Lesione del diritto di prelazione dopo richiesta passaggio da tempo parziale a tempo pieno

Ho letto la risposta gentilmente data e inoltro ulteriore domanda. Come si svolge una causa di lavoro e quali conseguenze si possono avere?

Come le dicevo nel post precedente, lei deve essere innanzitutto sicura che le nuove assunzioni a tempo pieno riguardino lo svolgimento di mansioni equivalenti a quella cui lei è attualmente assegnata a tempo parziale.

Nell'ipotesi appena ricordata, potrà chiedere assistenza legale ad una organizzazione sindacale operante sul territorio in cui lavora. Innanzitutto, verrà esperito un tentativo di conciliazione finalizzato ad ottenere il passaggio da regime a tempo parziale a regime a tempo pieno. In caso di esito negativo della composizione bonaria del contenzioso, il suo legale presenterà ricorso al giudice del lavoro per vedere affermato il diritto al risarcimento danni per violazione delle norme sulla prelazione.

Le conseguenze a cui mi riferivo sono quelle evidentemente connesse all'inasprimento di un rapporto di lavoro con il datore di lavoro che, a quanto lei riferisce, è già abbastanza conflittuale.

21 giugno 2014 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Rifiuto del lavoratore di passare da tempo pieno a tempo parziale - Non può costituire motivo di licenziamento
La norma nazionale, interpretata alla luce di quella comunitaria, impone di ritenere che il datore di lavoro che licenzi il lavoratore che rifiuta la riduzione di orario ha l'onere di dimostrare che sussistono effettive esigenze economico ­organizzative in base alle quali la prestazione non può essere mantenuta a tempo pieno, ...
Trasformazione rapporto di lavoro a tempo parziale - Come si calcola l'anzianità per il trattamento pensionistico
Il lavoro a tempo parziale costituisce un tipo particolare di rapporto lavorativo caratterizzato dalla mera riduzione della normale durata temporale della prestazione. Il lavoratore a tempo parziale ha i medesimi diritti di un lavoratore a tempo pieno ed il suo trattamento economico e normativo è riproporzionato in ragione della ridotta ...
Alienazione della quota in comunione ereditaria - Prelazione e diritto di riscatto dei coeredi
Il coerede, che vuoi alienare a un estraneo la sua quota o parte di essa, deve notificare la proposta di alienazione, indicandone il prezzo, agli altri coeredi, i quali hanno diritto di prelazione. Questo diritto deve essere esercitato nel termine di due mesi dall'ultima delle notificazioni. In mancanza della notifica, ...
I documenti contabili non esibiti o non trasmessi a richiesta del fisco in sede di verifica non possono essere poi utilizzati in un eventuale contenzioso tributario
Le notizie ed i dati non addotti e gli atti, i documenti, i libri ed i registri non esibiti o non trasmessi in risposta agli inviti dell'Ufficio non possono essere presi in considerazione a favore del contribuente, ai fini dell'accertamento in sede amministrativa e contenziosa: per rifiuto di esibizione si ...
Risoluzione giudiziale del contratto preliminare di compravendita per inadempimento del venditore - L'acquirente ha diritto al valore attualizzato del doppio della somma di denaro a suo tempo corrisposta
La risoluzione del contratto preliminare di compravendita per inadempimento ha effetto retroattivo tra le parti, salvo il caso di contratti ad esecuzione continuata o periodica, riguardo ai quali l'effetto della risoluzione non si estende alle prestazioni già eseguite. Secondo giurisprudenza consolidata, la retroattività della pronuncia di risoluzione di un contratto ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca