Liberalizzazione mercato energia? - Tutto rimandato al 2020

Su questo blog ho letto molti interventi riguardanti la fine imminente del mercato tutelato, in merito quanto concerne la tariffazione delle bollette energetiche, per il subentro dell'era del mercato libero: ho saputo però che la liberalizzazione è stata rimandata.

E' vero?

Come mai questa inversione di rotta?

Con un emendamento al decreto Milleproroghe, la completa liberalizzazione del mercato elettrico (con la fine del mercato tutelato) viene completamente rimandata di un anno: se ne riparlerà solo dal primo luglio del 2020, quando scatterà l'obbligo per oltre 20 milioni di famiglie di firmare un nuovo contratto di fornitura del servizio, col passaggio al mercato libero.

Si tratta di un nuovo rinvio dopo quelli già decisi in passato, proprio su impulso dell'authority.

Lo stesso governo Gentiloni aveva fissato al 1 luglio 2019 il nuovo termine per la fine del mercato di maggior tutela.

A spingere la politica a rimandare più volte è il timore di rincari delle tariffe, almeno in un primo momento, e, l'impreparazione di una parte delle famiglie e destreggiarsi con un servizio per il quale non è mai chiaro come vengano suddivisi i costi, tra prezzo delle materia prima (l'elettricità o il gas), gli oneri aggiuntivi e il peso della fiscalità.

Dunque, sulla decisione di M5S e Lega incide il ritardo del processo di implementazione della riforma (manca ancora il decreto attuativo del ministero dello Sviluppo economico) ma soprattutto pesano i dubbi “politici” sull'opportunità di chiudere d'ufficio l'era dei prezzi tutelati.

Secondo la maggioranza, nonostante l'avvio del portale dell'Authority, la chiarezza sulle offerte non è sufficiente.

Forti dubbi, durante l'iter di approvazione della legge concorrenza, furono inoltre avanzati sul servizio di salvaguardia che dovrà assicurare l'Authority per l'energia per gli utenti che alla data dello switch off saranno senza fornitore.

Ora il governo stilerà un sistema “competitivo e trasparente” prima che si arrivi alla completa liberalizzazione del mercato dell'energia.

6 agosto 2018 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore gas acqua luce

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Fatturazione e bolletta energia elettrica » Nel 2018 passaggio obbligato al mercato libero: addio servizio di maggior tutela
Per quanto riguarda la fatturazione in bolletta dell'energia elettrica si andrà al passaggio obbligato al mercato libero dal 2018: scopriamo, essenzialmente, cosa cambia per l'utente/consumatore. Avete capito bene: a partire dal 2018 non ci saranno più i contratti di maggior tutela nel settore energia elettrica e gas, ovvero quei contratti ...
Energia: gas e luce » Delibera Aeeg: mercato tutelato e libero devono avere marchi distinti (debranding) - Il focus sulla situazione
Nell'ambito del mercato dell'Energia, a tutela del consumatore, deve sussistere l'obbligo di separazione del marchio tra distributori e venditori della stessa società. L'Autorità per l'energia e il gas (Aeeg) ha emanato una delibera che fissa gli obblighi di separazione funzionale per il gas e l'elettricità. In sostanza, entro il 2017 ...
I diritti del consumatore - il mercato libero dell'energia
Secondo quanto previsto dall'Unione europea, da alcuni anni in Italia, come nel resto dei Paesi del continente, ogni consumatore domestico può liberamente decidere da quale venditore e a quali condizioni acquistare energia elettrica e gas per le necessità della propria abitazione. Chi esercita questo diritto entra nel cosiddetto "mercato libero", ...
La bolletta del gas spiegata » Il mercato libero dell'energia
Il consumatore può liberamente decidere da quale fornitore e a quali condizioni acquistare energia elettrica e gas per le esigenze della propria abitazione: chi esercita questo diritto entra nel cosiddetto "mercato libero", dove è il cliente a decidere quale venditore o tipo di contratto scegliere e quando eventualmente cambiarli selezionando ...
Revoca assegnazione della casa coniugale - l'importo dell'assegno di mantenimento non deve essere necessariamente proporzionale al canone di mercato dell'immobile
Per giurisprudenza ampiamente consolidata, l'assegno per il coniuge, anche in sede di separazione, deve tendere al mantenimento del tenore di vita da questo goduto durante la convivenza matrimoniale, e indice di tale tenore di vita può essere l'attuale disparità di posizioni economiche tra i coniugi. E' vero che non può ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca