Trasformazione del rapporto di lavoro da tempo parziale a tempo pieno

Il mio datore di lavoro ha rifiutato la trasformazione del mio orario di lavoro da part time a full time avvalendosi del giudizio del MC e umiliandomi scrivendo che non potendo sostenere una maggior quantità di lavoro, andrebbe a danno delle colleghe e nel diritto delle persone anziane. Nel frattempo alla mia richiesta ha assunto un tempo pieno e altre trasformazioni di orario. Ho un anzianità lavorativa di nove anni, e, fino al 2009 ho lavorato a orario pieno su tre turni con la medesima prescrizione medica e attualmente svolgo il turno notte poiché si ritiene che è il turno più idoneo a me. Cortesemente vorrei una risposta a quanto scritto.

Per quanto riguarda l’ipotesi di conversione del rapporto a tempo pieno da tempo parziale, la legge prevede un diritto di priorità nelle assunzioni a tempo pieno per i lavoratori che abbiano trasformato il rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, purché si tratti di assunzioni relative a mansioni quanto meno equivalenti.

La legge precisa, peraltro, che l’eventuale violazione del diritto di prelazione spettante al lavoratore determina solo un risarcimento del danno, commisurato nella differenza tra la retribuzione percepita e quella che sarebbe spettata in caso di trasformazione a tempo pieno, per un periodo di sei mesi.

Dunque, bisogna mettersi l’anima in pace. Se il datore di lavoro non rispetta il diritto di prelazione del lavoratore che chiede il passaggio da tempo parziale a tempo pieno, anche a fronte di nuove assunzioni con mansioni equivalenti, il massimo che si può ottenere, adendo il giudice del lavoro, e con tutte le conseguenze che questo comporta, è un risarcimento del danno.

21 Giugno 2014 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti dal blog

Dove mi trovo?