Locazione dopo comodato

Ho affittato un locale commerciale per 12 anni (6+6): il locatore è una società (non proprietaria) che aveva un contratto di comodato per 12 anni.

Ho fatto parecchi lavori di muratura, impiantistica, ecc.... di cui la società mi aveva preventivamente autorizzato.

Tra la società e il proprietario, quando andrò via, chi è obbligato/co-obbligato a rimborsarmi i lavori e le eventuali migliorie?

Il suo interlocutore è il locatore, indipendentemente dal rapporto esistente fra quest'ultimo ed il proprietario dell'immobile.

In tema di affitti, sono sicuramente a carico del locatore i lavori di manutenzione e riparazione degli impianti elettrico, idrico e termico, finalizzati all'erogazione dei servizi considerati indispensabili per fruire del locale affittato.

Del resto, il conduttore ha diritto al risarcimento del danno in caso di mancata riparazione della cosa locata, stante l'obbligo del locatore di provvedere alle riparazioni eccedenti la normale manutenzione degli impianti elettrico, idrico e termico; quando, poi, dette riparazioni hanno il carattere dell'urgenza, lo stesso conduttore, una volta avvisato il locatore e nell'inerzia di questi, ha facoltà di provvedere direttamente ai lavori, non essendo richiesta per tale tipo di intervento la preventiva autorizzazione, e non risultando neppure di ostacolo l'eventuale divieto del locatore.

Per altri interventi di ristrutturazione, se l'autorizzazione ad eseguire i lavori è stata messa nero su bianco, con l'ulteriore clausola che prevede l'anticipo delle spese da parte del conduttore ed il successivo ristoro delle stesse a carico del locatore (o del proprietario) non avrà alcuna difficoltà, anche in sede giudiziale, ad ottenere il dovuto.

Tenga conto che, in mancanza di autorizzazione scritta ad eseguire i lavori di ristrutturazione, il locatore potrebbe anche citarla per danni, dal momento che la cosa locata va riconsegnata nelle condizioni in cui si trovava in origine.

Il locatore stesso, peraltro, è obbligato, alla scadenza del contratto di comodato, a restituire il bene ricevuto nelle stesse condizioni in cui gli stato consegnato.

13 dicembre 2014 · Annapaola Ferri

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Quote condominiali - L'amministratore non può inviare il sollecito di pagamento al datore di lavoro del condomino moroso
L'Autorità per la protezione dei dati personali ha dichiarato illecito il trattamento effettuato da un amministratore che aveva inviato un sollecito di pagamento al datore di lavoro di un condomino in ritardo con il saldo di alcune rate, anziché a lui personalmente. Il sollecito di pagamento delle rate condominiali arretrate, ...
Contratti di locazione » La riparazione dell'impianto termico è sempre a carico del locatore
Nell'ambito dei contratti di affitto o locazione, la riparazione dell'impianto termico è sempre a carico del locatore, ovvero del padrone di casa. Trattandosi di manutenzione straordinaria, le spese riguardanti l'impianto termico di riscaldamento spettano al proprietario di casa. La manutenzione dell'impianto termico è, infatti, da considerare una spesa di straordinaria ...
Contratti di locazione » I costi sostenuti per innovazioni, trasformazioni e migliorie alle strutture e agli impianti gravano sul conduttore
Nell'ambito dei contratti di locazione i costi per innovazioni, trasformazioni e migliorie dell'immobile, nonché degli impianti, vanno sostenute dal conduttore dell'appartamento e non dal locatore. Gli obblighi previsti dagli articoli 1575 e 1576 c.c. non comprendono l'esecuzione di opere di modifica o trasformazione della cosa locata, anche se imposte da ...
Canone Rai » A chi è dovuto l'onere in caso di contratto di locazione?
Si è stipulato un contratto di locazione come affittuario e l'apparecchio televisivo appartiene al proprietario dell'appartamento: chi deve pagare il canone rai? Lo spieghiamo nel prosieguo dell'articolo. E' bene notare che dal 2016 l'addebito del canone Rai, vale a dire dell'imposta sul possesso della televisione, finisce direttamente nella bolletta della ...
Responsabilità ex socio snc per debiti fiscali maturati prima del suo recesso
L'ex socio di snc è responsabile per i debiti fiscali maturati prima del suo recesso e neppure l'intervenuta estinzione della compagine sociale fa venir meno la responsabilità del socio per le obbligazioni pregresse. Com’è noto, infatti, a partire dalla cancellazione della snc contribuente dal registro delle imprese, si verifica l'estinzione ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca