Licenziamento del disabile – Illegittimo se il lavoratore era stato assunto in base alle norme che regolano il diritto al lavoro dei disabili (legge 68/1999)

Sono un disabile assunto ex legge 68/1999 con contratto di lavoro a tempo indeterminato: l’azienda datrice di lavoro, nell’ambito di una procedura di licenziamento collettivo mi ha comunicato la rescissione del contratto di lavoro.

In sede di conciliazione l’azienda ha eccepito che il licenziamento era imputabile all’applicazione dei criteri di scelta pattuiti con le organizzazioni sindacali e non ad una volontà aziendale di colpire un lavoratore svantaggiato: mi ha proposto il pagamento di una sorta di indennità di buonuscita pari a 12 mensilità dell’ultima retribuzione.

Il mio avvocato mi consiglia di non accettare e di portare l’azienda innanzi al giudice del lavoro per chiedere la reintegrazione del contratto di lavoro. Voi cosa suggerite?

Il suggerimento è assolutamente quello di seguire le corrette indicazioni del suo avvocato se, come ipotizzabile, i lavoratori impiegati dall’azienda, dopo il licenziamento collettivo, viola la quota di riserva, prevista dall’articolo 3 della legge 68/1999: infatti, l’articolo 3 (assunzioni obbligatorie e quote di riserva) della legge 68/1999 (norme per il diritto al lavoro dei disabili) prevede che i datori di lavoro pubblici e privati sono tenuti ad avere alle loro dipendenze lavoratori appartenenti alle categorie classificate come disabili (di cui all’articolo 1 della medesima legge) nella seguente misura:

  1. sette per cento dei lavoratori occupati, se occupano piu’ di 50 dipendenti;
  2. due lavoratori, se occupano da 36 a 50 dipendenti;
  3. un lavoratore, se occupano da 15 a 35 dipendenti.

L’articolo 10, comma 4 della legge 98/1999, stabilisce, poi, che il recesso dal contratto di lavoro, ovvero il licenziamento per riduzione di personale o per giustificato motivo oggettivo, esercitato nei confronti del lavoratore occupato obbligatoriamente, sono annullabili qualora, nel momento della cessazione del rapporto, il numero dei rimanenti lavoratori occupati obbligatoriamente sia inferiore alla quota di riserva prevista all’articolo 3 della presente legge ed appena sopra indicata.

Sulla questione si è anche recentemente espressa, in tal senso, la Corte di cassazione con la sentenza 26029/2019.

17 Ottobre 2019 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Contratto a tempo determinato - Licenziamento per giustificato motivo oggettivo riconducibile ad inidoneità fisica alla mansione per cui il lavoratore è stato assunto
Lavoratore privato: il 18 aprile 2019 venivo assunto con contratto a tempo determinato a causale subordinato tempo pieno scadenza contratto 18 ottobre. A luglio inizio un lungo periodo di malattia per il quale richiedo visita medica aziendale, in quanto l'ortopedico asl mi prescrive delle solette ortopediche. Il medico aziendale il 26 settembre verbalizza che sono idoneo alla mansione, ma con limitazioni temporanee di 3 mesi, vietandomi lunghi turni in piedi e l'utilizzo dell'auto. Mando una raccomandata con avviso di ricevimento all'azienda dove chiedo di poter essere assegnato per tre mesi, a servizi più ridotti e anche a stipendio ridotto. Vi ...

Licenziamento illegittimo » Quantificazione del risarcimento danni al lavoratore
Accertato il licenziamento illegittimo, come stabilire quanto è dovuto al lavoratore? La sentenza di condanna del datore di lavoro al pagamento di quanto dovuto al lavoratore, a seguito dell'accertamento della illegittimità del licenziamento, costituisce valido titolo esecutivo che non richiede ulteriori interventi del giudice per la quantificazione del credito, sicché la reintegrazione e la condanna al pagamento di un determinato numero di mensilità oppure delle retribuzioni dovutegli in virtù del rapporto non può chiedere in separato giudizio che tale condanna sia espressa in termini monetari più precisi. In questi casi, il requisito della liquidità è sufficiente a determinare il credito ...

Licenziamento del lavoratore per giustificato motivo oggettivo - Illegittimo se intimato per una crisi aziendale in corso da tempo
Il giustificato motivo oggettivo alla base del licenziamento del lavoratore deve essere valutato sulla base degli elementi di fatto esistenti al momento della comunicazione del recesso, la cui motivazione deve trovare fondamento in circostanze realmente esistenti, con la precisazione che nella nozione di giustificato motivo oggettivo di licenziamento è riconducibile anche l'ipotesi del riassetto organizzativo dell'azienda attuato al fine di una più economica gestione di essa e deciso dall'imprenditore non semplicemente per un incremento del profitto, ma per far fronte a sfavorevoli situazioni, non meramente contingenti, influenti in modo decisivo sulla normale attività produttiva, imponendo una effettiva necessità di riduzione ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Licenziamento del disabile – Illegittimo se il lavoratore era stato assunto in base alle norme che regolano il diritto al lavoro dei disabili (legge 68/1999)