Liberatoria a seguito di accordo transattivo a saldo stralcio

Chiedo di sapere se la seguente liberatoria è corretta oppure no: cortesemente vorrei che mi rispondesse la signora Karadzic.

La presente per confermare che a seguito del pagamento di euro tot, la posizione xxx, come da intese intercorse transattivamente, deve ritenersi risolta e che pertanto nient'altro avremo a pretendere. Si rilascia per gli usi consentiti.

Purtroppo, dovrà accontentarsi della mia risposta: il testo della liberatoria risponde ai requisiti minimi per richiedere la cancellazione dalla centrale rischi della posizione xxx, alla scadenza di mesi 24 dalla data del versamento effettuato in base all'accordo intercorso.

Tuttavia, la visura effettuata, come da lei riportato in questa discussione, lascia intendere che il creditore originario (la finanziaria che ha erogato il credito), e/o il cessionario non hanno dato seguito, nei fatti, all'accordo transattivo.

Il suggerimento è quello di contattare entrambi per costringerli a rimettere le cose in ordine. In pratica, dalla visura in Centrale rischi dovrà emergere una segnalazione per posizione in sofferenza ceduta a terzi (9000 euro) per quanto riguarda la finanziaria, ed una segnalazione per una posizione sanata (il debito da 7200 euro saldato con 1500 euro in base all'accordo intercorso) per quel che riguarda la società di recupero crediti cessionaria.

Quel che emerge dalla lettura della visura effettuata, invece, è come se la finanziaria erogatrice dei due prestiti per complessivi 9000 euro abbia imputato i 1500 euro ad anticipo sull'esposizione totale. Ed abbia poi eventualmente ceduto il credito residuo di 7500 euro.

Tutto ruota intorno al problema di identificare a quale importo effettivo si riferisca realmente la posizione xxx citata nella liberatoria dalla società di recupero crediti cessionaria.

17 aprile 2015 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accordo bonario nel recupero crediti
accordo transattivo a saldo stralcio
cattivi pagatori - iscrizione in centrale rischi
centrale rischi banca d'italia
che cosa è un accordo a saldo stralcio
come funziona il saldo stralcio
liberatoria per annotazione nelle banche dati cattivi pagatori
quietanza liberatoria

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accordo a saldo stralcio - Come deve essere redatto il testo della quietanza liberatoria
Quando il debitore non rispetta il piano di rimborso del prestito che gli è stato erogato e successivamente raggiunge un accordo transattivo a saldo stralcio con la società di recupero cessionaria del credito, particolare cautela va riservata alle modalità con cui deve essere redatta la quietanza liberatoria. Soprattutto se si ...
Accordo transattivo a saldo stralcio - Illegittima la segnalazione in Centrale rischi per un debito rinunciato
Com'è noto, le disposizioni che regolano le modalità e i presupposti delle segnalazioni nelle Centrali Rischi, pubbliche e private, prevedono che il creditore (banca, finanziaria e società di recupero crediti) anche quando addiviene ad una definizione transattiva, sia sempre tenuto a procedere alla segnalazione, sebbene limitatamente alla quota parte dell'importo ...
Accordo a saldo stralcio e liberatoria per cancellazione dalla CRIF - errori da non commettere
Sono stata segnalata al CRIF come cattiva pagatrice (ho saltato 4 rate da pagare) ma poi ho liquidato tutto alla società finanziaria in un unica soluzione, (questi mi avevano assicurato che non ero stata segnalata) ebbene dopo 1 anno mi è arrivato un avviso di pagamento di 161.00 euro per ...
Risarcimento danni a seguito di tamponamento stradale - Se non sono coinvolte persone le spese di lite possono essere ridotte dal giudice
La controversia avente ad oggetto il risarcimento dei danni causati da un tamponamento stradale, causativo di soli danni a cose, deve ritenersi rientrante tra le cause di particolare semplicità, con la conseguenza che il giudice di merito, all'esito di tale controversia, ha facoltà di liquidare le spese di lite in ...
Acquisti online con carta di credito - La banca non risponde dell'inadempimento dell'esercente
La domanda è se sussiste, in capo all'utilizzatore di una carta di credito, il diritto al rimborso, da parte della banca, dell'importo di una transazione disposta mediante carta di credito prepagata per un acquisto effettuato online, in relazione all'inadempimento imputabile all'esercente, beneficiario del pagamento medesimo. Il contratto standard espressamente dispone ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca