Liberatoria dopo saldo stralcio ma in Centrale Rischi resto segnalato per il debito residuo - Che fare?

In merito a questa discussione preciso che ho già scritto alla Banca d'italia, risposta: a lei nessuno chiede niente! Contattata allora la finanziaria originaria erogatrice del prestito, stesso iter con risposta prevedibile: la sua posizione è risolta il giorno dello stralcio, contatti la società di recupero crediti alla quale è stato ceduto l'insoluto. Quest'ultima ha risposto: la sua posizione è risolta. Resta il legale, ma non me lo posso permettere perché sono disoccupato.

Insomma, il classico scaricabarile indecente: comprendiamo la situazione che è quella in cui versano tanti debitori i quali, nonostante la buona volontà di regolare le proprie posizioni, si trovano esposti ai soprusi ed alle vessazioni di banche e finanziarie perché non possono permettersi il lusso di farsi assistere da un avvocato e neppure trovano, sul territorio, associazioni di consumatori disposte ad affiancarli in modo efficace.

Al costo d 4 raccomandate AR (e qualche euro per le spese di segreteria) possiamo fare un tentativo per ottenere un po' di giustizia. Le prime tre raccomandate vanno inviate, in forma di reclamo, a Centrale Rischi, finanziaria e società di recupero crediti: in ciascuna delle comunicazioni si chiederà di correggere la posizione segnalata a suo nome dal momento che l'accordo transattivo concluso, e sottoscritto, prevedeva sostanzialmente la rinuncia da parte del creditore al debito residuo, come dimostra il contenuto della liberatoria (da allegare), in base alla quale il creditore ammetteva il diritto a nessuna eventuale ulteriore pretesa dopo il pagamento della cifra concordata a saldo stralcio.

Decorsi 30 giorni dalla data in cui l'ultima fra finanziaria, Centrale Rischi e società di recupero crediti avrà ricevuto la raccomandata AR, in caso di silenzio o di risposta non soddisfacente, lei potrà presentare ricorso all'Arbitro bancario Finanziario. Il ricorso all'ABF non richiede assistenza tecnico legale e si presenta con l'invio di una semplice raccomandata AR al Collegio dell'Arbitro territorialmente competente: è necessario solo scrivere una memoria in cui vengono descritti i fatti (cosa che ha già fatto anche con noi). Il costo è davvero irrisorio e si limita esclusivamente a spese di segreteria, peraltro assai contenute.

In queste pagine, a cui la rimandiamo, troverà tutte le informazioni che le servono: è un tentativo che va esperito e che in passato, per esperienza diretta, ha portato a soluzione positiva numerose situazioni complicate.

29 gennaio 2017 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

ricorso arbitro bancario finanziario

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accordo transattivo a saldo stralcio - Illegittima la segnalazione in Centrale rischi per un debito rinunciato
Com'è noto, le disposizioni che regolano le modalità e i presupposti delle segnalazioni nelle Centrali Rischi, pubbliche e private, prevedono che il creditore (banca, finanziaria e società di recupero crediti) anche quando addiviene ad una definizione transattiva, sia sempre tenuto a procedere alla segnalazione, sebbene limitatamente alla quota parte dell'importo ...
La quietanza liberatoria a seguito di un accordo transattivo a saldo stralcio serve davvero ad ottenere la cancellazione dalle Centrali Rischi o ad abbreviare i tempi di permanenza?
Prima di approfondire l'argomento indicato dal titolo, occorre svolgere alcune preliminari considerazioni sui Sistemi di Informazioni Creditizie (SIC) comunemente e sinteticamente indicati come centrali rischi. In Italia operano fondamentalmente tre soggetti in ambito privato (CRIF, CTC ed Experian Cerved) e uno in ambito pubblico, la Centrale Rischi (CR) gestita da ...
Accordo a saldo stralcio - Come deve essere redatto il testo della quietanza liberatoria
Quando il debitore non rispetta il piano di rimborso del prestito che gli è stato erogato e successivamente raggiunge un accordo transattivo a saldo stralcio con la società di recupero cessionaria del credito, particolare cautela va riservata alle modalità con cui deve essere redatta la quietanza liberatoria. Soprattutto se si ...
Accordo a saldo stralcio, debito rinunciato e illegittima segnalazione in Centrale Rischi - Il punto di vista dei giudici romani
Assume una chiara valenza transattiva l'accordo a saldo stralcio concluso con la banca, se quest'ultima, pur facendo riferimento - nella quietanza liberatoria - al debito originario parzialmente rimborsato, dichiara testualmente che l'obbligazione è stata integralmente estinta, con riferimento quindi anche alla quota eventualmente non escussa. In pratica, ciò vuol dire ...
Se il debitore ammette l'esistenza del debito al creditore cedente, la società di recupero crediti cessionaria non può avvalersi di tale ammissione ma deve provarne comunque l'esistenza
Qualora il creditore, nei cui confronti il debitore abbia ammesso stragiudizialmente l'esistenza del credito (ad esempio con una scrittura privata oppure tramite uno scambio epistolare finalizzato alla ricerca di un accordo sui tempi di rimborso) ceda il credito ad un terzo (tipicamente una società di recupero crediti) quest’ultimo, benché divenuto ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca