Trasformazione del rapporto di lavoro da tempo parziale a tempo pieno

Il mio datore di lavoro ha rifiutato la trasformazione del mio orario di lavoro da part time a full time avvalendosi del giudizio del MC e umiliandomi scrivendo che non potendo sostenere una maggior quantità di lavoro, andrebbe a danno delle colleghe e nel diritto delle persone anziane. Nel frattempo alla mia richiesta ha assunto un tempo pieno e altre trasformazioni di orario. Ho un anzianità lavorativa di nove anni, e, fino al 2009 ho lavorato a orario pieno su tre turni con la medesima prescrizione medica e attualmente svolgo il turno notte poiché si ritiene che è il turno più idoneo a me. Cortesemente vorrei una risposta a quanto scritto.

Per quanto riguarda l'ipotesi di conversione del rapporto a tempo pieno da tempo parziale, la legge prevede un diritto di priorità nelle assunzioni a tempo pieno per i lavoratori che abbiano trasformato il rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, purché si tratti di assunzioni relative a mansioni quanto meno equivalenti.

La legge precisa, peraltro, che l'eventuale violazione del diritto di prelazione spettante al lavoratore determina solo un risarcimento del danno, commisurato nella differenza tra la retribuzione percepita e quella che sarebbe spettata in caso di trasformazione a tempo pieno, per un periodo di sei mesi.

Dunque, bisogna mettersi l'anima in pace. Se il datore di lavoro non rispetta il diritto di prelazione del lavoratore che chiede il passaggio da tempo parziale a tempo pieno, anche a fronte di nuove assunzioni con mansioni equivalenti, il massimo che si può ottenere, adendo il giudice del lavoro, e con tutte le conseguenze che questo comporta, è un risarcimento del danno.

21 giugno 2014 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Trasformazione rapporto di lavoro a tempo parziale - Come si calcola l'anzianità per il trattamento pensionistico
Il lavoro a tempo parziale costituisce un tipo particolare di rapporto lavorativo caratterizzato dalla mera riduzione della normale durata temporale della prestazione. Il lavoratore a tempo parziale ha i medesimi diritti di un lavoratore a tempo pieno ed il suo trattamento economico e normativo è riproporzionato in ragione della ridotta ...
Rifiuto del lavoratore di passare da tempo pieno a tempo parziale - Non può costituire motivo di licenziamento
La norma nazionale, interpretata alla luce di quella comunitaria, impone di ritenere che il datore di lavoro che licenzi il lavoratore che rifiuta la riduzione di orario ha l'onere di dimostrare che sussistono effettive esigenze economico ­organizzative in base alle quali la prestazione non può essere mantenuta a tempo pieno, ...
La natura giuridica del rapporto di lavoro - differenze fra lavoro autonomo e lavoro subordinato
La giurisprudenza, intervenendo sul tema della dibattuta questione relativa alle differenze tra lavoro autonomo e lavoro subordinato ha offerto una soluzione che può, nei principi, ormai dirsi consolidata. L'elemento essenziale di differenziazione tra lavoro autonomo e lavoro subordinato consiste nel vincolo di soggezione del lavoratore al potere direttivo, organizzativo e ...
Gli scatti di anzianità assegnati al lavoratore devono tener conto di un eventuale periodo di formazione
Se è vero che gli scatti di anzianità costituiscono un istituto giuridico di fonte esclusivamente contrattuale, l'equiparazione posta dalla legge tra periodo di formazione e quello di lavoro ordinario vieta alla contrattazione collettiva di introdurre un trattamento discriminatorio in danno dei lavoratori che abbiano avuto un pregresso periodo di formazione. ...
Giovani genitori disoccupati o precari - Una chance per trovare un lavoro stabile
Il Ministro della Gioventù ha stanziato 51 milioni di euro per la realizzazione di interventi in favore dell'occupazione di soggetti di età non superiore a 35 anni e con figli minori. In pratica, viene erogato un incentivo di 5 mila euro a favore delle imprese che provvedono ad assumere in ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca