Lavori di ristrutturazione condominiali e mancato pagamento della quota da parte di uno dei condomini

L’assemblea condominiale ha approvato, circa un anno fa, la ristrutturazione dell’edificio in cui abito e le spese sono state contabilizzate e rateizzate proporzionalmente al valore delle singole quote di proprietà da parte dell’amministratore. Io, però, non sono stato in grado, avendo perso il posto di lavoro, di far fronte al pagamento delle rate nell’importo stabilito dal condominio. Alla fine il condominio ha pagato l’importo pattuito, meno la parte da me dovuta: cosa succede adesso?

Il codice civile (articolo 63 delle Disposizioni Attuative) dispone che per la riscossione dei contributi in base alla stato di ripartizione approvato dall’assemblea, l’amministratore, senza bisogno di autorizzazione di questa, può ottenere un decreto di ingiunzione immediatamente esecutivo, nonostante opposizione, ed è tenuto a comunicare ai creditori non ancora soddisfatti che lo interpellino i dati dei condomini morosi. I creditori non possono agire nei confronti degli obbligati che sono in regola con i pagamenti, se non dopo l’escussione dei condomini morosi.

Pertanto, è presumibile che l’amministratore o l’impresa che ha effettuato i lavori, chieda al giudice un decreto ingiuntivo, nei confronti del condomino moroso, dal momento che deve essere rispettato il cosiddetto beneficio di escussione, in base al quale i condomini in regola con i versamenti deliberati non possono essere assoggettati ad azione esecutiva del creditore se non dopo la riscossione coattiva del condomino moroso.

23 Settembre 2019 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Decreto ingiuntivo per debiti condominiali - Ma sto pagando l'arretrato con un piano di rientro e le rate correnti puntualmente
Per mancato pagamento delle quote relative agli oneri condominiali, il proprietario dell'immobile in cui vivo ha ricevuto richiesta per il pagamento degli arretrati, per euro 2052: a nome mio, con lettera ad avvocato ed amministratore, ho proposto piano di rientro di euro 100 mensili non avendo un lavoro ed essendo in stato di indigenza. Dopo telefonata tra proprietario, malato di parkinson e in gravi difficoltà economiche, e avvocato del condominio che non accettava l'importo, ho rettificato mandando altra lettera e aumentando importo piano di rientro a euro 200, e pagando rate correnti comprese, per un totale di 1550 euro. Nei ...

Il condomino risponde dei debiti condominiali solo in relazione alla propria quota millesimale
Il titolo esecutivo formatosi nei confronti del condominio è azionabile anche contro i singoli condomini sia pure in proporzione delle rispettive quote. E' quanto stabilito dalla Corte di Cassazione nella sentenza numero 4238 del 20 febbraio 2013. Pertanto, non trova più applicazione il principio di solidarietà passiva fra tutti i condomini, secondo il quale ciascun condomino era tenuto a rimborsare il credito per l'intero, salvo il diritto di regresso nei confronti degli altri condomini insolventi. Invece, per le obbligazioni contratte dall'amministratore nell'interesse del condominio, ciascun condomino deve rispondere solo ed esclusivamente per la propria quota. Inoltre, la regola per la ...

Contribuzione per lavori di ristrutturazione delle parti comuni in edificio bifamiliare
Ho acquistato appartamento in bifamiliare con due proprietà, senza regolamento condominiale e senza amministratore: dopo l'acquisto ho constatato gravità deterioramento parti comuni (muri portanti , ecc.). Ho chiesto all'altra proprietà di contribuire pro-quota (50% dato che sono appartamenti di uguale metratura) nelle spese di ristrutturazione (importo circa euro 30 mila) Dall'Incontro ho avuto la netta impressione che vogliano "scappare" ovvero prendere tempo e non pagare (eseguendo ad esempio Preliminare Vendita Trascritto). Cosa posso fare per cautelarmi? Pensavo di fare ricorso o domanda in Tribunale tale per cui la Trascrizione nei RR.II. indurrebbe il Notaio a NON STIPULARE. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Lavori di ristrutturazione condominiali e mancato pagamento della quota da parte di uno dei condomini