto che da sua madre.

Da un punto di vista strettamente giuridico, gli alimenti legali costituiscono una prestazione di assistenza materiale dovuta al familiare che si trova in stato di bisogno economico e possono essere ricondotti al dovere di solidarietà sancito anche dall'articolo 2 della Costituzione. Il diritto che ne consegue è un diritto personalissimo, intrasmissibile, irrinunciabile, imprescrittibile, inalienabile ed impignorabile.

In particolare, l'articolo 433 del codice civile stabilisce che a prestare gli alimenti ad un congiunto che versa in condizioni di indigenza, sono tenuti nell'ordine:

  1. il coniuge;
  2. i figli legittimi o legittimati o naturali o adottivi e, in loro mancanza i discendenti prossimi, anche naturali (nipoti);
  3. i genitori e, in loro mancanza, gli ascendenti prossimi, anche naturali (nonni ); gli adottanti;
  4. i generi e le nuore;
  5. il suocero e la suocera;
  6. i fratelli e le sorelle germani o in subordine unilaterali.

articolo 433 codice civile - soggetti obbligati agli alimenti

Ora, non è in discussione l'indigenza in cui versa suo figlio, dal momento che lei stessa ammette che ... ha perso il lavoro e nonostante si dia da fare per trovare lavoro, data la sua età non riesce a trovarne e quindi vive con il reddito di sua moglie di circa 5 mila e 500 euro annui. Praticamente è nella condizione di indigenza.

Appare altresì scontato che il coniuge di suo figlio, con un reddito di circa 5 mila e 500 euro, non sia assolutamente in grado di garantire condizioni di sopravvivenza al proprio nucleo familiare (ricordiamo che l'assegno sociale che dovrebbe garantire al singolo livelli minimi e dignitosi di vita, si posiziona attualmente intorno ai 450 euro mensili).

Concludendo, sicuramente risulterà lei, in qualità di genitrice dell'indigente, obbligata, a seguito di una eventuale azione giudiziale promossa da suo figlio, a versargli gli alimenti ex articolo 433 del codice civile: tuttavia l'entità della prestazione non può essere quantificata in quanto essa è strettamente legata alla valutazione del giudice adito, anche in considerazione della disponibilità economico patrimoniale del soggetto chiamato a versare gli alimenti.

9 novembre 2017 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

crediti alimentari

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca