Legge3/2012 sull'indebitamento familiare - Davvero devo produrre gli estratti conto di tutte le carte di credito utilizzate e lasciate in rosso?

A causa di svariati debiti, mi sto informando sulla possibilità di accedere alla legge 3/2012: ho avuto un primo colloquio con un commercialista, il quale mi ha parlato di tantissimi documenti da produrre, tra i quali gli estratti conto di alcune carte di credito che purtroppo non sono riuscito a saldare. Ora, per me reperirli è veramente difficile, le agenzie di recupero crediti alle quali i debiti sono stati ceduti, possono produrre solo l'importo del debito da me dovuto. E' davvero possibile che il Giudice possa richiedere tutti i movimenti delle carte di credito? Io avevo capito che bastassero i documenti con il debito dovuto e nel caso non potessi produrre tutti i movimenti, si parla di anni, potrei io evitare di dichiarare tutti i debiti visto che le carte hanno un importo molto basso che forse riuscirò a saldare autonomamente, mentre ciò che mi interessa risolvere è un grosso debito (mutuo per l'esattezza) con una rata molto alta che non sono più riuscito a pagare?

In effetti, la procedura di esdebitazione richiede l'indicazione delle cause dell'indebitamento e della diligenza impiegata dal debitore nell'assumere volontariamente le obbligazioni. Il giudice, inoltre, deve escludere che il debitore abbia assunto obbligazioni senza la ragionevole prospettiva di poterle adempiere, ovvero che abbia colposamente determinato il sovraindebitamento, anche per mezzo di un ricorso al credito non proporzionato alle proprie capacità patrimoniali.

Gli estratti conto delle carte di credito potrebbero servire per mostrare come il debitore abbia utilizzato i soldi spesi: ad esempio, una cosa è che egli abbia pagato fatture per visite specialistiche, un'altra che abbia impiegato il denaro per una vacanza ad Ibiza.

Ora, il suo commercialista sarà sicuramente un professionista serio e competente: tuttavia la procedura di composizione delle crisi da sovraindebitamento, ex legge 3/2012, è materia relativamente nuova e peculiare, tanto che la stessa normativa ha istituito un albo degli organismi preposti al supporto tecnico giudiziale del debitore sovraindebitato: si tratta degli Organismi di Composizione delle Crisi da sovraindebitamento (OCC).

Ed infatti, nelle procedure disciplinate dalla legge 3/2012, e cioè nell'accordo di composizione, nel piano del consumatore e nella liquidazione del patrimonio del debitore, il debitore deve essere assistito da un organismo di composizione delle crisi da sovraindebitamento.

Questo link consente di accedere al registro gestito dal Ministero della Giustizia, dove è possibile reperire l'elenco degli organismi abilitati alla composizione della crisi da sovraindebitamento, nonché tutti i dati di contatto, per ottenere adeguata assistenza nella presentazione di un'istanza di liberazione dai debiti.

16 novembre 2017 · Lilla De Angelis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

sovraindebitamento e legge per la composizione delle crisi da sovraindebitamento - esdebitazione o esdebitamento

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Banca notifica decreto ingiuntivo a debitore per scoperto su conto corrente? » Deve produrre in causa estratti conto
Banca notifica al proprio cliente decreto ingiuntivo per scoperto su conto corrente: qualora il debitore presenti l'opposizione all'atto, l'istituto di credito non solo deve produrre in causa gli estratti conto, ma dare anche prova di averli, di volta in volta, comunicati al cliente. Mettiamo il caso che un istituto di ...
In caso di contenzioso per applicazione di interessi anatocistici, la banca deve produrre gli estratti conto a far data dall'apertura del conto corrente
L'approvazione degli estratti conto non implica l'insussistenza di addebiti illegittimi da parte della banca: come è noto, infatti, l'approvazione tacita dell'estratto di conto corrente non si estende alla validità ed efficacia dei rapporti obbligatori sottostanti, ma ha la funzione di certificare la verità storica dei dati riportati nel conto; la ...
I redditi occulti e non dichiarati dal contribuente possono essere provati dall'esame dei movimenti in conto corrente di un familiare o di un collaboratore
Spetta all'Amministrazione finanziaria che contesti i dati esposti nella dichiarazione in verifica, fornire la prova dei maggiori redditi occulti: tale prova può essere raggiunta anche mediante l'accertamento di circostanze indiziarie idonee a costituire una valida presunzione. Ad esempio, idonee a costituire una valida presunzione è la stretta contiguità (familiare, collaborativa, ...
Carte di credito e CAI – domande e risposte
Cosa è la Centrale d'Allarme Interbancaria (CAI)? La CAI è l'archivio informatico costituito presso la Banca d'Italia nel quale confluiscono informazioni riguardanti irregolarità commesse dalla clientela nell'utilizzo degli assegni e delle carte di pagamento. In quali casi di utilizzo irregolare delle carte di pagamento si viene iscritti nella CAI? Solo ...
Pagamenti di importo inferiore a 5 euro anche con bancomat e carta di credito
I soggetti che effettuano l'attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali, sono tenuti ad accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito e di credito; tale obbligo non trova applicazione nei casi di oggettiva impossibilità tecnica. Al fine di promuovere l'effettuazione di operazioni di pagamento ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca