Finanziamento fineco

Avendo chiesto e ottenuto (in tempi ancora non bui) un finanziamento di 11 mila euro presso la banca fineco di cui ero correntista, mi sono ritrovato, dopo poco più di un anno, senza lavoro e naturalmente senza la possibilità di far fronte al pagamento delle relative rate di rimborso.

Di li a poco è cominciata tutta la trafila che penso avrete già chiara in mente; blocco del conto raccomandate , ingiunzioni varie ecc. ecc.

Faccio una precisazione dicendo che, alla età di 39, anni trovarsi senza LAVORO in questo periodo corrisponde in pratica all' impossibilità di ritrovare qualcosa degno di questo nome.
Cerco di sintetizzare, avendo trovato un lavoro part time che mi permetteva di cercare di far fronte al pagamento delle rate e, dopo avere parlato con la sezione recupero crediti di fineco; mi era stato proposto un piano di rientro col quale per alcuni mesi ho ripreso il pagamento della somma mancante.

Morale della favola, dal mese scorso il part time è “finito” e naturalmente ricominciano i guai; nuova lettera con ingiunzione del pagamento entro pochi giorni dell'intera somma (mi chiedo come possa una persona che non riesce a far fronte al pagamento di 250 euro, trovarne alcune migliaia in 2 settimane…)

A questo punto vorrei sapere a cosa vado incontro; ad esempio pignoramenti o quant’ altro, visto che di trovar lavoro (che incessantemente cerco da tempo su motori di ricerca, giornali, centro dell‘ impiego, agenzie e chi più ne ha più ne metta) proprio non se ne parla.

Faccio presente che sono dovuto tornare per forza di cose, dopo aver lasciato l' appartamento in cui vivevo, ad abitare in casa di mio padre (“casa popolare in affitto” e….per fortuna ho ancora un papà vivo che mi può ospitare) prendendo qui la residenza.

A parte una vecchia punto e uno scooter, entrambi fermi senza assicurazione (e l'auto col fermo amministrativo di equitalia perché, naturalmente, manca anche la possibilità di pagare i bolli) e il pc da cui vi scrivo non posseggo nient’altro; mio padre è pensionato.

Non abbiamo ancora organizzato una petizione per il ripristino del reato di indebitamento solo perchè sappiamo che le carceri italiane sono poco ospitali: altrimenti la soluzione per vitto ed alloggio gratuiti era già bella e pronta.

Il pignoramento si effettua su beni di proprietà: se beni non ce ne sono, il pignoramento ci fa un baffo. E fra i beni bisogna includere il lavoro se dipendente (pignoramento dello stipendio) ed il conto corrente.

I catorci usati non li pignorano. Neanche i mobili a casa dei genitori se il debitore vi ha residenza, a meno che papà e mammà non dispongano di residenze di lusso.

In questo caso si pignora quello che si trova, anche se non è di proprietà del debitore.

30 novembre 2011 · Andrea Ricciardi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Riduzione della retribuzione ed effetti sulla cessione del quinto
Qualunque vicenda che incida sulla misura della retribuzione può, in concreto, produrre effetti anche sulla cessione del quinto dello stipendio: si pensi, per esempio, alla trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, all'irrogazione di una sanzione pecuniaria o di una sospensione per illecito disciplinare che decurti ...
IRAP - La Suprema Corte a sezioni unite chiarisce il requisito dell'autonoma organizzazione
L'IRAP non è in alcun modo correlata ai redditi di lavoro autonomo o a quelli d'impresa: si tratta di un'imposta volta ad incidere sul valore aggiunto prodotto dalle singole unità organizzative che, ove sussistente, costituisce un indice di capacità contributiva capace di giustificare l'imposizione sia nei confronti delle imprese che ...
Esonero contributivo per neoassunti » Novità e proroga : ecco di cosa si tratta
Esonero contributivo per neoassunti: novità, dettagli, particolarità e proroga fino al 2017, ecco di cosa si tratta. Allo scopo di promuovere forme di occupazione stabile, la Legge di stabilità 2016 ha introdotto l'esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, nella misura del 40 per cento ...
Prestiti facili a chi non può rimborsarli? L'induzione al sovraindebitamento è un danno risarcibile
Prima della conclusione del contratto di credito, la banca (o la finanziaria o Poste Italiane) ha l'obbligo di valutare il merito creditizio di chi richiede il prestito sulla base di informazioni adeguate, fornite dal consumatore stesso e, ove necessario, ottenute consultando una banca dati pertinente. La valutazione del merito creditizio ...
Disconoscimento operazioni di home banking - La banca è tenuta a rimborsare il cliente anche se questi non attiva i servizi di one time password e sms alert
Spesso, in occasione di frode informatica relativa al servizio di home banking e del conseguente disconoscimento delle operazioni fraudolente da parte del cliente, la banca contesta a quest'ultimo di non avere attivato ulteriori e più sofisticati sistemi di sicurezza, in particolare del sistema di accesso basato sulla one time password ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca