Mantenimento al figlio disabile over 30? – E’ rendita parassitaria

Da più di sette anni sono separata da mio marito: abbiamo un figlio insieme, disabile, e lui, finora, ha sempre provveduto al mantenimento.

Ora, però, non vuole più onorare il pagamento a causa dell’età di nostro figlio, che ha superato i trent’anni.

Cosa posso fare?

Un figlio di 35 anni, anche se è parzialmente disabile e non autosufficiente, non ha diritto all’assegno di mantenimento dai parte dei genitori perché ciò costituirebbe una rendita parassitaria e contro legge: così recita la sentenza della prima sezione civile del Tribunale di Salerno.

Con la pronuncia i giudici hanno dato torto a una donna, la quale aveva chiesto all’ex marito un assegno di 600 euro mensili e l’assegnazione della casa coniugale.

Nell’abitazione lei vive insieme al figlio trentacinquenne, diventato parzialmente disabile dopo un grave incidente.

Per la sentenza i giudici hanno tenuto conto anche delle capacità lavorative dell’uomo, un facoltoso medico salernitano che, a quando si apprende, provvede già al mantenimento di un altro figlio, quarantenne, che è ancora studente universitario e risulta disoccupato.

Il collegio della prima sezione civile del Tribunale di Salerno non solo ha respinto la richiesta, ma ha anche revocato le precedenti disposizioni che imponevano al medico, di versare mensilmente 400 euro al figlio.

La motivazione è che in sede divorzile quella somma, versata regolarmente ad un uomo di 35 anni, secondo i giudici rappresenta una rendita parassitaria e contro la legge.

Ricordiamo i lettori che questa, essendo ancora una sentenza di primo grado, potrebbe essere ribaltata in appello e nei gradi successivi.

27 Aprile 2019 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ripristino dell'assegno di mantenimento per il figlio maggiorenne che ha raggiunto l'indipendenza economica ma poi è stato licenziato dall'azienda presso cui lavorava
Nel 2015 ho divorziato da mia moglie: il giudice stabili un assegno divorzile a carico mio ed a favore dell'ex coniuge nonché un assegno di mantenimento per il figlio nato dal matrimonio ed all'epoca studente universitario. Nel frattempo mio figlio si è laureato ed ha trovato un impiego presso un'azienda che gli ha permesso di conseguire una discreta indipendenza economica, ragion per cui io ho interrotto la corresponsione dell'assegno di mantenimento a suo beneficio. Recentemente, però, mio figlio è stato licenziato dalla società per cui lavorava e adesso reclama il ripristino dell'assegno di mantenimento a lui destinato. La domanda che ...

Assegno di mantenimento per figlio maggiorenne che studia fuori città - Devo ancora pagare?
Dopo una sentenza di separazione di qualche anno fa, mi è stato comminato il versamento di un assegno di mantenimento, sia per mia moglie che per mio figlio minorenne che risiedeva ancora con mia moglie (affidataria). Nel frattempo, però, mio figlio è divenuto maggiorenne ed è andato a studiare all'università a Roma. Ritorna a casa solo d'estate al termine degli esami. Dunque, vorrei sapere, dato che non risiede più con mia moglie e vive fuori, se devo continuare a pagare ancora il mantenimento anche per lui. Posso appellarmi in tribunale motivando, per l'appunto, che ormai lui abita praticamente sempre altrove ...

Assegno di mantenimento figlio - Come fare per chiederne l'accredito direttamente al datore di lavoro?
Sono separata consensualmente da quasi tre anni: lui vive al nord io con mio figlio ci siamo trasferiti al sud dove ho intrapreso una nuova convivenza; Lui deve a nostro figlio 300 euro al mese, ma nel mese scorso di giugno e luglio non mi ha corrisposto l'assegno perché si è giustificato che essendo il minore con lui ha provveduto lui alle sue necessità. Premetto che durante l'anno il bambino è sempre con me quindi non esistono week end alternati e visite periodiche. Mi occupo tutto io anche per le spese extra della scuola e medicina senza chiedere nulla, perché ...

Dove mi trovo?